Batticuore Benessere

La pressione alta accelera l’invecchiamento osseo

Adv

Un nuovo studio sui topi, presentato a una riunione dell’American Heart Association, suggerisce che l’ipertensione può far invecchiare più velocemente le ossa

Punti salienti della ricerca:

  • Un nuovo studio sui topi ha scoperto che l’ipertensione può essere collegata a una significativa perdita ossea.
  • La qualità delle ossa nei topi giovani con pressione alta era simile alle ossa dei topi più anziani senza pressione alta, suggerendo che gli effetti dell’ipertensione sulla qualità delle ossa, che include la forza, possono imitare quelli dell’invecchiamento.
  • I ricercatori suggeriscono che la diagnosi precoce e il trattamento della pressione alta possono aiutare a scoraggiare la perdita di qualità ossea quando le persone invecchiano.

SAN DIEGO, 7 settembre 2022 — Secondo una nuova ricerca presentata oggi alla conferenza Hypertension Scientific Sessions 2022 dell’American Heart Association, i topi giovani hanno avuto una perdita ossea e un danno osseo correlato all’osteoporosi paragonabili ai topi più anziani. , tenutasi dal 7 al 10 settembre 2022 a San Diego. L’incontro è il principale scambio scientifico incentrato sui recenti progressi nella ricerca di base e clinica sull’ipertensione e sul suo rapporto con malattie cardiache e renali, ictus, obesità e genetica.

L’ipertensione e l’osteoporosi sono malattie prevalenti e le persone possono avere entrambe contemporaneamente. In questo studio, i ricercatori hanno esaminato l’infiammazione associata all’ipertensione nei topi e hanno scoperto che potrebbe essere collegata all’osteoporosi.

“Il midollo osseo è il luogo in cui vengono prodotti sia il nuovo osso che le nuove cellule immunitarie. Sospettiamo che più cellule immunitarie pro-infiammatorie nel midollo osseo possano causare danni all’osso e renderlo più debole”, ha affermato l’autrice principale dello studio Elizabeth Maria Hennen, dottoranda in ingegneria biomedica presso la Vanderbilt University di Nashville , Tennessee. “Capendo come l’ipertensione contribuisce all’osteoporosi, potremmo essere in grado di ridurre il rischio di osteoporosi e proteggere meglio le persone più avanti nella vita da fratture da fragilità e una qualità di vita inferiore”.

Nello studio, i ricercatori hanno confrontato topi giovani con ipertensione indotta a topi più anziani senza ipertensione per valutare la potenziale relazione tra ipertensione e invecchiamento osseo. L’equivalente dell’età umana era di circa 20-30 anni per i topi giovani e di circa 47-56 anni per i topi più anziani, ha detto Hennen. A un gruppo di 12 giovani topi (4 mesi di età) è stata somministrata angiotensina II, un ormone che porta all’ipertensione. I giovani topi hanno ricevuto 490 nanogrammi/chilogrammo di angiotensina II per sei settimane. Anche un gruppo di 11 topi più anziani (di 16 mesi) ha ricevuto 490 nanogrammi/chilogrammo di angiotensina II per sei settimane. Due gruppi di controllo di 13 topi giovani e 9 topi anziani hanno ricevuto una soluzione tampone che non includeva angiotensina II e questi topi non hanno sviluppato la pressione alta.

Dopo sei settimane, i ricercatori hanno analizzato le ossa dei topi di tutti e quattro i gruppi utilizzando la tomografia microcomputerizzata, una tecnica di imaging avanzata. La salute delle ossa era determinata dalla forza e dalla densità dell’osso. Sono stati utilizzati algoritmi matematici per stimare i potenziali effetti dell’ipertensione e dell’invecchiamento sulla microstruttura e sulla forza dell’osso nei topi.

Rispetto ai topi giovani senza ipertensione, i topi giovani con ipertensione indotta hanno avuto una significativa riduzione del 24% della frazione di volume osseo, una riduzione del 18% dello spessore dell’osso trabecolare spugnoso situato all’estremità delle ossa lunghe, come femori e colonna vertebrale e una riduzione del 34% della forza di rottura stimata, che è la capacità delle ossa di resistere a diversi tipi di forza.

“La forza del fallimento si traduce in ossa più deboli. Nella colonna vertebrale, la debolezza ossea può portare a fratture vertebrali più avanti nella vita”, ha detto Hennen.

Al contrario, i topi più anziani a cui è stata somministrata l’infusione di angiotensina-II non hanno mostrato una perdita ossea simile. Durante lo studio, tuttavia, i topi anziani, con o senza ipertensione, hanno mostrato una qualità ossea ridotta simile a quella dei topi giovani ipertesi.

“In questi topi, essere ipertesi in giovane età ha essenzialmente invecchiato le ossa come se avessero 15-25 anni umani in più”, ha detto Hennen.

Per valutare l’impatto dell’infiammazione sulla salute delle ossa dei topi, i ricercatori hanno analizzato il midollo osseo utilizzando la citometria a flusso. Questo strumento ha consentito ai ricercatori di identificare le singole cellule e di selezionare specifiche cellule immunitarie. Nei topi giovani ipertesi, hanno riscontrato un aumento del numero di molecole di segnalazione infiammatoria, indicando un aumento dell’infiammazione nelle ossa rispetto ai topi giovani che non avevano ricevuto angiotensina II.

“Questo aumento delle cellule immunitarie attive ci dice che i topi più anziani sono complessivamente più infiammati e che un continuo stato di infiammazione, indipendentemente dal fatto che abbiano o meno la pressione sanguigna alta, può avere un impatto sulla salute delle ossa”, ha detto Hennen. “Sembrava che la pressione alta stesse regolando il processo di rimodellamento osseo verso la perdita ossea, piuttosto che il guadagno osseo o l’equilibrio osseo, nei giovani topi ipertesi. Di conseguenza, le ossa saranno più deboli, con conseguente aumento del rischio di osteoporosi e fratture da fragilità. Negli esseri umani, questo potrebbe significare che dovremmo eseguire uno screening per l’osteoporosi nelle persone con pressione alta”.

Hennen aggiunge che questi risultati possono aiutare i ricercatori a identificare le cellule immunitarie e i meccanismi che svolgono un ruolo nella salute delle ossa umane. Questa profondità di conoscenza può portare a nuovi approcci per prevenire l’osteoporosi nella prima età adulta.

I limiti dello studio includono che è solo descrittivo, quindi sono necessarie ulteriori ricerche per indagare in che modo specificamente i diversi tipi di cellule immunitarie possono contribuire alla perdita ossea. Inoltre, non è noto se esista un legame simile negli esseri umani, quindi è necessaria una ricerca simile negli esseri umani per confermare questi risultati.

I coautori sono: Mingfang Ao, Ph.D.; Nestor de la Visitacion, Ph.D.; Wei Chen, MD, Ph.D.; Sasidhar Uppuganti, MS; Elizabeth Rendina-Ruedy, Ph.D.; Jeffry S. Nyman, Ph.D.; e David G. Harrison, MD

Lo studio è stato finanziato dal National Institutes of Health, dalla Vanderbilt University e dal Vanderbilt University Medical Center.

Nota: Hennen presenterà la riduzione della qualità ossea in un modello murino di ipertensione rispetto all’età alle 10:00 PST di sabato 10 settembre. Presentazione n. 132; Sessione 21D.

Le dichiarazioni e le conclusioni degli studi presentati alle riunioni scientifiche dell’American Heart Association sono esclusivamente quelle degli autori dello studio e non riflettono necessariamente la politica o la posizione dell’Associazione. L’Associazione non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza o affidabilità. Gli abstract presentati agli incontri scientifici dell’Associazione non sono sottoposti a revisione paritaria, anzi, sono curati da comitati di revisione indipendenti e sono considerati sulla base del potenziale da aggiungere alla diversità delle questioni scientifiche e dei punti di vista discussi durante l’incontro. I risultati sono considerati preliminari fino alla pubblicazione come manoscritto completo in una rivista scientifica sottoposta a revisione paritaria.

L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati; anche fondazioni e società (comprese farmaceutiche, produttori di dispositivi e altre società) effettuano donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione ha politiche rigorose per impedire che queste relazioni influenzino il contenuto scientifico. I ricavi delle aziende farmaceutiche e biotecnologiche, dei produttori di dispositivi e dei fornitori di assicurazioni sanitarie e le informazioni finanziarie generali dell’Associazione sono disponibili qui .

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: