Mangiare e bere

Voglie di cibi grassi riconducibile alla connessione intestino-cervello

Adv

Un soggetto alle prese con il desiderio di cibi grassi potrebbe essere tentato di incolpare la propria lingua: è difficile resistere al delizioso sapore del burro o del gelato. Ma una nuova ricerca che indaga la fonte dei nostri appetiti ha scoperto una connessione completamente nuova tra l’intestino e il cervello che guida il nostro desiderio di grasso.

Allo Zuckerman Institute della Columbia, gli scienziati che studiano i topi hanno scoperto che il grasso che entra nell’intestino innesca un segnale. Condotto lungo i nervi al cervello , questo segnale guida il desiderio di cibi grassi. Pubblicato il 7 settembre 2022 su Nature , il nuovo studio solleva la possibilità di interferire con questa connessione intestino-cervello per aiutare a prevenire scelte malsane e affrontare la crescente crisi sanitaria globale causata dall’eccesso di cibo.

“Viviamo in tempi senza precedenti, in cui il consumo eccessivo di grassi e zuccheri sta causando un’epidemia di obesità e disordini metabolici “, ha detto il primo autore Mengtong Li, Ph.D., ricercatore post-dottorato nel laboratorio di Charles Zukerman dell’Istituto Zuckerman, Ph.D., supportato dall’Howard Hughes Medical Institute. “Se vogliamo controllare il nostro insaziabile desiderio di grasso, la scienza ci sta dimostrando che il canale chiave che guida queste voglie è una connessione tra l’intestino e il cervello”.

Questa nuova visione delle scelte dietetiche e della salute è iniziata con il precedente lavoro del laboratorio Zuker sullo zucchero. I ricercatori hanno scoperto che il glucosio attiva uno specifico circuito intestino-cervello che comunica con il cervello in presenza di zucchero intestinale. I dolcificanti artificiali privi di calorie, al contrario, non hanno questo effetto, probabilmente spiegando perché le bibite dietetiche possono farci sentire insoddisfatti.

“La nostra ricerca sta dimostrando che la lingua dice al nostro cervello ciò che ci piace , come le cose che hanno un sapore dolce, salato o grasso”, ha affermato il dottor Zuker, che è anche professore di biochimica e biofisica molecolare e di neuroscienze al Vagelos College of Columbia della Medici e Chirurghi. “L’intestino, tuttavia, dice al nostro cervello ciò che vogliamo , ciò di cui abbiamo bisogno”.

Il Dr. Li ha voluto esplorare come i topi rispondono ai grassi alimentari: i lipidi e gli acidi grassi che ogni animale deve consumare per fornire i mattoni della vita. Ha offerto ai topi bottiglie d’acqua con grassi disciolti, incluso un componente dell’olio di soia, e bottiglie d’acqua contenenti sostanze dolci note per non influenzare l’intestino ma che inizialmente sono attraenti. I roditori hanno sviluppato una forte preferenza, nell’arco di un paio di giorni, per l’acqua grassa. Hanno formato questa preferenza anche quando gli scienziati hanno modificato geneticamente i topi per rimuovere la capacità degli animali di assaggiare il grasso usando la loro lingua.

“Anche se gli animali non sentivano il sapore del grasso, erano comunque spinti a consumarlo”, ha detto il dottor Zuker.

I ricercatori hanno ragionato sul fatto che il grasso deve attivare specifici circuiti cerebrali che guidano la risposta comportamentale degli animali al grasso. Per cercare quel circuito, il dottor Li ha misurato l’attività cerebrale nei topi mentre somministrava grasso agli animali. I neuroni in una particolare regione del tronco cerebrale, il nucleo caudale del tratto solitario (cNST), si sono rianimati. Questo è stato intrigante perché il cNST è stato anche implicato nella precedente scoperta del laboratorio delle basi neurali della preferenza per lo zucchero.

Il dottor Li ha quindi trovato le linee di comunicazione che portavano il messaggio al cNST. Anche i neuroni nel nervo vago , che collega l’intestino al cervello, cinguettavano di attività quando i topi avevano grasso nell’intestino.

Dopo aver identificato il meccanismo biologico alla base della preferenza di un topo per il grasso, il dottor Li ha poi esaminato da vicino l’intestino stesso: in particolare le cellule endoteliali che rivestono l’intestino. Ha trovato due gruppi di cellule che inviavano segnali ai neuroni vagali in risposta al grasso.

“Un gruppo di cellule funziona come un sensore generale dei nutrienti essenziali, rispondendo non solo ai grassi, ma anche agli zuccheri e agli aminoacidi”, ha affermato il dott. Li. “L’altro gruppo risponde solo al grasso, aiutando potenzialmente il cervello a distinguere i grassi da altre sostanze nell’intestino”.

Il Dr. Li ha poi fatto un importante passo avanti bloccando l’attività di queste cellule usando un farmaco. L’interruzione della segnalazione da entrambi i gruppi cellulari ha impedito ai neuroni vagali di rispondere al grasso nell’intestino. Ha quindi utilizzato tecniche genetiche per disattivare i neuroni vagali stessi oi neuroni nel cNST. In entrambi i casi, un topo ha perso l’appetito per il grasso.

“Questi interventi hanno verificato che ciascuno di questi passaggi biologici dall’intestino al cervello è fondamentale per la risposta di un animale al grasso”, ha affermato il dott. Li. “Questi esperimenti forniscono anche nuove strategie per cambiare la risposta del cervello al grasso e possibilmente il comportamento verso il cibo”.

La posta in gioco è alta. I tassi di obesità sono quasi raddoppiati in tutto il mondo dal 1980. Oggi, quasi mezzo miliardo di persone soffre di diabete.

“Il consumo eccessivo di alimenti economici e altamente trasformati ricchi di zucchero e grassi sta avendo un impatto devastante sulla salute umana, specialmente tra le persone a basso reddito e nelle comunità di colore”, ha affermato il dottor Zuker. “Meglio capiamo come questi alimenti dirottano il meccanismo biologico alla base del gusto e dell’asse intestino-cervello, maggiori saranno le opportunità che avremo di intervenire”.

Scott Sternson, Ph.D., professore di neuroscienze presso l’Università della California, San Diego, che non è stato coinvolto nella nuova ricerca, ha evidenziato il suo potenziale per migliorare la salute umana .

“Questo entusiasmante studio offre informazioni sulle molecole e sulle cellule che costringono gli animali a desiderare il grasso”, ha affermato il dottor Sternson, il cui lavoro si concentra su come il cervello controlla l’appetito. “La capacità dei ricercatori di controllare questo desiderio può eventualmente portare a trattamenti che possono aiutare a combattere l’obesità riducendo il consumo di cibi grassi ipercalorici “.

Il documento, intitolato “Gut-Brain Circuits for Fat Preference”, è stato pubblicato il 7 settembre 2022 su Nature . I suoi autori sono Mengtong Li, Hwei-Ee Tan, Zhengyuan Lu, Katherine S. Tsang, Ashley J. Chung e Charles S. Zuker.


Ulteriori informazioni: circuiti intestino-cervello per la preferenza del grasso, Nature (2022). DOI: 10.1038/s41586-022-05266-z

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: