Benessere Mangiare e bere

Il cibo che fa bene a noi fa bene anche al pianeta?

Adv

L’ecologa QUT Dr. Ayesha Tulloch, il dietista Professor Gallegos e l’ecologista UQ Dr. Rachel Oh hanno analizzato 150 pagine web da sei regioni del mondo e hanno scoperto che l’83% delle 2.556 raccomandazioni per prodotti alimentari che potrebbero “aumentare” l’immunità erano a base vegetale.

“Abbiamo trovato una variazione: da un massimo dell’82,5% delle raccomandazioni alimentari a base vegetale dell’Australia a un minimo del 77,7% nel Regno Unito”, ha affermato il professor Gallegos.

“Sebbene non ci siano prove che un qualsiasi alimento fornisca l’immunità dalle malattie infettive, la dieta generale di una persona può influire sulla sua salute e sulla suscettibilità alle malattie. L’unico approccio basato sull’evidenza all’immunità alle malattie è la vaccinazione.

“Studi clinici mostrano, tuttavia, che una cattiva alimentazione aumenta il rischio di infezione e sostanze nutritive come la vitamina D, lo zinco e i fitonutrienti presenti nelle piante proteggono dalle malattie, possono migliorare la difesa e la resistenza alle infezioni”.

I sei gruppi di alimenti più frequentemente raccomandati erano tutti di origine vegetale:

  • crucifere e verdure a foglia verde es. broccoli
  • Frutta e verdura ricche di vitamina C, ad esempio agrumi, ananas
  • altre verdure
  • noccioline
  • frutta e verdura ricche di licopene come pomodori, peperoni rossi/capsicum
  • cipolle e aglio

“Mangiando ogni giorno una porzione extra di qualsiasi alimento in questi sei gruppi di alimenti più frequentemente raccomandati, si riduce, in media, il rischio di malattie croniche e mortalità per tutte le cause.

“Dei 23 gruppi di alimenti complessivamente raccomandati, abbiamo scoperto che i gruppi di alimenti (di origine animale o vegetale) con frequenze di raccomandazione online più elevate presentavano rischi per la salute relativi significativamente inferiori rispetto ai gruppi di alimenti meno raccomandati”.

Il Dr. Tulloch ha affermato che anche gli impatti ambientali medi dei sei gruppi alimentari di prim’ordine sono stati generalmente inferiori rispetto ai gruppi alimentari raramente raccomandati.

“Abbiamo determinato per ciascuno dei 150 alimenti in che modo la produzione agricola di una porzione di ciascun alimento ha avuto un impatto su cinque tipi di degrado ambientale: emissioni di gas serra, uso del suolo , uso di acqua dolce ponderato per la scarsità e acidificazione del suolo ed eutrofizzazione (due forme di inquinamento da nutrienti) utilizzando i dati di due studi globali”, ha affermato il dottor Tulloch.

“La nostra analisi ha mostrato che mangiare una porzione di un alimento raccomandato più frequentemente rispetto a uno meno consigliato, comporterebbe minori impatti ambientali per le emissioni di gas serra e l’uso del suolo e minori rischi per la salute.

“Sebbene gli ambienti terrestri vadano meglio quando le persone mangiano il cibo raccomandato più frequentemente, non abbiamo trovato questo risultato per gli impatti acquatici della produzione degli alimenti più raccomandati.

“I gruppi di alimenti altamente raccomandati tendevano ad avere un impatto maggiore sugli ambienti acquatici , a causa dell’uso di sostanze chimiche e acqua dolce durante la produzione.

“Il significativo aumento degli impatti dell’acqua dolce con la frequenza delle raccomandazioni del gruppo alimentare è stato determinato principalmente dall’elevato consumo di acqua necessario per produrre latticini, frutti di mare d’allevamento, noci, alcuni frutti e legumi.

“L’inquinamento nutritivo dei corsi d’acqua è aumentato anche con i cibi vegetali frequentemente raccomandati come noci, bacche e alcune verdure”.

I ricercatori hanno anche scoperto che non tutti gli alimenti raccomandati hanno benefici congiunti nel ridurre gli impatti negativi sia sulla salute che sull’ambiente.

“Ad esempio, yogurt, uova e pollame costituivano il 6°, l’11° e il 17° alimento più frequentemente raccomandato, nonostante si trovassero nel quartile più alto dei peggiori risultati per l’impatto ambientale e sulla salute.

“Quindi, gli alimenti a basso impatto sul suolo possono avere un impatto ambientale elevato se la loro produzione è dominata da metodi intensivi di acqua, fertilizzanti e pesticidi che utilizzano grandi volumi di acqua e producono l’acidificazione dell’acqua e la crescita di alghe”.

I ricercatori hanno affermato che l’interesse del pubblico per la salute del cibo e gli impatti ambientali è stata un’opportunità per costruire una comunità impegnata e autorizzata.

“Consentire al pubblico di cambiare le abitudini alimentari e il consumo di cibo verso pratiche più sostenibili è complesso e richiede una combinazione di approcci e le informazioni online non dovrebbero essere ignorate in questo mix”, ha affermato il professor Gallegos.

“In tempi di crisi, quando è più probabile che le persone cerchino informazioni, l’opportunità di interagire con il pubblico online e creare consapevolezza su un cambiamento comportamentale vantaggioso”.

“I co-benefici ambientali e di salute pubblica dei consumatori passano a alimenti che supportano l’immunità” è stato pubblicato su Ambio .


Ulteriori informazioni: Ayesha IT Tulloch et al, Environmental and public health co-benefits of consumer passa a cibo a supporto dell’immunità, Ambio (2022). DOI: 10.1007/s13280-021-01693-w

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: