Sport e movimento

Ritmo importante quanto i 10.000 passi per la salute, trovano nuove ricerche

Adv

La scienza conferma l’obiettivo dei 10.000 passi al giorno

Gli studi, pubblicati sulle principali riviste JAMA Internal Medicine e JAMA Neurology , hanno monitorato 78.500 adulti con tracker indossabili, rendendo questi i più grandi studi per monitorare oggettivamente il conteggio dei passi in relazione ai risultati sulla salute.

I ricercatori dell’Università di Sydney, in Australia, e dell’Università della Danimarca meridionale hanno scoperto che un ridotto rischio di demenza, malattie cardiache, cancro e morte è associato al raggiungimento di 10.000 passi al giorno. Tuttavia, un passo più veloce come un power walk ha mostrato benefici al di sopra e al di là del numero di passi raggiunti.

“Il messaggio da portare a casa qui è che per i benefici per la salute protettiva le persone non solo potrebbero idealmente mirare a 10.000 passi al giorno, ma anche mirare a camminare più velocemente”, ha affermato il co-autore principale Dr Matthew Ahmadi, Research Fellow presso l’Università di Sydney Charles Perkins Centro e Facoltà di Medicina e Salute.

“Per le persone meno attive, il nostro studio dimostra anche che un minimo di 3.800 passi al giorno può ridurre il rischio di demenza del 25 percento”, ha affermato il co-autore principale Professore Associato Borja del Pozo Cruz dell’Università della Danimarca meridionale e ricercatore senior in salute all’Università di Cadice.

Punti chiave:

  • Ogni 2.000 passi riduceva il rischio di morte prematura in modo incrementale dall’8 all’11%, fino a circa 10.000 passi al giorno.
  • Associazioni simili sono state osservate per le malattie cardiovascolari e l’incidenza del cancro.
  • Un numero maggiore di passaggi al giorno era associato a un minor rischio di demenza per tutte le cause
  • 9.800 passi era la dose ottimale legata a un minor rischio di demenza del 50 percento, tuttavia il rischio è stato ridotto del 25 percento a partire da 3.800 passi al giorno
  • L’intensità del passo o un ritmo più veloce hanno mostrato associazioni benefiche per tutti gli esiti (demenza, malattie cardiache, cancro e morte) oltre i passi giornalieri totali.

“Il conteggio dei passi è facilmente comprensibile e ampiamente utilizzato dal pubblico per tenere traccia dei livelli di attività grazie alla crescente popolarità di fitness tracker e app, ma raramente le persone pensano al ritmo dei propri passi”, ha affermato l’autore senior Emmanuel Stamatakis, professore di attività fisica , Stile di vita e salute della popolazione presso l’Università di Sydney.

“I risultati di questi studi potrebbero informare le prime linee guida formali sull’attività fisica basate su fasi e aiutare a sviluppare programmi di salute pubblica efficaci volti a prevenire le malattie croniche”.

Come è stato condotto lo studio?

Lo studio ha attinto ai dati della biobanca britannica per collegare i dati sul conteggio dei passi di 78.500 adulti britannici di età compresa tra 40 e 79 anni con risultati sulla salute a 7 anni di distanza. I partecipanti hanno indossato un accelerometro da polso per misurare l’attività fisica in un periodo di 7 giorni (minimo 3 giorni, compreso un giorno del fine settimana e il monitoraggio durante i periodi di sonno).

Con il consenso dell’etica, queste informazioni sono state collegate alle cartelle cliniche dei partecipanti attraverso diverse fonti di dati e registri tra cui ospedali ricoverati, cartelle cliniche di assistenza primaria e registri di cancro e morte.

Sono stati inclusi nella valutazione finale solo coloro che erano liberi da malattie cardiovascolari, cancro o demenza al basale e liberi da malattia nei primi due anni dello studio. Sono stati apportati anche aggiustamenti statistici per fattori confondenti, come il fatto che le persone che fanno più passi generalmente camminano più velocemente.

I ricercatori osservano che gli studi sono osservazionali, il che significa che non possono mostrare causa ed effetto diretti, tuttavia, notano le associazioni forti e coerenti osservate in entrambi gli studi a livello di popolazione.

“Le dimensioni e la portata di questi studi che utilizzano tracker indossati al polso ne fanno la prova più solida fino ad oggi suggerendo che 10.000 passi al giorno sono il punto debole per i benefici per la salute e camminare più velocemente è associato a benefici aggiuntivi”, ha affermato il dottor Matthew Ahmadi.

“Andare avanti più ricerche con l’uso a lungo termine dei tracker farà più luce sui benefici per la salute associati a determinati livelli e intensità del passo quotidiano”.

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: