Equilibrio

Il diabete di tipo 1 aumenta i rischi per la depressione, l’ansia per i bambini, gli adolescenti

Adv

I bambini con diabete di tipo 1 hanno rischi elevati di sviluppare depressione, ansia e disturbi legati allo stress, secondo i dati dello studio pubblicato su Diabetes Care.

Fattori familiari condivisi possono contribuire a questi maggiori rischi, secondo Shengxin Liu , una studentessa di dottorato, e Agnieszka Butwicka,  MD, PhD, assistente professore, entrambi nel dipartimento di epidemiologia medica e biostatistica presso l’Istituto Karolinska di Solna, in Svezia.

Liu, Butwicka e colleghi miravano a studiare l’associazione e la coaggregazione familiare del diabete di tipo 1 a esordio infantile con depressione, ansia e disturbi legati allo stress.

Lo studio di coorte basato sulla popolazione ha caratterizzato i dati dei registri nazionali svedesi. I ricercatori hanno collegato circa 3,5 milioni di persone nate in Svezia dal 1973 al 2007 ai loro genitori biologici, fratelli pieni, fratellastri e cugini. Hanno utilizzato i modelli di Cox per stimare l’associazione e la coaggregazione familiare del diabete di tipo 1 con depressione, ansia e disturbi legati allo stress.

Rispetto agli individui senza diabete di tipo 1, quelli con diagnosi di diabete di tipo 1 a esordio nell’infanzia (n = 20.005; 0,6%) erano a maggior rischio per tutti gli esiti; questi includevano qualsiasi diagnosi psichiatrica (HR aggiustato = 1,66; IC 95%, 1,59-1,72) o diagnosi specifiche di depressione (aHR = 1,85; IC 95%, 1,76-1,94), ansia (aHR = 1,41; IC 95%, 1,33- 1,5) e disturbi legati allo stress (aHR = 1,75; IC 95%, 1,62-1,89), insieme all’uso di antidepressivi o ansiolitici (aHR = 1,3; 95%, 1,26-1,34).

Inoltre, i parenti di persone con diabete di tipo 1 hanno dimostrato maggiori rischi per lo sviluppo di questi risultati, con i rischi più elevati osservati per i genitori (aHRs = 1,18-1,25), seguiti da fratelli (aHRs = 1,05-1,2) con rischi maggiori per quelli più strettamente correlati, hanno osservato i ricercatori.

“Molti clinici presumono intuitivamente che il diabete in un bambino influisca negativamente sulla salute mentale sia del paziente che dei membri della famiglia. La risposta non sembra così semplice, poiché il nostro studio indica che potrebbe esserci anche una componente genetica dietro questa associazione”, hanno detto Liu e Butwicka a Healio.

Hanno aggiunto che la vigilanza clinica e l’intervento terapeutico dovrebbero coinvolgere anche i familiari stretti, non solo le persone con diabete.

“Sono necessari ulteriori studi per comprendere appieno i contributi genetici e ambientali sottostanti che guidano i disturbi psichiatrici nel diabete di tipo 1”, hanno affermato Liu e Butwicka.

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: