Ricerca

La terapia combinata per il diabete tipo 1 migliora l’effetto dell’insulina alternativa, nei topi

Adv

Un gruppo di ricerca dell’Università di Nagoya in Giappone ha scoperto un nuovo trattamento per il diabete di tipo 1 che utilizza la leptina, un ormone secreto dalle cellule adipose. Trattando modelli murini di diabete mellito insulino-dipendente (una condizione riscontrata principalmente nel diabete di tipo 1) con una combinazione di leptina e un farmaco chiamato inibitore della PTP1B, hanno scoperto che i livelli di glucosio nel sangue si normalizzavano senza l’uso di insulina. 

Trovare nuove cure per i diabetici è importante. Sebbene la scoperta dell’insulina abbia reso il diabete di tipo 1 meno letale, gli studi hanno rivelato ulteriori problemi che devono essere risolti. Ciò include la necessità per tutta la vita di frequenti iniezioni sottocutanee ed effetti collaterali come ipoglicemia (basso livello di zucchero nel sangue), accumulo di grasso e accumulo di grasso all’interno delle arterie.  

Scienziati che studiano i roditori hanno scoperto che la somministrazione centrale di leptina a modelli animali di diabete mellito insulino-dipendente normalizza il metabolismo del glucosio senza l’uso di insulina. A differenza dell’insulina, la somministrazione di leptina riduce il rischio di ipoglicemia. Sopprime anche la sintesi dei grassi. Tuttavia, la somministrazione periferica di leptina ha avuto effetti limitati sul metabolismo del glucosio negli studi sui roditori e sull’uomo, rendendone difficile l’applicazione clinica. 

Un gruppo di ricerca dell’Università di Nagoya, composto dal Professore Associato Ryoichi Banno per il Research Center of Health, Physical Fitness, and Sports, in collaborazione con il Professor Hiroshi Arima del Dipartimento di Diabete ed Endocrinologia, ha scoperto che l’efficacia limitata della leptina può essere migliorata da inibendo PTP1B. Hanno riportato i loro risultati nel diabete . 

La proteina-tirosina fosfatasi 1B (PTP1B) è un enzima ampiamente presente in tutto il corpo. In assenza di PTP1B, la segnalazione del recettore della leptina nel sistema nervoso centrale è migliorata. Pertanto, il gruppo ha ipotizzato che la somministrazione combinata di leptina e un inibitore della PTP1B in topi modello di diabete mellito insulino-dipendente migliorerebbe i livelli di glucosio. Inoltre, hanno identificato il meccanismo della leptina, confermando che agisce sul cervello, in particolare sui neuroni POMC nell’ipotalamo. Promuove anche l’assorbimento del glucosio negli organi periferici, come i muscoli e il tessuto adiposo bruno, attraverso il sistema nervoso autonomo. 

Il gruppo intende condurre ulteriori ricerche per valutare le future applicazioni cliniche. Il Dr. Banno è entusiasta delle potenzialità del trattamento. “Se questo metodo di trattamento viene applicato clinicamente”, afferma, “ci aspettiamo che riduca la frequenza e la quantità di iniezioni sottocutanee di insulina utilizzate nel trattamento convenzionale, diminuisca la frequenza dell’ipoglicemia causata dalla terapia insulinica e riduca il rischio di aumento di peso. ” 

Questa ricerca è stata supportata da una sovvenzione per giovani scienziati della Società giapponese per la promozione della scienza (2618K16225) e una sovvenzione dalla rete IDDM giapponese. 


 

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: