EASD 2021 2022 Mangiare e bere

#EASD2022 Elevato apporto di cereali integrali, fibre, pesce e acidi grassi omega-3 legato a un minor rischio di morte negli adulti con diabete di tipo 2

Adv
  •  Revisione di tutte le prove disponibili, inclusi 107 studi osservazionali prospettici che esaminano l’impatto di diversi fattori dietetici sul rischio di morte prematura negli adulti con diabete di tipo 2

Una dieta ricca di cereali integrali, fibre, pesce e acidi grassi polinsaturi n-3 (PUFA) può ridurre il rischio di morte per tutte le cause negli adulti con diabete di tipo 2 (T2D), secondo una revisione sistematica e una meta-analisi che sintetizza tutte le prove disponibili, presentate all’incontro annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD) di quest’anno a Stoccolma, Svezia (19-23 settembre).

“Ci sono alcune raccomandazioni e linee guida dietetiche per le persone con diabete di tipo 2, ma la maggior parte non sono basate sull’evidenza o derivano da studi sulla popolazione generale”, afferma l’ autrice la dott.ssa Janett Barbaresko del German Diabetes Center di Düsseldorf, in Germania. ” La nostra rigorosa valutazione delle migliori prove attualmente disponibili indica con ragionevole certezza che una dieta ricca di cereali integrali, fibre, pesce e PUFA, oltre a consumare più verdure e proteine ??vegetali, può aiutare le persone con diabete di tipo 2 a vivere più a lungo”.

Tuttavia, i ricercatori sottolineano che le prove limitate su altri fattori dietetici, inclusi modelli dietetici, alimenti come latticini, carne e tè e micronutrienti come caffeina e vitamina D, sottolineano la necessità di studi più solidi e completi per comprendere meglio il impatto di diversi fattori dietetici sulla progressione del DT2.

Le persone con T2D sono più inclini a malattie circolatorie, demenza, cancro e fratture ossee. E nonostante un numero crescente di farmaci efficaci, le modifiche dello stile di vita, come l’esercizio fisico e la dieta, rimangono una pietra angolare del trattamento.

Tuttavia, poco si sa sulla dieta e sulla prevenzione di malattie e morte nelle persone che vivono con DT2. Alcuni studi hanno valutato l’associazione tra fattori dietetici specifici come la dieta mediterranea o l’assunzione di verdure sulla mortalità per tutte le cause nel DT2, ma la relazione con diversi fattori dietetici non è stata riassunta in modo completo.

Per saperne di più, i ricercatori tedeschi hanno condotto una revisione sistematica di 107 studi osservazionali prospettici che indagano su qualsiasi fattore dietetico (ad esempio, modelli dietetici, alimenti e gruppi di alimenti, macronutrienti [ carboidrati, grassi, proteine ] e micronutrienti [minerali e vitamine] composti vegetali secondari [ es. polifenoli] e integratori [ad es. vitamina E, magnesio]) e il rischio di morte per tutte le cause negli adulti (di età pari o superiore a 18 anni) con T2D, fino a giugno 2022.

Complessivamente, sono stati inclusi 72 studi in 45 meta-analisi che hanno confrontato gli effetti di un’assunzione elevata rispetto a una bassa assunzione e per valutare la relazione dose-risposta tra fattori dietetici e morte per qualsiasi causa, su una media di 10 anni. Il numero di partecipanti inclusi nelle meta-analisi variava da 1.073 a 84.816. La certezza dell’evidenza è stata valutata per determinare la fiducia nei meta-risultati [1].

Le analisi hanno rilevato che vi era una moderata certezza dell’evidenza di un’associazione protettiva tra l’assunzione di cereali integrali, fibre, pesce, PUFA n-3 e morte per tutte le cause. L’aggiunta di una porzione (20 g/giorno) di cereali integrali da alimenti come pane integrale e riso o cereali per la colazione è stata associata a una riduzione di circa il 16%. Ogni porzione settimanale di aumento del consumo di pesce era associata a un rischio di morte inferiore del 5%.

Allo stesso modo, un’assunzione aggiuntiva di 5 g al giorno di fibra alimentare (equivalente a una pera media o due frumento grattugiato) e un aumento di 0,1 g al giorno di n-3 PUFA è stato associato a un rischio ridotto di morte per tutte le cause: 14% e 13 % inferiore, rispettivamente. Il corpo non produce acidi grassi n-3 in modo naturale, quindi buone fonti includono pesce, olio vegetale, noci (soprattutto noci), semi di lino e olio di semi di lino e verdure a foglia.

L’evidenza di una minore certezza suggerisce anche che mangiare grandi quantità di verdure e proteine ??vegetali può essere utile. Un aumento giornaliero di 100 g di verdure e 10 g di proteine ??vegetali come noci, tofu, fagioli, lenticchie e piselli è stato associato a un rischio di morte rispettivamente del 12% e del 9% inferiore.

I possibili effetti benefici di questi alimenti includono il loro legame con i cambiamenti favorevoli della pressione sanguigna, del colesterolo, dei livelli di zucchero nel sangue e degli effetti antinfiammatori, che potrebbero aiutare a ridurre il rischio di comorbidità come malattie cardiovascolari e cancro.

Al contrario, una maggiore assunzione di uova e colesterolo nella dieta era associata a un aumentato rischio di morte per qualsiasi causa: un aumento di 10 g al giorno dell’assunzione di uova (equivalente a due uova medie a settimana) era associato a un rischio maggiore del 5% di morte, mentre l’aggiunta di 300 mg di colesterolo nella dieta al giorno è stata collegata a un aumento del 19%.

Per altri fattori dietetici, non è stata trovata alcuna associazione e/o l’evidenza era molto incerta, tra cui: modelli dietetici come la dieta mediterranea e la dieta povera di carboidrati e ricca di proteine; alimenti compresi noci, latticini, carne, zucchero e dolci; macronutrienti inclusi carboidrati e micronutrienti come caffeina e vitamina D.

“Sono necessarie ulteriori ricerche per fornire prove più solide e complete sui diversi fattori dietetici e sulla progressione del diabete “, afferma la dott.ssa Sabrina Schlesinger del German Diabetes Center di Düsseldorf e del German Center for Diabetes Research (DZD) di Monaco-Neuherberg (partner a Düsseldorf), che ha condotto lo studio. “Ma se le persone con diabete di tipo 2 sono in grado di aggiungere alcune porzioni di cereali integrali, fibre, pesce, oli vegetali e verdure alle loro diete settimanali, i nostri risultati suggeriscono che potrebbe essere un modo semplice e a basso rischio per migliorare eventualmente i loro risultati .”

Gli autori osservano che lo studio è osservazionale e quindi non dimostra che le persone con DT2 che seguono una dieta ricca di cereali integrali, fibre, pesce e PUFA n-3 vivranno più a lungo. Piuttosto, mostra un’associazione. Notano anche che il piccolo numero di studi in molte meta-analisi può limitare le conclusioni che si possono trarre.


[1] La certezza dell’evidenza è stata valutata utilizzando l’approccio GRADE che tiene conto del rischio all’interno dello studio di bias, incoerenza, indirettezza e imprecisione tra gli studi, bias di pubblicazione, entità dell’effetto e relazione dose-risposta. Un’elevata certezza dell’evidenza indica che esiste un’elevata fiducia nella stima dell’effetto e che ulteriori ricerche probabilmente non modificheranno la stima dell’effetto, mentre una moderata certezza dell’evidenza indica una moderata fiducia nella stima dell’effetto e ulteriori studi possono modificare la stima dell’effetto. Una bassa certezza dell’evidenza indica una bassa confidenza nella stima dell’effetto ed è probabile che ulteriori studi cambino la stima dell’effetto e una certezza dell’evidenza molto bassa indica che sono disponibili meta-evidenza molto limitata e incerta.

Il Centro tedesco per il diabete è finanziato dal Ministero federale della salute tedesco e dal Ministero della scienza e della cultura dello Stato della Renania settentrionale-Vestfalia. Lo studio è stato sostenuto in parte dal Centro tedesco per la ricerca sul diabete (DZD). I finanziatori non hanno avuto alcun ruolo nella progettazione dello studio o nella raccolta, analisi e interpretazione dei dati.

Gli autori non dichiarano conflitti di interesse.

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: