EASD 2021 2022 Mangiare e bere

#EASD2022 I latticini in quantità moderate possono proteggere dal diabete di tipo 2, la carne rossa e lavorata ne aumenta il rischio, suggerisce una ricerca italiana

Adv

·        I latticini in quantità moderate possono proteggere dal diabete di tipo 2, ma la carne rossa e lavorata aumenta il rischio, suggerisce una ricerca italiana

·        Elevato apporto di cereali integrali, fibre, pesce e acidi grassi omega-3 legato a un minor rischio di morte negli adulti con diabete di tipo 2

Una nuova ricerca presentata al meeting annuale della European Association for the Study of Diabetes a Stoccolma, Svezia (19-23 settembre) mostra che i prodotti lattiero-caseari, in particolare quelli a basso contenuto di grassi e lo yogurt, sono associati a un minor rischio di sviluppare il tipo 2 diabete (T2D).

La carne rossa e lavorata era collegata a un rischio maggiore di DT2, ma al loro posto si potevano consumare quantità moderate di pesce e uova , affermano i ricercatori italiani.

T2D è la forma più comune di diabete e si verifica quando il pancreas non è in grado di produrre abbastanza insulina (l’ormone che promuove l’assorbimento del glucosio dal sangue nelle cellule del corpo, mantenendo normali livelli di zucchero nel sangue) e/o l’insulina che produce non non funziona correttamente (bassa sensibilità all’insulina).

Sovrappeso e obesità sono i principali fattori di rischio e si prevede che l’incidenza del T2D aumenterà. Le complicazioni comuni includono malattie cardiache, malattie renali, perdita della vista e problemi circolatori che possono portare all’amputazione del piede.

Le linee guida dietetiche esistenti 1 per la prevenzione del T2D raccomandano di mangiare cibi specifici a base vegetale come cereali integrali, verdure, frutta, legumi, olio d’oliva e in genere consigliano di limitare il consumo della maggior parte dei prodotti animali.

Tuttavia, non tutte le fonti di proteine ??animali sono nutrizionalmente uguali. Sapere come i diversi prodotti animali sono associati al T2D consentirebbe di aggiornare le linee guida, rendendo più facile per le persone scegliere gli alimenti migliori per ridurre il rischio di diabete.

Per fare ciò, la dott.ssa Annalisa Giosuè, del Dipartimento di Medicina Clinica e Chirurgia, Università di Napoli Federico II, Napoli, Italia, e colleghi hanno effettuato una revisione delle meta-analisi esistenti sui legami tra i diversi alimenti di origine animale e il diabete. Questo tipo di “revisione delle recensioni” fornisce uno dei più alti livelli di evidenza disponibili in medicina.

I database PubMed, Web of Science, Scopus ed Embase sono stati ricercati per meta-analisi dose-risposta di studi sulla relazione tra diversi alimenti e T2D.

Le 13 meta-analisi adatte contenevano 175 stime di quanti 12 diversi prodotti animali (carne totale, carne rossa, carne bianca, carne lavorata, pesce, latticini totali, latticini interi, latticini magri, latte, formaggi, yogurt e uova) possono aumentare o ridurre il rischio di sviluppare DT2. (La carne rossa include manzo, agnello e maiale, mentre la carne bianca include pollo e tacchino. La carne lavorata include pancetta, salsicce e salumi.)

C’è stato un aumento sostanziale del rischio di T2D con il consumo di 100 g/giorno di carne totale (aumento del rischio del 20%) e 100 g/giorno di carne rossa (aumento del 22%) e con 50 g/giorno di carni lavorate (aumento del 30% ). La qualità delle prove era moderata.

50 g/die di carne bianca erano associati a un minore aumento del rischio di T2D (4%).

Il dottor Giosuè afferma: “Ci sono diverse potenziali ragioni per questo. Ad esempio, la carne rossa e lavorata sono importanti fonti di componenti come acidi grassi saturi, colesterolo e ferro eme, tutti noti per promuovere l’infiammazione cronica di basso livello e lo stress ossidativo, che, a loro volta, possono ridurre la sensibilità delle cellule all’insulina.

“ Le carni lavorate contengono anche nitrati, nitriti e sodio che, tra gli altri effetti avversi, possono danneggiare le cellule del pancreas che producono insulina .

“La carne bianca, in confronto, ha un contenuto di grassi inferiore, un profilo di acidi grassi più favorevole e una quantità inferiore di ferro eme”.

I latticini, al contrario, sembravano proteggere dal T2D o avevano una relazione neutra con lo sviluppo della condizione.

Il latte (200 g/giorno) è stato associato a una riduzione del rischio del 10%, i latticini totali (200 g/giorno) con una riduzione del rischio del 5% e i latticini a basso contenuto di grassi (200 g/giorno) con una riduzione del 3%. Lo yogurt (100 g/giorno) è stato associato a una riduzione del rischio del 6%.

È stato riscontrato che il formaggio (30 g/giorno) e i latticini interi (200 g/giorno) non hanno alcun effetto sul rischio di T2D. La qualità delle prove era da moderata a bassa.

Il dottor Giosuè afferma: “I latticini sono ricchi di nutrienti, vitamine e altri composti bioattivi che possono influenzare favorevolmente il metabolismo del glucosio, l’elaborazione dello zucchero da parte dell’organismo.

“Ad esempio, è noto che le proteine ??del siero di latte nel latte modulano l’aumento dei livelli di zucchero nel sangue dopo aver mangiato.

“I probiotici sono anche noti per esercitare effetti benefici sul metabolismo del glucosio, il che potrebbe spiegare perché abbiamo scoperto che un consumo regolare di yogurt è associato a un rischio ridotto di diabete di tipo 2”.

Aggiunge che, sebbene i risultati suggeriscano che i latticini a basso contenuto di grassi sono più benefici dei latticini interi, la scoperta dovrebbe essere trattata con cautela, a causa delle ridotte dimensioni della riduzione del rischio e della bassa qualità delle prove.

Anche 100 g/die di pesce e un uovo/die avevano un’associazione neutra con il rischio di T2D, con una bassa qualità dell’evidenza.

Il dottor Giosuè afferma: “Il diabete di tipo 2 è una delle principali cause di morte correlata all’alimentazione nel mondo. Imparare di più su come i diversi componenti della dieta aumentano o diminuiscono il rischio di diabete di tipo 2 è la chiave per la sua prevenzione.

“Sebbene siano necessarie ricerche più ben condotte per ottenere un’elevata qualità delle prove necessarie per fornire solide raccomandazioni, la nostra ampia revisione delle prove scientifiche mostra che il consumo regolare di latticini in quantità moderate, in particolare di prodotti a basso contenuto di grassi, latte e yogurt, può aiutano a ridurre il rischio di diabete di tipo 2.

“È anche chiaro che mentre la carne rossa e lavorata dovrebbe essere consumata con parsimonia, quantità moderate di pesce e uova potrebbero essere buoni sostituti”.

Riferimenti:

  1. https://diabetesjournals.org/care/article/45/Supplement_1/S39/138909/3-Prevention-or-Delay-of-Type-2-Diabetes-and

 

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: