Educazione

La ricerca fa avanzare la riabilitazione per coloro che vivono con arti artificiali

Ci sono più di 2 milioni di persone che vivono con un’amputazione negli Stati Uniti, con circa 400 aggiunte ogni giorno. Per molti di loro, le protesi o gli arti artificiali fanno parte della loro vita e hanno bisogno di imparare di nuovo come si muovono i loro corpi con i loro nuovi arti.

Il trucco per imparare a usare un nuovo arto – e riguadagnare fiducia nel movimento – ha meno a che fare con la protesi stessa e più con la mente, secondo una ricerca appena pubblicata dal ricercatore di fisioterapia dell’UNLV Szu-Ping Lee. Adottando il giusto focus attenzionale durante la riabilitazione, i pazienti possono apprendere nuove abilità meglio e più velocemente.

“Le malattie vascolari e il diabete stanno diventando più comuni e una delle conseguenze a lungo termine è l’amputazione”, ha affermato Lee. “È importante che medici come protesisti e fisioterapisti applichino la scienza più recente in modo che i loro pazienti possano imparare più velocemente e conservare le abilità che hanno appreso meglio”.

L’attuale standard di pratica nella riabilitazione dei milioni di amputati nel paese dà la priorità a istruzioni focalizzate internamente in cui ai pazienti viene detto di muovere le articolazioni o contrarre i muscoli in determinati modi, che è una mentalità non ottimale che Lee dice che dovremmo pensare a cambiare. E la scienza si basa sulla ricerca di kinesiologia sportiva costruita dal collega professore dell’UNLV Gabriele Wulf.

Andiamo a giocare a golf per una migliore comprensione:

Dopo esserti avvicinato alla palla e aver letto il green, raddrizzi le spalle, allineando il putt. A questo punto, la maggior parte di noi si sta concentrando sulla propria forma e misurando ogni movimento muscolare come uno pseudo-professionista. Questo è il processo standard per la riabilitazione, il focus interno.

Ma c’è un’altra strada da seguire. Invece di dare priorità al movimento del nostro corpo , concentrarsi sul percorso della palla o semplicemente sulla buca è più intuitivo e funziona meglio. Questo è ciò di cui stanno parlando Wulf e Lee: il focus è sul risultato, non sul movimento stesso.

La ricerca del professor Wulf negli ultimi 20 anni ha dimostrato che il focus esterno per le attività motorie porta a un apprendimento più rapido ea una migliore efficacia del movimento e dell’efficienza neuromuscolare. Lee spera che questa tecnica possa aiutare gli amputati a padroneggiare più rapidamente l’uso degli arti artificiali .

“Con il tipo sbagliato di messa a fuoco o istruzione utilizzata durante la terapia fisica, le conseguenze possono essere catastrofiche: la gamba artificiale diventa un fermacarte in un armadio”, ha detto Lee. “Vogliamo far progredire la pratica clinica e questo è l’obiettivo finale. Vogliamo che la terapia fisica migliori sempre di più per i pazienti”.

Per questa ricerca è stata monitorata la riabilitazione protesica dell’arto inferiore di 21 adulti, insieme alle istruzioni verbali fornite. I risultati hanno mostrato che la maggior parte delle interazioni verbali erano focalizzate internamente (standard) sui movimenti del corpo dei pazienti e non esternamente sugli effetti del movimento. Sono in corso ulteriori ricerche per valutare come i risultati dell’apprendimento motorio come l’equilibrio e la prevenzione delle cadute possono essere migliorati con istruzioni migliori.

Lo studio, “Direzione del focus attenzionale nell’allenamento protesico: pratica attuale e potenziale per migliorare l’apprendimento motorio negli individui con perdita degli arti inferiori”, è stato pubblicato a luglio sulla rivista PLOS One .


Ulteriori informazioni: Szu-Ping Lee et al, Direzione del focus attenzionale nell’allenamento protesico: pratica attuale e potenziale per migliorare l’apprendimento motorio negli individui con perdita degli arti inferiori, PLOS ONE (2022). DOI: 10.1371/journal.pone.0262977

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: