EASD 2021 2022

#EASD2022 Sovrappeso, non glicemia alta, associati ad un aumentato rischio di infezione da COVID-19 e Long COVID

Adv

·         Le analisi di oltre 30.000 adulti nel Regno Unito provenienti da nove studi prospettici di coorte rilevano che un elevato BMI pre-pandemico era associato a un rischio più elevato di infezione da COVID-19 e Long COVID .

·         Tuttavia, le analisi hanno trovato poche prove che i livelli elevati di zucchero nel sangue o il diabete aumentino il rischio di infezione da COVID-19 o Long COVID.

Secondo una meta-analisi di oltre 30.000 adulti britannici provenienti da nove ampi studi di coorte prospettici, un elevato indice di massa corporea (BMI), piuttosto che alti livelli di zucchero nel sangue, sono associati a rischi eccessivi di infezione da COVID-19 e Long COVID.

I risultati della dott.ssa Anika Knuppel dell’Unità MRC per la salute e l’invecchiamento permanente, University College London, Regno Unito, e colleghi sono stati presentati quest’anno all’incontro annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD) a Stoccolma, Svezia (19-23 settembre).

” All’inizio della ricerca sulla pandemia ha identificato il diabete e l’obesità come fattori di rischio per ammalarsi gravemente di COVID-19. E sappiamo che molte persone che convivono con il diabete di tipo 2 sono anche in sovrappeso. I nostri primi risultati supportano l’idea che i meccanismi legati all’obesità possano essere responsabili dei rischi eccessivi di COVID-19 associati al diabete, piuttosto che l’alto livello di zucchero nel sangue di per sé”, afferma il dottor Knuppel .

Precedenti ricerche hanno dimostrato che le persone con diabete e obesità hanno maggiori probabilità di ammalarsi gravemente e morire se contraggono il COVID-19, ma non hanno più probabilità di contrarlo. Tuttavia, i meccanismi sottostanti e il loro ruolo nei sintomi post-COVID-19 prolungati (long covid), rimangono poco chiari.

Per saperne di più, i ricercatori hanno cercato associazioni tra una serie di caratteristiche cliniche misurate prima della pandemia: HbA1c (livello medio di zucchero nel sangue), diabete auto-riferito o basato su farmaci, indice di massa corporea (BMI) e rapporto vita-fianchi (WHR) – e l’infezione da COVID-19 auto-riferita e il Long COVID in nove studi di coorte in corso nel Regno Unito [1].

Le analisi includevano le misurazioni più recenti (effettuate tra il 2002 e il 2019) di HbA1c, peso, altezza, circonferenza vita e fianchi di ciascuno studio, nonché informazioni da questionari su salute e stile di vita.

Tutti i partecipanti idonei (massimo 31.252, di età compresa tra 19 e 75 anni, 57% donne) disponevano di dati su misurazioni precedenti e hanno completato almeno un questionario durante la pandemia di COVID-19 (da maggio 2020 a settembre 2021) che copriva domande su COVID-19 e, ove possibile, domande sulla durata dei sintomi correlati al COVID-19 in corso.

I partecipanti hanno riferito di avere COVID-19 sulla base di un test positivo o di un forte sospetto. Il Long COVID è stato definito come i sintomi che sono andati avanti o hanno influenzato il funzionamento per più di quattro settimane dopo l’infezione ed è stato confrontato con quelli che hanno riportato sintomi per meno di quattro settimane.

Ove possibile, le associazioni sono state adeguate per sesso, fumo, etnia, reddito e istruzione al momento della misurazione.

Tra maggio 2020 e settembre 2021, 5.806 partecipanti hanno riferito di aver mai avuto COVID-19 e 584 hanno riferito di avere un Long COVID-19 (circa il 7% dei casi di COVID-19 con informazioni sulla durata dei sintomi).

L’analisi dei dati di 31.252 partecipanti in nove studi ha rilevato che un BMI più elevato era associato a maggiori probabilità di infezione da COVID-19, con il rischio del 7% più alto per ogni aumento di 5 kg/m 2 di BMI. Le persone con sovrappeso (BMI 25-29,9 kg/m2 ) e obesità (30 kg/m2 o superiore) avevano rispettivamente il 10% e il 16% in più di probabilità di infezione da COVID-19 rispetto agli individui di peso sano (meno di 25 kg/ m 2 ).

Risultati simili sono stati osservati per Long COVID (4.243 partecipanti, sei studi), con il rischio del 20% in più per ogni aumento di 5 kg/m di BMI. Le persone con sovrappeso e obesità avevano rispettivamente il 20% e il 36% in più di probabilità di Long COVID . Tuttavia, sia per l’infezione da COVID che per le lunghe associazioni COVID con categorie di BMI non sono state tutte statisticamente significative (quindi non possiamo essere sicuri che non siano dovute al caso).

Le analisi sull’associazione con WHR sono state inconcludenti.

In particolare, gli studi incentrati sul livello medio di zucchero nel sangue (HbA1c) e sul diabete (15.795 partecipanti e 1.917 per il Long COVID) non hanno rivelato alcuna associazione con COVID-19 o Long-COVID.

I ricercatori sottolineano la necessità di ulteriori ricerche per esplorare i meccanismi alla base di queste associazioni e per ridurre l’eccesso di rischio associato a un BMI elevato. “I nostri primi risultati suggeriscono un legame dell’adiposità con l’infezione da COVID-19 e il Long COVID-19 anche dopo aver preso in considerazione i fattori socio-demografici e il fumo. Dobbiamo esplorare ulteriormente ciò che rende le persone con sovrappeso e obesità a rischio di esiti peggiori e in che modo questo si collega a casi gravi”, afferma Knuppel.

Gli autori riconoscono che lo studio è stato osservazionale e non può dimostrare che un BMI più elevato aumenti il ??rischio di infezione da COVID-19 e non possono escludere la possibilità che altri fattori non misurati (ad esempio condizioni sottostanti) o dati mancanti possano aver influenzato i risultati. Sottolineano inoltre che COVID-19 era basato sul sospetto piuttosto che su un test positivo e le misurazioni cliniche effettuate prima della pandemia potevano essere obsolete per alcuni degli studi inclusi. Infine, osservano che i partecipanti allo studio erano più sani della popolazione generale, il che potrebbe limitare le conclusioni che si possono trarre.


Note:

[1] Le analisi preliminari includevano dati provenienti da un massimo di 9 studi di coorte prospettici nel Regno Unito:

  •  Lo studio di coorte britannico del 1970 (BCS70)
  •  Nato a Bradford (BiB)*
  •  The English Longitudinal Study of Aging (ELSA)*
  •  Generazione Scozia (GS)
  •  Lo studio di coorte del millennio (MCS)
  •  Lo studio nazionale sull’infanzia e lo sviluppo (NCDS)
  •  L’indagine nazionale MRC su salute e sviluppo (NSHD)*
  •  Studio longitudinale Avon su genitori e figli (ALSPAC G1)
  •  Understanding Society (USoc), lo studio longitudinale delle famiglie nel Regno Unito.

*Non incluso nelle analisi del Long COVID.

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: