EASD 2021 2022

#EASD2022 La procedura chirurgica semplice ed economica per le ulcere del piede diabetico riduce notevolmente i tempi di guarigione e i tassi di amputazione

Adv

Uno studio del Regno Unito rileva che la nuova procedura chirurgica accelera la guarigione efficace, riduce i tassi di recidiva e amputazione e riduce i costi sanitari dell’88% rispetto alle cure conservative

L’ esecuzione di un intervento chirurgico proattivo per regolare la meccanica del piede, sembra essere efficace nel trattamento delle ulcere del piede diabetico, una complicanza comune e debilitante del diabete , senza le potenziali complicanze e con un costo significativamente inferiore rispetto alla gestione conservativa.

Lo studio preliminare, presentato alla riunione annuale dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete (EASD), tenutasi quest’anno (19 settembre-24 settembre), descrive come queste procedure giornaliere in 19 pazienti hanno risolto con successo tutte le ulcere del piede, prevenuto la sepsi del piede diabetico e ridotto i tassi di recidiva e amputazione rispetto a 15 pazienti trattati in modo conservativo.

“Sebbene la procedura sia relativamente semplice, il suo potenziale è rivoluzionario”, afferma l’autore principale, il dott. Adrian Heald del Salford Royal NHS Foundation Trust, Salford, Regno Unito.

Le ulcere del piede diabetico sono piaghe aperte o ferite che si verificano in circa il 15% delle persone con diabete ad un certo punto della loro vita, con un costo stimato di £ 935 milioni per il SSN [1]. Le ulcere si trovano comunemente nelle aree soggette a maggiore carico come la pianta del piede e sono responsabili di circa l’80% delle amputazioni degli arti inferiori nelle persone con diabete.

Nel Regno Unito, i tassi di mortalità dopo l’ulcerazione del piede diabetico sono elevati, con fino alla metà dei pazienti che muoiono entro 5 anni dallo sviluppo di un’ulcera, salendo al 70% entro 5 anni dopo un’amputazione [2].

L’intervento precoce è importante nella gestione delle ulcere del piede diabetico, con le persone che ricevono cure esperte che ottengono più rapidamente i migliori risultati. I chirurghi ortopedici e vascolari sono diventati parte integrante della maggior parte dei team multidisciplinari specializzati nel settore del piede diabetico nel Regno Unito per offrire interventi reattivi alla complicanza comune della sepsi del piede diabetico, come il drenaggio dell’ascesso o l’amputazione.

In questo studio, i ricercatori descrivono come un elenco di procedure giornaliere all’interno di team multidisciplinari di specialisti del piede diabetico abbia influenzato i risultati eseguendo semplici procedure chirurgiche proattive.

Tra aprile 2019 e aprile 2021, a 19 pazienti con ulcere del piede diabetico (senza ascessi associati) è stata offerta una procedura percutanea eseguita in anestesia locale da un chirurgo ortopedico, mentre 14 pazienti sono stati trattati in modo conservativo, con la migliore gestione medica e podiatrica.

Lo scopo dell’intervento era di regolare la meccanica del piede per rimuovere la pressione sulla regione ulcerata per accelerare la guarigione.

Tutti i 19 pazienti sottoposti a intervento chirurgico avevano evidenza di diabete e/o neuropatia (danno nervoso ). Di questi, 10 pazienti (età media 71 anni, 8 maschi, 2 femmine) con ulcere all’apice del piede e tendini flessori danneggiati sono stati sottoposti a allentamenti del tendine del piede in cui il tendine è stato tagliato per rilassare la punta del piede in posizione eretta.

Altri 9 pazienti (età media 49 anni, tutti maschi) con ulcere alla pianta del piede dietro le dita e tensione al tendine d’Achille sono stati sottoposti ad allungamento del tendine d’Achille per allungare il tendine per consentire al paziente di camminare a piedi piatti.

Dopo un anno di follow-up, tutti i pazienti del gruppo chirurgico hanno raggiunto con successo la risoluzione dell’ulcera (tempo medio 3,3-4,5 settimane) rispetto a tre pazienti (36%) nel gruppo di cura abituale (tempo medio 20 settimane; vedere tabella nelle note a editori).

Durante il follow-up, nessun paziente nel gruppo chirurgico è stato ricoverato per sepsi del piede diabetico rispetto a sette (46%) nel gruppo di cura abituale. E la recidiva dell’ulcera si è verificata solo in due pazienti (10%) nel gruppo chirurgico rispetto a 10 (66%) nella coorte di trattamento conservativo.

Allo stesso modo, l’amputazione era più comune nel gruppo di cura abituale (7 pazienti, 66%) rispetto al gruppo chirurgico (2 pazienti, 10%). Nessun paziente nella coorte di chirurgia è morto, mentre sei nel gruppo di terapia conservativa sono morti.

I ricercatori stimano che rispetto al costo medio delle cure usuali di £ 9.902, il costo medio della nuova procedura è stato di £ 1.211, con un risparmio medio di £ 8.691 per paziente, una riduzione dell’88% dei costi sanitari dopo la procedura.

“Il nostro studio è il primo nel Regno Unito a dimostrare la fattibilità pratica e finanziaria di semplici interventi ortopedici per accelerare la guarigione delle ulcere meccaniche dell’avampiede per i pazienti con neuropatia diabetica”, afferma il dott. Heald. ” Invitiamo altre squadre multidisciplinari del piede diabetico a esplorare questa opzione di trattamento”.


Note:

[1] Il rapporto evidenzia la necessità di un intervento precoce per le ulcere del piede diabetico – NHS Digital
[2] Contesto | Problemi del piede diabetico: prevenzione e gestione | Guida | SIMPATICO

Lo studio non ha ricevuto finanziamenti.

Gli autori non dichiarano conflitti di interesse.

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: