EASD 2021 2022

#EASD2022 Verso un approccio olistico e personalizzato per il diabete tipo 2

Adv

Un punto chiave: all’interno del congresso, otterremo il background, la fisiopatologia, gli aspetti diagnostici e i risultati dell’effetto di dapagliflozin sulla popolazione diabetica tipo 2.

E questa terapi?a evidenzia quanto sia importante per i diabetologi controllare meglio i propri pazienti per l’insufficienza cardiaca perché possiamo effettivamente curarli ora.

Tuttavia, Rydén, del Karolinska Institute, Stoccolma, ha messo in guardia sull’uso degli inibitori SGLT2 nelle persone con diabete che usano l’ insulina , dato il rischio di chetoacidosi diabetica euglicemica. “Questi farmaci hanno effetti collaterali e devi stare attento a chi li prescrivi. Per quelli che fanno più iniezioni giornaliere di [insulina], gli effetti collaterali probabilmente superano i benefici”. Pertanto nisba diabete tipo 1

Tirzepatide, perdita di peso e remissione del diabete di tipo 2

Il 21 settembre, un simposio fornirà nuovi dati per la tirzepatide agonista del doppio glucagone-simile peptide-1 (GLP-1) e del polipeptide insulinotropico glucosio-dipendente (GIP), approvato per il trattamento del diabete di tipo 2 negli Stati Uniti a maggio con il marchio Mounjaro. L’agente è ora allo studio come trattamento dell’obesità.

I dati dello studio SURMOUNT-1 presentato alla riunione dell’ADA a giugno hanno mostrato che il farmaco ha prodotto una perdita di peso “senza precedenti” fino al 22,5%.

All’EASD, tali risultati saranno esaminati e nuovi dati presentati su morbilità e mortalità, insieme a un nuovo commento. Il grado di perdita di peso riscontrato con questo nuovo twincretin ha favorito la discussione sul concetto di remissione nel diabete di tipo 2, ha osservato Rydén. Questo sarà anche l’argomento del simposio d’ala rivista EASD Diabetologia del 21 settembre, dal titolo “Remissione del diabete di tipo 2: realtà o finzione?”

Riguardo alla tirzepatide, Rydén ha dichiarato: “È incredibile, il più potente farmaco anti-obesità che abbiamo a nostra disposizione. Questi farmaci rallentano lo svuotamento gastrico e hanno altri effetti benefici… Ora ci stiamo avvicinando a farmaci che producono più del 15% perdita di peso. Sembra essere la “pallottola magica” in cui è possibile ottenere la remissione del diabete di tipo 2″. Ha indicato un simposio sponsorizzato da The Lancet su questo argomento durante la riunione dell’EASD dell’anno scorso.

“Penso che quello che vogliamo con i nostri farmaci non sia curare, ma in realtà combattere il diabete di tipo 2 e ottenere davvero la remissione. Certo, se ce l’hai da molti decenni potrebbe essere impossibile, ma sappiamo che in particolare che nei primi 5-10 anni è molto importante avere un buon controllo della glicemia e che possiamo anche ottenerne la remissione”.

Del Prato ha osservato che l’importanza della riduzione del peso al momento della diagnosi del diabete di tipo 2 sarà sottolineata nel documento di consenso ADA/EASD sulla gestione dell’iperglicemia nel diabete di tipo 2, che sarà presentato nella sua forma definitiva il 23 settembre.

“Penso che impareremo di più sulla potenziale remissione in futuro, sia a tramite la chirurgia metabolica che di agenti come la tirzepatide. La riduzione del peso corporeo che può essere ottenuta [con questi nuovi farmaci], o che è stata segnalata finora, è più vicino a ciò che si può ottenere con la chirurgia metabolica. Penso che ci saranno sempre più informazioni e molte discussioni su questo e, naturalmente, sulla definizione di remissione e su cosa fare dopo che si è verificata la remissione”, Del Prato ha affermato.

Il documento di consenso ADA/EASD rivisto dovrebbe approvare la perdita di peso come “obiettivo co-primario” di cura per coloro che non hanno malattia cardiorenale, insieme all’inizio precoce di terapie combinate, ad esempio, l’assunzione di due farmaci immediatamente dopo la diagnosi, piuttosto che solo metformina — in contrasto con il precedente approccio graduale. Il documento tratterà anche l’uso di nuove terapie ipoglicemizzanti, interventi chirurgici e interventi comportamentali.  

La chiave è un approccio olistico, ha detto Del Prato. “Certo, il controllo della glicemia è importante, ma non è l’unica cosa. Anche l’eterogeneità della popolazione con diabete è importante. Alcuni potrebbero già avere complicazioni microvascolari, disfunzione renale, essere più o meno obesi, anziani o giovani. Dobbiamo tenere a mente queste differenze per fornire un trattamento sempre più individualizzato”.

In relazione a ciò ci sarà un simposio congiunto EASD/ADA il 19 settembre, intitolato “Medicina di precisione nel diabete di tipo 2: quanto lontano possiamo arrivare?”

Inoltre Il 21 settembre si terrà un simposio su COVID-19 e diabete.

Concludendo, il Presidente EASD Stefano Del Prato ha detto: “Siamo ancora in un’era della medicina in cui accadono molte cose ogni anno. Ora abbiamo la prossima generazione di farmaci in arrivo che combinano molte aree di trattamento: obesità, cardiologia e nefrologia. Quindi, stiamo integrando Il futuro è l’integrazione del mondo del diabete con i nostri amici in altre aree della medicina clinica”.

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: