Terapie

Oltre la perdita di peso

 I miglioramenti del dolore, la mobilità persistono a lungo dopo la chirurgia bariatrica

I miglioramenti nel dolore, nella funzione fisica e nella produttività del lavoro persistono in gran parte per almeno sette anni dopo la chirurgia bariatrica, nonostante alcuni arretramenti rispetto agli alti livelli di miglioramento osservati negli anni immediatamente successivi all’intervento chirurgico, riferiscono gli epidemiologi dell’Università di Pittsburgh oggi in JAMA Network Open .  

I risultati, che mostrano che i miglioramenti persistono anche con i partecipanti che invecchiano nel corso dello studio, possono aiutare a informare i medici, gli assicuratori sanitari e i pazienti, molti dei quali si sottopongono a un intervento chirurgico per alleviare il dolore articolare e migliorare la mobilità.  

“Gli adulti con obesità grave hanno molte più probabilità di provare dolore articolare significativo e limiti alle loro capacità fisiche”, ha affermato Wendy C. King, Ph.D. , professore associato di epidemiologia presso la Pitt’s School of Public Health . “L’obesità porta a una necessità precoce di sostituzione del ginocchio e dell’anca. Tuttavia, agli adulti con obesità grave può essere negato un intervento chirurgico alle articolazioni fino a quando non perdono peso. E, se limitazioni fisiche e dolore interferiscono con le prestazioni lavorative, potrebbe essere necessario perdere peso per mantenere l’occupazione”. 

Per sette anni, King e i suoi colleghi hanno seguito 1.491 adulti che, tra il 2006 e il 2009, hanno ricevuto un bypass gastrico Roux-en-Y o una gastrectomia a manica, i due trattamenti chirurgici più comuni ed efficaci per l’obesità grave. Al momento dell’intervento chirurgico, i partecipanti allo studio avevano un’età media di 47 anni e l’80% erano donne.  

I partecipanti sono stati arruolati nella valutazione longitudinale della chirurgia bariatrica-2 (LABS-2), finanziata dal National Institutes of Health , uno studio prospettico di coorte su pazienti statunitensi sottoposti a chirurgia per la perdita di peso. 

La nuova ricerca si basa su uno studio precedente di King e dei suoi colleghi che ha scoperto che, nei tre anni successivi alla chirurgia bariatrica, dal 50% al 70% dei partecipanti allo studio ha riportato miglioramenti clinicamente importanti nei livelli di dolore, nella funzione fisica e nella normale velocità di deambulazione.  

“All’epoca, quella ricerca forniva la valutazione più ampia e più lunga dei cambiamenti nel dolore e nella funzione fisica dopo le moderne procedure bariatriche”, ha detto King. “Il nostro nuovo studio più che raddoppia questo lasso di tempo, offrendo a pazienti e medici una migliore comprensione della probabilità che la chirurgia bariatrica produca risultati duraturi”. 

Nella loro analisi aggiornata, i ricercatori hanno scoperto che a sette anni dall’intervento chirurgico, il 43% dei partecipanti ha avuto miglioramenti clinicamente importanti nel dolore, il 64% nella funzione fisica e il 50% nel tempo di camminata di 400 metri, il tutto in calo tra 7 e 11 punti percentuali dalla valutazione triennale.   

Tra i partecipanti con sintomi indicativi di osteoartrosi prima di sottoporsi a chirurgia bariatrica, a sette anni dall’intervento, il 65% ha riportato miglioramenti nel dolore all’anca, mentre il 72% ha riportato miglioramenti nella funzionalità del ginocchio, entrambi in calo rispetto al 77% a tre anni dall’intervento.  

Il calo da piccolo a moderato del dolore e i miglioramenti della funzione fisica non sono sorprendenti, considerando che i partecipanti sono anche invecchiati nel corso dello studio fino a una mediana di 54 anni, ha detto King. Ricerche precedenti mostrano che alcuni aspetti della funzione fisica, come l’equilibrio e la forza, iniziano a diminuire quando le persone raggiungono i 50 anni e altri, come la velocità di camminata e la resistenza aerobica, in genere diminuiscono nella sesta decade di vita.  

“In media, i partecipanti hanno sperimentato miglioramenti duraturi nella velocità di camminata, nella forma fisica e in quasi tutte le metriche del dolore”, ha affermato King.  

Inoltre, i partecipanti hanno riferito che il dolore e lo stato di salute hanno interferito meno con la loro capacità di lavorare dopo l’intervento chirurgico, con il 43% dei partecipanti che ha segnalato un lavoro compromesso a causa della salute sette anni dopo l’intervento, in calo rispetto al 63% prima dell’intervento.  

“Combinato, il nostro studio fornisce ottime notizie sugli effetti duraturi della chirurgia bariatrica”, ha affermato King. “Ma i medici dovrebbero guardare ai pazienti come individui e considerare la loro storia di salute completa, gli obiettivi e le motivazioni per la perdita di peso quando forniscono consulenza prechirurgica sui potenziali risultati”. 

Ulteriori autori di questa ricerca sono Amanda S. Hinerman, Ph.D., e Gretchen E. White, Ph.D., entrambi di Pitt.  

Nessun finanziamento è stato fornito per questa analisi specifica, ma LABS-2 è stato finanziato attraverso un accordo di cooperazione dal National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases .  

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: