Batticuore

Porca miseria? La variabile diabetica

Adv

Il diabete è la variabile che più influenza il numero di decessi per infarto

Uno studio condotto da ricercatori brasiliani ha analizzato i fattori di rischio e scoperto che la riduzione del fumo ha prevenuto la maggior parte dei decessi per malattie cardiovascolari, mentre l’alto livello di zucchero nel sangue ha avuto l’impatto più significativo sulla mortalità

Diversi fattori aumentano il rischio di infarto, come glicemia alta (iperglicemia), obesità, livelli anormali di colesterolo, pressione alta (ipertensione) e fumo. Uno studio condotto in Brasile e riportato in un articolo  pubblicato  sulla rivista  PLOS ONE ha  misurato l’impatto di questi fattori. I ricercatori hanno analizzato i dati per la popolazione brasiliana raccolti tra il 2005 e il 2017, determinando il numero di decessi attribuiti a ciascun fattore di rischio. Lo scopo dello studio era quello di contribuire allo sviluppo di strategie più efficaci per ridurre l’incidenza delle malattie cardiovascolari, che sono state a lungo le principali cause di morte in Brasile.

Lo studio, supportato da FAPESP, ha quantificato l’impatto di ciascun fattore associato alla morte per malattie cardiovascolari. L’iperglicemia era correlata da 5 a 10 volte di più rispetto ad altri fattori. 

Il set di dati proveniva da fonti governative come il Ministero della Salute, il Ministero dello Sviluppo Sociale e l’IBGE, l’ufficio nazionale di statistica, nonché da fonti estere come il Global Health Data Exchange (GHDx) e l’Institute for Health Metrics dell’Università di Washington e valutazione (IHME).

“Indipendentemente dal controllo che abbiamo utilizzato – e abbiamo testato variabili, modelli statistici e metodi di diverso tipo – il diabete è stato anche associato alla mortalità per malattie cardiovascolari. Inoltre, l’associazione non si è limitata all’anno analizzato ma è durata fino a un decennio”, ha affermato  Renato Gaspar , uno degli autori  supportati da FAPESP . Gaspar sta conducendo una ricerca post-dottorato presso il Laboratorio di Biologia Vascolare dell’Istituto del Cuore (InCor) annesso alla Facoltà di Medicina dell’Università di San Paolo (FM-USP).

La ricerca precedente ha stabilito un’equazione per calcolare il numero di decessi prevenuti o differiti dai cambiamenti nei fattori di rischio. Sulla base di ciò, i ricercatori hanno calcolato il tasso di mortalità “prematura” rispetto all’aspettativa di vita media, concludendo che circa 5.000 persone non sarebbero morte per malattie cardiovascolari nel periodo analizzato se l’incidenza del diabete fosse stata inferiore. D’altra parte, almeno 17.000 morti sono state evitate da una riduzione del fumo durante i 12 anni in questione. 

Secondo gli autori, i risultati forniscono la prova che le strategie per ridurre il fumo erano fondamentali per ridurre la mortalità per malattie cardiovascolari.

Le differenze tra uomini e donne erano significative anche per gli scienziati, che osservano che le disparità specifiche per sesso hanno ribadito i risultati di altri studi che mostrano che il diabete e l’iperglicemia sono fattori di rischio più significativi per le donne rispetto agli uomini.

Impatto socioeconomico

La mortalità e l’incidenza delle malattie cardiovascolari sono diminuite rispettivamente del 21% e dell’8% in Brasile tra il 2005 e il 2017, principalmente a causa del migliore accesso all’assistenza sanitaria di base e della riduzione del fumo. Questa scoperta ha tenuto conto dell’importanza dell’ipertensione, che è spesso associata a malattie cardiache. Tuttavia, il contributo dell’iperglicemia è stato sette volte quello dell’ipertensione, probabilmente perché l’accesso al servizio sanitario universale e una migliore copertura delle cure primarie hanno innalzato il controllo dell’ipertensione nella popolazione complessiva.

Questa analisi è stata corroborata dalla constatazione che l’associazione tra iperglicemia e mortalità per malattie cardiovascolari era indipendente dallo stato socioeconomico e dall’accesso all’assistenza sanitaria. I ricercatori hanno inserito covariabili nei modelli analizzati, per adeguare il reddito familiare, i programmi di trasferimento di denaro del governo come Bolsa Família, il prodotto interno lordo (PIL pro capite), il numero di medici ogni 1.000 abitanti e la copertura delle cure primarie.

“Oltre all’importanza di aumentare il reddito, ridurre la disuguaglianza e la povertà e migliorare l’accesso e la qualità dell’assistenza sanitaria, dobbiamo guardare al diabete e all’iperglicemia in un modo specifico”, ha affermato Gaspar, osservando che il consumo eccessivo di zucchero e le questioni correlate non sono ampiamente discussi in Brasile. “Serve una politica di educazione alimentare. Dovremmo discutere se vale la pena mettere degli avvertimenti sui cibi ricchi di zuccheri, come già facciamo sui pacchetti di sigarette, o imporre una tassa extra per convincere i produttori a ridurre la quantità di zucchero in questi prodotti. Altri paesi discutono di queste cose e dovremmo farlo qui”. 

Per aiutare a combattere le malattie cardiovascolari, la politica sanitaria dovrebbe mirare direttamente a ridurre la prevalenza dell’iperglicemia, attraverso l’educazione nutrizionale, restrizioni su cibi e bevande con zuccheri aggiunti o un migliore accesso a nuove classi di farmaci che riducono il rischio di infarto fatale affrontato dai diabetici, Egli ha detto.

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: