EASD 2021 2022

#EASD2022 Gestione della terapia insulinica con microinfusore: un toccasana sia per chi ha il diabete tipo 1 che diabete tipo 2

Adv

Il sistema a circuito chiuso aumenta il TIR nel diabete di tipo 2 trattato con insulina

Tale sistema aumenta notevolmente il tempo nell’intervallo (TIR) ??per le persone con diabete di tipo 2 trattato con insulina, mostra un piccolo studio crossover randomizzato.

Il team di Cambridge nel Regno Unito ha utilizzato il sistema CamsAPS HX a circuito chiuso, precedentemente testato in pazienti ricoverati con diabete di tipo 2 , perché ha evitato la necessità di addestrare i partecipanti allo studio sul conteggio dei carboidrati per somministrare boli di insulina durante i pasti.

Presentando i risultati alla 58a riunione annuale dell’EASD a Stoccolma, Svezia, Charlotte Boughton (Università di Cambridge) ha riferito che i 26 partecipanti allo studio nell’analisi intention-to-treat sono rimasti entro l’obiettivo glicemico di 3,9–10,0 mmol/L (70 –180 mg/dL) per una media del 66,3% delle volte nel periodo di 8 settimane hanno utilizzato il sistema a circuito chiuso.

E durante le 8 settimane che hanno utilizzato la terapia insulinica standard (con un monitor glicemico continuo mascherato), il loro TIR è stato in media del 32,3%, con la differenza tra i due periodi pari a ulteriori 8,5 ore/giorno all’interno dell’intervallo con erogazione a circuito chiuso.

I partecipanti allo studio avevano un’età media di 59 anni, con un’emoglobina glicata (HbA1c) basale del 9,0% (75 mmol/mol). Avevano una durata media del diabete di 17,5 anni e avevano assunto insulina per una media di 8,5 anni. Solo tre persone avevano precedentemente utilizzato il monitoraggio continuo del glucosio.

Il miglioramento del TIR con la somministrazione di insulina a circuito chiuso era interamente dovuto a una riduzione del tempo trascorso in iperglicemia, che era di 35,2 punti percentuali in meno con il trattamento con insulina a circuito chiuso rispetto allo standard. C’erano anche riduzioni significativamente maggiori dei livelli medi di glucosio e HbA1c.

Ciò non è avvenuto a scapito di più tempo nell’ipoglicemia, che era in media dello 0,44% e dello 0,08% rispettivamente con il trattamento a circuito chiuso e standard.

Ma in contrasto con gli studi su persone con diabete di tipo 1, la dose giornaliera totale di insulina in questi partecipanti allo studio con diabete di tipo 2 era numericamente più alta con il trattamento a circuito chiuso rispetto allo standard, con una media di 108 contro 84 U/die.

Inoltre, i livelli di glucosio tendevano ad essere relativamente alti di notte piuttosto che essere al minimo durante queste ore, come si vede comunemente nelle persone con diabete di tipo 1, e Boughton ha ipotizzato che ciò potrebbe essere dovuto a differenze nei modelli alimentari.

Tuttavia, ha riferito che “quasi tutti” i partecipanti allo studio individualmente avevano un TIR migliorato durante i periodi di trattamento a circuito chiuso rispetto ai periodi di trattamento standard e la percentuale di tempo trascorso in modalità a circuito chiuso era in media del 92,3%, “il che mostra un’elevata accettabilità e usabilità del sistema”.

Tutti i partecipanti si sono detti felici di avere la glicemia controllata dal sistema a circuito chiuso e tutti tranne due hanno ritenuto che riducesse la quantità di tempo speso a gestire il diabete.

La maggior parte si sentiva meno preoccupata per il controllo della glicemia quando utilizzava il sistema e la maggior parte dormiva meglio di notte, anche se un piccolo numero non lo faceva, cosa che secondo il presentatore “probabilmente si riferisce agli allarmi” del monitoraggio continuo della glicemia.

Concludendo, Boughton ha evidenziato le dimensioni ridotte dello studio e la popolazione quasi completamente bianca e ha sottolineato la necessità di studi più ampi per garantire la generalizzabilità e determinare l’efficacia in termini di costi.

Riunione annuale dell’EASD; 19–23 settembre 2022

La gestione della terapia mediante microinfusore di insulina può ridurre il rischio di fegato grasso nel diabete di tipo 1

L’uso di una pompa per insulina anziché iniezioni giornaliere multiple (MDI) può aiutare a proteggere le persone con diabete di tipo 1 dallo sviluppo di steatosi epatica, riferiscono i ricercatori.

Presentando i risultati alla 58a riunione annuale dell’EASD a Stoccolma, Svezia, Lutgarda Bozzetto (Università Federico II, Napoli, Italia) ha suggerito che la somministrazione di insulina più fisiologica ottenuta con l’infusione continua di insulina sottocutanea rispetto a MDI, con conseguente riduzione della dose giornaliera di insulina, potrebbe essere alla base questi benefici per il fegato.

Tuttavia, ha anche sottolineato che i risultati dello studio trasversale non possono stabilire il nesso di causalità. Come previsto, i 245 partecipanti allo studio che utilizzavano microinfusori per insulina avevano una dose giornaliera di insulina significativamente inferiore rispetto ai 414 che utilizzavano MDI, a una media di 0,54 contro 0,63 UI/kg, ma avevano anche livelli plasmatici di trigliceridi più bassi (76 vs 85 mg/dl) e una circonferenza della vita più piccola (85 contro 87 cm).

I livelli di emoglobina glicata e il tasso stimato di smaltimento del glucosio erano simili tra i gruppi, così come l’età, la pressione sanguigna e l’IMC.

Nessuno dei partecipanti aveva una storia di malattia epatica cronica, ma quelli che utilizzavano i microinfusori avevano un indice di steatosi epatica (HSI) medio significativamente inferiore rispetto a quelli che utilizzavano MDI, a 36,4 contro 37,4 punti, e anche un indice di steatosi epatica significativamente inferiore (FLI), a 20,2 contro 24,8 punti.

Queste differenze si sono rivelate limitate alle donne, che avevano valori HSI medi di 35,6 contro 36,9 con infusione sottocutanea continua di insulina contro MDI e valori FLI di 13,5 contro 19,8. I valori corrispondenti negli uomini erano 37,2 contro 37,7 e 28,2 contro 28,9.

Guardando in modo specifico alle donne, i ricercatori non hanno riscontrato differenze nella circonferenza della vita in base al metodo di somministrazione dell’insulina, ma le donne che usavano le pompe avevano trigliceridi plasmatici significativamente più bassi rispetto a quelle che usavano l’MDI, a 65 contro 79 mg/dL.

“È probabile che il genere femminile offra l’ambiente ormonale ottimale per sfruttare gli effetti benefici dell’insulina periferica inferiore sulla distribuzione del tessuto adiposo viscerale”, ha concluso Bozzetto.

Riunione annuale dell’EASD; Stoccolma, Svezia: 19–23 settembre 2022

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: