Mangiare e bere

La restrizione proteica nella lotta contro l’obesità e il diabete?

Adv

Ventuno pazienti con sindrome metabolica hanno ricevuto una dieta a restrizione calorica o proteica in uno studio clinico randomizzato condotto da ricercatori brasiliani e danesi. Sono stati osservati perdita di peso, pressione sanguigna controllata e miglioramento dei livelli di zucchero nel sangue e lipidi

Ridurre l’assunzione di proteine ??può aiutare a controllare la sindrome metabolica e alcuni dei suoi sintomi principali, come l’obesità, il diabete e la pressione alta (ipertensione), secondo uno studio condotto da ricercatori in Brasile e Danimarca per confrontare gli effetti delle diete ipocaloriche e proteiche in umani. Un articolo che riporta lo studio è  pubblicato  sulla rivista  Nutrients .

La sindrome metabolica è un insieme di condizioni che aumentano il rischio di malattie cardiovascolari, ictus e diabete, tra cui ipertensione, glicemia alta, grasso corporeo in eccesso intorno alla vita e livelli anormali di colesterolo.

“Lo studio ha dimostrato che ridurre l’assunzione di proteine ??a 0,8 g per kg di peso corporeo era sufficiente per ottenere quasi gli stessi risultati clinici della riduzione delle calorie, ma senza la necessità di ridurre l’apporto calorico. I risultati suggeriscono che la restrizione proteica può essere uno dei fattori chiave che portano ai noti benefici della restrizione dietetica. La dieta a restrizione proteica può quindi essere una strategia nutrizionale più attraente e più facile da seguire per le persone con sindrome metabolica”, ha affermato  Rafael Ferraz-Bannitz , primo autore dell’articolo e attualmente ricercatore post-dottorato presso il Joslin Diabetes Center della Harvard Medical School negli Stati Uniti Stati. 

Lo studio è stato finanziato da FAPESP tramite una  borsa di dottorato  assegnata a Ferraz-Bannitz mentre frequentava la Ribeirão Preto Medical School (FMRP-USP) dell’Università di San Paolo in Brasile. Lo studio ha anche beneficiato di un  progetto tematico FAPESP  sulle strategie per imitare gli effetti della restrizione alimentare, guidato da  Marcelo Mori , professore presso l’Università statale di Campinas (UNICAMP), sempre in Brasile. 

Un team multidisciplinare di scienziati ha condotto lo studio, tra cui ricercatori affiliati all’Università di Copenaghen in Danimarca, all’Università di San Paolo e al National Cancer Institute (INCA) in Brasile, nonché al  Obesity and Comorbidities Research Center  ( OCRC ), un Centro di Ricerca, Innovazione e Disseminazione ( RIDC ) finanziato da FAPESP e ospitato da UNICAMP.

Dieta controllata

Nello studio, 21 volontari con sindrome metabolica sono stati analizzati per un periodo di 27 giorni durante i quali è stata monitorata la loro dieta. Per tutto il periodo, sono stati ricoverati presso l’ospedale universitario di FMRP-USP (Hospital das Clínicas a Ribeirão Preto).

L’apporto calorico giornaliero di ogni volontario è stato calcolato in funzione del metabolismo basale (dispendio energetico a riposo). Un gruppo è stato nutrito con quella che gli autori chiamano una dieta occidentale standard (50% di carboidrati, 20% di proteine ??e 30% di grassi) ma con il 25% in meno di calorie.

Per il secondo gruppo, l’assunzione di proteine ??è stata ridotta al 10%. L’assunzione di calorie è stata adattata al dispendio energetico di base di ciascun volontario. Entrambi i gruppi consumavano 4 g di sale al giorno.

I risultati hanno mostrato che entrambi i gruppi di restrizione calorica e proteica hanno perso peso a causa di una diminuzione del grasso corporeo e che i sintomi della sindrome metabolica sono migliorati. È noto che la diminuzione del grasso corporeo è associata a una riduzione della glicemia e livelli più normali di lipidi e pressione sanguigna.

“Dopo 27 giorni di monitoraggio, entrambi i gruppi hanno avuto risultati simili in termini di abbassamento della glicemia, perdita di peso, pressione sanguigna controllata e livelli più bassi di trigliceridi e colesterolo. Entrambe le diete hanno migliorato la sensibilità all’insulina dopo il trattamento. Il grasso corporeo è diminuito, così come la circonferenza della vita e dell’anca, ma senza perdita di massa muscolare”, ha affermato  Maria Cristina Foss de Freitas , ultima autrice dell’articolo e professoressa presso FMRP-USP.

I risultati hanno confermato quelli di studi precedenti che coinvolgono esperimenti sui topi. “Qui, tuttavia, siamo riusciti a condurre uno studio clinico randomizzato completamente controllato della durata di 27 giorni, con un menu personalizzato progettato per soddisfare le esigenze di ogni paziente”, ha affermato Foss de Freitas.

La manipolazione dei macronutrienti alimentari – proteine, carboidrati e grassi – è sufficiente per ottenere gli effetti benefici della restrizione alimentare. “Abbiamo dimostrato che la restrizione proteica riduce il grasso corporeo mantenendo la massa muscolare. Questo è importante poiché la perdita di peso derivante da diete restrittive è spesso associata alla perdita di massa muscolare”, ha affermato Ferraz-Bannitz.

Lo studio non ha studiato i meccanismi molecolari che potrebbero spiegare gli effetti benefici delle diete a restrizione proteica, ma i ricercatori ritengono che un basso apporto proteico abbia innescato un cambiamento nel metabolismo o migliorato la gestione energetica dell’organismo portandolo a bruciare i grassi al fine di produrre energia per cellule. “Finora abbiamo solo ipotesi. Uno è che i percorsi molecolari vengono attivati ??per interpretare la riduzione degli aminoacidi essenziali come un segnale per ridurre l’assunzione di cibo mentre porta alla produzione di ormoni che tipicamente aumentano quando digiuniamo”, ha detto Mori. “Studi su modelli animali hanno mostrato il coinvolgimento di tali percorsi negli effetti sia della restrizione proteica che calorica, che portano entrambi alla perdita di grasso”.

Nonostante i risultati promettenti dei loro studi, i ricercatori sottolineano che le diete coinvolte erano personalizzate. Mori ha anche sottolineato che si sono concentrati su una specifica popolazione di pazienti con sindrome metabolica (obesità, diabete, ipertensione e livelli anormali di colesterolo).

“Tuttavia, si è tentati di estrapolare i risultati. Sappiamo che la ricerca ha dimostrato che le diete vegane sono positive per i casi di sindrome metabolica. È stato anche scoperto che l’assunzione eccessiva di proteine, comune nella dieta occidentale standard, può essere un problema. Ogni caso dovrebbe essere analizzato nel merito. Non dobbiamo dimenticare che la carenza di proteine ??può portare a gravi problemi di salute, come è stato ben descritto, ad esempio, nelle donne in gravidanza”, ha aggiunto.

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: