EASD 2021 2022

#EASD2022 Lancet lancia l’allarme: le nuove diagnosi di diabete tipo 1 destinate a raddoppiare entro il 2040

Adv

The Lancet Diabetes & Endocrinology: uno studio di modelli matematici stima che il numero di persone che convivono con il diabete di tipo 1 raddoppierà entro il 2040

  • Un nuovo studio di modellizzazione stima che 8,4 milioni di individui convivessero con il diabete di tipo 1 (T1D) a livello globale nel 2021 con altri 3,7 milioni di “persone scomparse” che sarebbero vive con il T1D se la loro mortalità corrispondesse ai tassi della popolazione generale.
  • Il modello prevede che tra 13,5 e 17,4 milioni di persone vivranno con T1D entro il 2040.
  • Nonostante sia storicamente considerata una malattia con esordio nell’infanzia, nel 2021 è stato stimato che ci fossero numericamente più adulti (316.000) con diagnosi di T1D rispetto a bambini e adolescenti (194.000).
  • I ricercatori sperano che, rendendo pubblicamente disponibili le metriche di prevalenza e mortalità specifiche per paese come parte di un database open source per il progetto T1D Index, i risultati sanitari saranno migliorati con una copertura sanitaria universale e una migliore sorveglianza.

Si stima che nel 2021 circa 8,4 milioni di persone convivessero con il diabete di tipo 1 (T1D) in tutto il mondo, secondo i risultati di un nuovo studio di modellizzazione pubblicato su The Lancet Diabetes & Endocrinology . Si prevede che questo numero aumenterà a 13,5-17,4 milioni di persone che convivono con T1D entro il 2040.

“Dato che si prevede che la prevalenza di persone con T1D aumenterà in tutti i paesi fino a 17,5 milioni di casi nel 2040, i nostri risultati forniscono un avvertimento per sostanziali implicazioni negative per le società e i sistemi sanitari. C’è un’opportunità per salvare milioni di vite nei prossimi decenni aumentando lo standard di cura per il T1D (incluso garantire l’accesso universale all’insulina e ad altre forniture essenziali) e aumentando la consapevolezza dei segni e sintomi del T1D per consentire un tasso del 100% di diagnosi in tutti i paesi. Il nostro modello, che sarà reso disponibile open-source, renderà i dati sull’onere del T1D ampiamente accessibili e fungerà da piattaforma per le parti interessate per apportare miglioramenti nella cura e nei risultati del T1D”, afferma il Prof. Graham Ogle, uno degli autori di lo studio, Sydney Medical School, Università di Sydney, Australia. [1]

I dati sulla prevalenza e la mortalità del T1D sono raramente disponibili nella maggior parte dei paesi: i dati mancanti di solito si riferiscono a LMIC e popolazioni adulte, con la maggior parte degli studi precedenti che calcolano l’incidenza del T1D sulla base di dati europei e nordamericani. La Commissione Lancet Diabetes & Endocrinology del 2017 sul diabete nell’Africa subsahariana [2], l’OMS e l’OMS hanno tutti dichiarato l’urgente necessità di dati a livello mondiale sul T1D. Questo nuovo studio mira a rispondere a queste richieste, fornendo stime di modelli altamente comparabili ai dati osservati e stimando per la prima volta la prevalenza mancante, fornendo una base più significativa per il cambiamento nella cura e nelle politiche del T1D. I risultati saranno resi pubblicamente disponibili in un database open source come parte del T1D Index Project [3], volto ad assistere i pianificatori sanitari, i professionisti e i sostenitori per migliorare l’assistenza e i risultati sanitari.

I ricercatori hanno modellato i dati sulla prevalenza del T1D nell’infanzia, nell’adolescente e negli adulti in 97 paesi, insieme ai dati sull’incidenza nel tempo di 65 paesi e ai dati sulla mortalità di 37 paesi per prevedere l’incidenza, la prevalenza e la mortalità del T1D nel 2021 per 201 paesi, con proiezioni di prevalenza futura fino al 2040. Le stime sono state testate per verificarne l’accuratezza rispetto ai dati sulla prevalenza nel mondo reale di 15 paesi.

Nel 2021, il modello stimava che 8,4 milioni di persone in tutto il mondo convivessero con T1D. Di questi individui, il 18% aveva meno di 20 anni, il 64% aveva un’età compresa tra 20 e 59 anni e il 19% aveva più di 60 anni. Sebbene storicamente il T1D sia stata una malattia associata all’esordio nell’infanzia, questi risultati rivelano che numericamente più adulti che bambini vengono diagnosticati ogni anno (316.000 contro 194.000 casi incidenti in tutto il mondo nel 2021), con un’età media di diagnosi di 32 anni.

“Questi risultati hanno importanti implicazioni per la diagnosi, i modelli di cura e i programmi di supporto tra pari. Tali programmi, nei paesi in cui esistono, sono progettati quasi esclusivamente e forniti per bambini e giovani con T1D. Inoltre, i nostri risultati sottolineano l’urgente necessità di una maggiore sorveglianza e raccolta di dati sull’incidenza, la prevalenza e la mortalità del T1D nelle popolazioni adulte, un’area in cui i dati sono particolarmente scarsi”, afferma la prof.ssa Dianna Magliano, una delle autrici dello studio, Monash University, Scuola di Sanità Pubblica e Medicina Preventiva, Melbourne Australia. [1]

I dieci paesi con la più alta prevalenza stimata di T1D USA, India, Brasile, Cina, Germania, Regno Unito, Russia, Canada, Arabia Saudita e Spagna rappresentano 5,08 milioni (60%) di casi globali di T1D. Le stime del modello suggeriscono anche che il 21% degli individui con T1D vive in LIC e LMIC.

Le stime del modello collocano i decessi globali dovuti al T1D a 175.000 nel 2021. Di questi, 35.000 o il 20% sono stati attribuiti alla mancata diagnosi, di cui 14.500 nell’Africa subsahariana e 8.700 nell’Asia meridionale. I ricercatori stimano che 3,1 milioni di persone in più sarebbero sopravvissute nel 2021 se non fossero morte prematuramente a causa di una cura non ottimale del T1D e altre 700.000 persone sarebbero ancora vive se non fossero morte prematuramente a causa della mancata diagnosi .

“I nostri risultati indicano che l’impronta complessiva del T1D è molto più ampia di quanto indicato dalle stime precedenti, quando si tiene conto della prevalenza mancante a causa dell’eccessiva mortalità. Ciò è particolarmente vero nei paesi a basso e medio reddito – ad esempio nell’Africa subsahariana che rappresenta 357.000 casi di T1D o il 4% della prevalenza globale ma il 23% (40.000) delle vite perse ogni anno – evidenziando l’urgenza per aumentare la consapevolezza dei segni e dei sintomi del T1D nei LMIC”, afferma il Prof. Kim Donaghue, uno degli autori dello studio, Sydney Medical School, University of Sydney, Australia. [1]

La prevalenza prevista di T1D nel 2040 data dal modello era di 13,5-17,5 milioni di persone, con i maggiori aumenti relativi previsti per LIC e LMIC. Stime prudenti collocano l’aumento relativo del numero di persone che convivono con T1D entro il 2040 rispetto al 2020 al 66%.

“Ci auguriamo che questi risultati della modellazione a livello nazionale vengano utilizzati da responsabili politici, ricercatori e operatori sanitari allo stesso modo per creare iniziative che migliorino la sorveglianza del T1D in tutto il mondo e incoraggino i programmi di copertura sanitaria universale, in modo che l’assistenza per il T1D sia disponibile e alla portata di tutti, affrontando il sostanziale onere globale di questa malattia”, afferma Tom Robinson, uno degli autori dello studio, Juvenile Diabetes Research Foundation, Australia. [1]

Gli autori riconoscono alcuni limiti di questo studio, inclusa la mancanza di dati da inserire nel modello. I dati sono più limitati per le popolazioni adulte, negli LMIC e prima del 1975. Le informazioni ottenute sulla base dell’estrapolazione dai paesi vicini possono essere meno accurate a seconda di fattori genetici e ambientali. Inoltre, la stima dei tassi di morte per mancata diagnosi si basa sulle impressioni del medico ed è probabile che sia superiore o inferiore alla situazione reale. Per i tassi di mortalità nei casi diagnosticati, le informazioni sono scarse prima del 1980.

Scrivendo in un commento collegato, Hui Shao, dell’Università della Florida, USA (che non è stata coinvolta nello studio), ha affermato: “Il crescente carico globale del diabete di tipo 1 […] richiede azioni a livello mondiale per alleviare i problemi di accesso all’insulina e di accessibilità economica . Le potenziali soluzioni sono sfaccettate, molte delle quali dipendono dall’ambiente politico ed economico del paese. In breve, i paesi devono rafforzare la regolamentazione dei prezzi e la politica di rimborso dell’insulina, costruendo programmi di sussidio per garantire l’accesso all’insulina e far fronte alla crescente domanda di insulina”. 

NOTE A MARGINE

Lo studio è stato finanziato da JDRF, Abbott Diabetes Care, The Leona M. e Harry B. Helmsley Charitable Trust e dalla University of Sydney Medical School. È stato condotto come una partnership collaborativa da ricercatori di JDRF, Life for a Child, International Society for Pediatric and Adolescent Diabetes (ISPAD) e International Diabetes Federation (IDF).

[1] Citazione diretta dell’autore ed introvabile nel testo dell’art.
[2] https://www.thelancet.com/commissions/diabetesSSA
[3] https://beyondtype1.org/firstlook/

Il testo integrale della ricerca è consultabile a questo link https://www.thelancet.com/journals/landia/article/PIIS2213-8587(22)00218-2/fulltext

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: