Benessere

Se dormi male muori prima

Adv

Uno studio finanziato dal NIH mostra che il sonno profondo supporta la funzione immunitaria

Gli adulti che hanno ridotto il sonno per sei settimane avevano un aumento dei marcatori di infiammazione.

Secondo un piccolo studio su esseri umani e topi, supportato dal National Institutes of Health, ottenere una buona notte di sonno costante supporta la normale produzione e programmazione delle cellule staminali ematopoietiche, un elemento costitutivo del sistema immunitario innato del corpo. Il sonno è stato a lungo collegato alla funzione immunitaria, ma i ricercatori hanno scoperto che assumerne una quantità sufficiente ha influenzato l’ambiente in cui i monociti, un tipo di globuli bianchi, si formano, si sviluppano e vengono preparati per supportare la funzione immunitaria. Questo processo, l’ematopoiesi, si verifica nel midollo osseo. 

Lo studio pubblicato sul Journal of Experimental Medicine.

“Quello che stiamo imparando è che il sonno modula la produzione di cellule che sono le protagoniste – i principali attori – dell’infiammazione”, ha affermato Filip K. Swirski, Ph.D., autore di uno studio senior e direttore del Cardiovascular Research Institute di Icahn Scuola di Medicina al Monte Sinai, New York City. “Un sonno buono e di qualità riduce il carico infiammatorio”.  

Per valutare questi meccanismi, i ricercatori hanno studiato le associazioni tra il sonno e la produzione di monociti negli esseri umani e nei topi, ampliando i risultati di precedenti modelli matematici. Hanno analizzato come le interruzioni del sonno abbiano aumentato i livelli circolanti di queste cellule immunitarie e modificato l’ambiente nel midollo osseo

In uno studio collaborativo condotto da Marie-Pierre St-Onge, Ph.D., presso la Columbia University di New York City, 14 adulti si sono iscritti allo studio di ricerca clinica. Ognuno di loro ha partecipato a un braccio di studio di sei settimane che ha emulato il sonno a sufficienza (circa 7,5 ore ogni notte) o che ha creato carenza di sonno . Per modellare la restrizione del sonno, gli adulti hanno ridotto il sonno notturno di 1,5 ore, ottenendo circa 6 ore di sonno ogni notte. Le condizioni del sonno sono state separate da un periodo di “washout” di sei settimane, durante il quale i partecipanti sono tornati ai loro normali schemi di sonno. 

Campioni di sangue mattutino e pomeridiano sono stati raccolti durante la quinta e la sesta settimana per ciascuna condizione del sonno. I ricercatori hanno scoperto che quando gli adulti non dormivano abbastanza, avevano livelli più elevati di monociti circolanti nel pomeriggio. Avevano anche un numero maggiore di cellule staminali immunitarie nel sangue e prove di attivazione immunitaria.  

“Le cellule staminali sono state impresse, o geneticamente modificate, sotto l’influenza della restrizione del sonno”, ha detto Swirski. “Il cambiamento non è permanente, ma continuano a replicarsi automaticamente a un ritmo più elevato per settimane”.

Una maggiore produzione di cellule immunitarie crea un ambiente immunitario più omogeneo, che può accelerare l’ematopoiesi clonale , una condizione legata all’età che è stata collegata a maggiori rischi di malattie cardiovascolari.   

Studi precedenti hanno identificato mutazioni genetiche che guidano la proliferazione delle cellule staminali ematopoietiche. Tuttavia, questo studio ha scoperto che esercitare pressione sul sistema ematopoietico, in questo caso attraverso la restrizione del sonno, ha prodotto risultati simili senza le mutazioni del driver.

“Il sonno influisce sul funzionamento ottimale di quasi tutte le cellule e gli organi del corpo”, ha affermato Marishka K. Brown, Ph.D. , direttore del National Center on Sleep Disorders Research , situato all’interno del National Heart, Lung, and Blood Institute (NHLBI). “L’intuizione meccanicistica di questo studio supporta i risultati di studi sulla popolazione più ampi, che hanno dimostrato che il sonno può avere un effetto protettivo contro una varietà di condizioni, tra cui malattie cardiache, cancro e demenza”.

Gli autori dello studio hanno affermato che i loro risultati hanno anche sottolineato l’importanza di stabilire schemi di sonno sano nelle prime fasi della vita, che possono ridurre la gravità di altre condizioni infiammatorie come la sepsi. La maggior parte degli adulti dovrebbe dormire 7-8 ore ininterrotte ogni notte. Gli anziani hanno bisogno di circa 7-9 ore, mentre i bambini di età compresa tra 11 e 17 anni hanno bisogno di circa 8-10 ore.

Lo studio è stato parzialmente finanziato da NHLBI e dal National Center for Advancing Translational Sciences.

Per ulteriori informazioni sulla salute del sonno, visitare https://www.nhlbi.nih.gov/health-topics/education-and-awareness/sleep-health .

Per saperne di più sul piano di ricerca sul sonno del NIH, visitare www.nhlbi.nih.gov/sleep-research-plan/about .

Informazioni sul National Heart, Lung, and Blood Institute (NHLBI): NHLBI è il leader globale nella conduzione e nel supporto della ricerca sulle malattie cardiache, polmonari e del sangue e sui disturbi del sonno che migliorano le conoscenze scientifiche, migliorano la salute pubblica e salvano vite. Per ulteriori informazioni, visitare https://www.nhlbi.nih.gov .

Informazioni sul National Institutes of Health (NIH): NIH, l’agenzia di ricerca medica della nazione, comprende 27 istituti e centri ed è un componente del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti. NIH è la principale agenzia federale che conduce e supporta la ricerca medica di base, clinica e traslazionale e sta studiando le cause, i trattamenti e le cure per le malattie comuni e rare. Per ulteriori informazioni su NIH e sui suoi programmi, visitare www.nih.gov .

Riferimenti

McAlpine CS, Kiss MG, Zuraikat FM, et al. Il sonno esercita effetti duraturi sulla funzione e sulla diversità delle cellule staminali ematopoietiche. J Exp Med. 2022; doi: 10.1084/jem.20220081(il collegamento è esterno)

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: