EASD 2021 2022

#EASD Rivedere l’Indice di Massa Corporea

Adv

Il rapporto vita-fianchi predice meglio la morte precoce rispetto all’IMC e dovrebbe sostituire l’IMC come semplice misura del peso sano

Il rapporto vita-fianchi è un predittore di morte precoce più forte del BMI e dovrebbe essere considerato come una misura superiore del peso sano, una nuova ricerca presentata alla riunione annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD) a Stoccolma, La Svezia (19-23 settembre), ha trovato.

L’indice di massa corporea (BMI) è ampiamente utilizzato per valutare se una persona ha un peso sano, con un BMI di 18,5-24,9 kg/m 2 considerato nell’intervallo di peso sano.

“Tuttavia, l’IMC non tiene conto della distribuzione del grasso”, afferma Irfan Khan, uno studente di medicina presso il College of Medicine and Health, University College Cork, Cork, Irlanda, che ha condotto la ricerca con i colleghi in Canada.

“Non tiene conto di dove viene immagazzinato il grasso, se si accumula intorno ai fianchi o alla vita. Di conseguenza, l’IMC non prevede in modo affidabile il rischio di malattia o mortalità.

“Volevamo scoprire se il rapporto vita-fianchi (WHR) o l’indice di massa grassa (FMI) avrebbero predetto in modo più affidabile la mortalità in diverse distribuzioni di grasso”. 1

I ricercatori hanno prima studiato se livelli più elevati di grasso (adiposità) causano effettivamente un aumento della mortalità o sono semplicemente correlati ad essa.

L’analisi dei dati sui partecipanti alla biobanca britannica che avevano geni noti per aumentare il rischio di aumento di peso/obesità (cioè adiposità geneticamente determinata) ha indicato che livelli più elevati di grasso causano effettivamente un aumento della mortalità, piuttosto che essere semplicemente correlati ad essa.

I ricercatori hanno quindi applicato misure di adiposità determinate geneticamente – informazioni sui geni associati a BMI, WHR e FMI – ai dati su 25.297 uomini e donne caucasici la cui salute era stata monitorata come parte dello studio della biobanca britannica fino alla loro morte e 25.297 età, sesso, e controlli abbinati per ascendenza genetica dallo stesso studio. (Età media dei partecipanti, 61,6 anni, 59,3% maschi.)

Ciò ha mostrato che la relazione tra WHR e morte per qualsiasi causa aumenta linearmente, il che significa che il rischio di morte precoce era più basso per quelli con il WHR più basso e quindi aumentava costantemente con l’aumento del WHR.

Al contrario, BMI e FMI avevano una relazione a forma di J con la mortalità per tutte le cause, il che significa che quelli con un BMI o FMI estremamente alto o basso avevano un rischio maggiore di mortalità rispetto a quelli con un BMI o FMI moderato.

Il WHR era più fortemente associato alla mortalità per tutte le cause rispetto al BMI o all’FMI. Ad esempio, ogni aumento di un’unità di WHR ha aumentato le probabilità di morte prematura di quasi il doppio rispetto a un aumento di un’unità di BMI o FMI.

L’associazione tra WHR e mortalità per tutte le cause era più forte nei maschi rispetto alle femmine.

A differenza di BMI e FMI, la relazione tra WHR e mortalità per tutte le cause era coerente in diverse distribuzioni di grasso.

Mr Khan afferma: “Il principale limite del BMI è che non tiene conto delle differenze nella distribuzione dei grassi. Ciò potrebbe significare che qualcuno che ha accumulato grasso intorno alla vita avrà lo stesso BMI di qualcuno della stessa età e altezza che immagazzina il grasso intorno ai fianchi, nonostante i rischi per la salute del grasso addominale.

“Il WHR, tuttavia, riflette meglio i livelli di grasso addominale, compreso il grasso viscerale, che avvolge gli organi in profondità all’interno del corpo e aumenta il rischio di una serie di condizioni, tra cui il diabete di tipo 2 e le malattie cardiache.

“Con WHR il messaggio è semplicemente: più basso è il WHR, minore è il rischio di mortalità”.

Aggiunge che sebbene i risultati debbano essere replicati in individui di diversa discendenza genetica, suggeriscono che avere un WHR inferiore è migliore, indipendentemente dalla popolazione studiata.

“Questo è un ulteriore vantaggio rispetto al BMI, dove il BMI ottimale varia da una popolazione all’altra”, spiega il signor Khan.

Gli autori dello studio affermano che, sebbene abbiano utilizzato WHR geneticamente determinato nella loro analisi, i loro risultati si applicano ugualmente alla definizione convenzionale di WHR. Questa misurazione rapida e semplice comporta la divisione della circonferenza della vita per la circonferenza dell’anca.

Concludono che il rapporto vita-fianchi dovrebbe sostituire l’IMC come semplice misura di un peso sano.

Il signor Khan afferma: “Le raccomandazioni e gli interventi clinici dovrebbero dare la priorità alla definizione di obiettivi WHR sani piuttosto che obiettivi BMI generali.

“Una misura più accurata di una forma corporea sana può fare una differenza significativa per la cattiva salute e i decessi causati dal diabete di tipo 2, malattie cardiache, alcuni tipi di cancro e numerose altre condizioni”.

Nota:

  1. L’IMC è definito come il peso in chilogrammi diviso per l’altezza in metri quadrati.FMI è il peso del grass
Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: