EASD 2021 2022

#EASD2022 L’esposizione al freddo potrebbe aiutare a combattere il diabete di tipo 2, in particolare se provoca brividi

Adv

I brividi necessari per innescare gli effetti benefici sulla salute metabolica dell’esposizione ripetuta al freddo, suggerisce lo studio

Una nuova ricerca, presentata alla riunione annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD) di quest’anno a Stoccolma, Svezia (19-23 settembre), rileva che i brividi durante l’esposizione ripetuta al freddo migliorano la tolleranza al glucosio, riducono la glicemia e il sangue a digiuno livelli di grasso e riduce notevolmente la pressione sanguigna negli adulti in sovrappeso e obesi.

Lo studio preliminare, di Adam Sellers, Sten van Beek e colleghi dell’Università di Maastricht nei Paesi Bassi, evidenzia il potenziale di esposizione ripetuta al freddo che attiva i brividi come strategia alternativa per trattare e prevenire il diabete di tipo 2 (T2D).

Ricerche precedenti hanno dimostrato che quando gli esseri umani hanno freddo, il glucosio viene eliminato dal sangue più velocemente. Si pensava che il grasso bruno svolgesse un ruolo importante nell’abbassare la glicemia e nel migliorare la sensibilità all’insulina negli esseri umani, contribuendo così a ridurre la resistenza all’insulina e il rischio di malattie, incluso il diabete .

“Il grasso bruno è un sistema di riscaldamento metabolico all’interno del nostro corpo, che brucia calorie”, spiega Sellers. “Questo genera calore e impedisce che le calorie si depositino sotto forma di normale grasso bianco. Il grasso bruno si attiva durante il freddo e quando mangiamo, ma la sua attività è minore negli anziani e negli individui con obesità e diabete”.

Uno studio precedente ha dimostrato che 10 giorni di acclimatazione al freddo lieve (da 14 a 15°C, 6 ore al giorno) hanno migliorato notevolmente la sensibilità all’insulina nei pazienti con T2D. Ma il cambiamento nel grasso bruno dopo l’acclimatazione al freddo era minore e non poteva spiegare il grande miglioramento della sensibilità all’insulina. Tuttavia, dopo l’acclimatazione al freddo, la traslocazione del trasportatore del glucosio 4 (GLUT4) nel muscolo scheletrico è stata migliorata (durante la quale GLUT4 si sposta in una posizione più favorevole che facilita la rimozione del glucosio dal sangue e nel muscolo) [1].

Ma sebbene la termogenesi senza brividi, che genera calore dall’energia immagazzinata senza contrazione muscolare, sia coinvolta in un lieve acclimatamento al freddo, uno studio di follow-up ha indicato che un certo livello di (lieve) attività muscolare/brividi può essere cruciale nell’attivare gli effetti metabolici benefici di freddo [2].

“ Quando abbiamo freddo, possiamo attivare il nostro grasso bruno perché brucia energia e rilascia calore per proteggerci. Inoltre, i muscoli possono contrarsi meccanicamente o tremare, generando così calore. Poiché in un essere umano ci sono molti più muscoli del grasso bruno, i brividi possono bruciare più calorie e produrre più calore”, spiega Sellers.

Per saperne di più, i ricercatori hanno esposto i volontari – 11 uomini e 4 donne in postmenopausa con sovrappeso o obesità (di età compresa tra 40 e 75 anni, BMI 27-35 kg/m²) – a 10 giorni consecutivi di freddo per attivare i brividi, utilizzando un liquido irrorato tuta per controllare e abbassare la temperatura corporea. I partecipanti sono stati esposti al freddo, da 32 °C a 10 °C, fino a tremare per un’ora al giorno .

Il tremore è stato monitorato da dispositivi speciali posti sulla pelle che rilevano l’attività elettrica muscolare e l’osservazione visiva. L’ora di tremore è iniziata quando il dispendio energetico a riposo è aumentato del 50% [3].

Prima e dopo l’intervento, è stato eseguito un test di tolleranza al glucosio orale (OGTT) di 2 ore in condizioni termoneutre, la temperatura ambientale in cui il corpo non ha bisogno di produrre calore per mantenere la sua temperatura interna [4]. I ricercatori hanno anche misurato la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna e hanno eseguito biopsie muscolari per determinare potenziali cambiamenti nel muscolo correlati al metabolismo del glucosio, come la traslocazione di GLUT4.

I risultati hanno mostrato che i brividi ripetuti indotti dal freddo hanno ridotto significativamente le concentrazioni medie di glucosio plasmatico a digiuno da 5,84 a 5,67 mmol/L e hanno migliorato la tolleranza al glucosio del 6% [5].

Le concentrazioni plasmatiche di insulina prima e durante l’OGTT non sono state modificate dopo l’intervento sui brividi. Ciò suggerisce che il miglioramento della glicemia a digiuno e la tolleranza al glucosio dopo ripetuti brividi non erano dovuti all’aumento dell’insulina nel sangue.

È interessante notare che le concentrazioni plasmatiche di trigliceridi e acidi grassi liberi a digiuno sono state notevolmente ridotte rispettivamente del 32% e dell’11%. Questi sono i principali combustibili grassi nel corpo e si pensa aumentino il rischio di malattie cardiovascolari e contribuiscano all’insulino-resistenza.

Inoltre, l’esposizione ripetuta al freddo ha anche ridotto notevolmente la pressione sanguigna sistolica e diastolica di circa 10 mmHg e 7 mmHg, rispettivamente, e tendeva a ridurre la frequenza cardiaca a riposo quando misurata in condizioni termoneutre.

Sorprendentemente, la traslocazione muscolare GLUT4 è rimasta invariata dopo l’intervento sui brividi. Ciò suggerisce che si sono verificati altri cambiamenti nel muscolo scheletrico e/o potenzialmente in altri organi che spiegano la migliore tolleranza al glucosio.

Gli autori riconoscono diversi limiti, inclusa l’incapacità di trarre conclusioni causali forti sull’effetto diretto dell’esposizione al freddo sulla salute metabolica. Notano inoltre che, nonostante le misure adottate per controllare la dieta e l’attività fisica, altri fattori dello stile di vita o fattori genetici non misurati nell’attuale studio potrebbero influire sui risultati.

“Tuttavia, questo è un primo passo importante per studiare l’effetto dei brividi sulla salute. I nostri risultati sono promettenti e potrebbero avere importanti implicazioni per la salute, dato che i brividi hanno migliorato molti risultati sulla salute cardiometabolica associati a malattie come il diabete di tipo 2″, afferma Sellers. “Negli studi futuri, prevediamo di valutare l’effetto dei brividi negli adulti con diabete di tipo 2”.

Lo studio è stato finanziato da ZonMw, l’Organizzazione olandese per la ricerca e lo sviluppo della salute.


Note:

[1] L’acclimatazione al freddo a breve termine migliora la sensibilità all’insulina nei pazienti con diabete mellito di tipo 2

[2] Risposte metaboliche all’acclimatazione al freddo lieve nei pazienti con diabete di tipo 2 | Comunicazioni sulla natura

[3] Il dispendio energetico è stato calcolato misurando l’ossigeno e l’anidride carbonica nel respiro esalato dei partecipanti. Questo è importante perché i brividi possono variare da individuo a individuo anche se l’esposizione al freddo è la stessa. I ricercatori sono stati quindi in grado di creare una risposta simile al brivido in tutti gli individui utilizzando i cambiamenti nel dispendio energetico perché questa misurazione include tutti i muscoli che tremano nel corpo.

[4] Un OGTT comporta un esame del sangue dopo non aver mangiato o bevuto per 8-10 ore. Quindi viene consumata una bevanda a base di glucosio. Dopo aver riposato per due ore, viene prelevato un altro campione di sangue per vedere come il corpo sta affrontando il glucosio.

[5] I valori attesi per la normale concentrazione di glucosio nel sangue a digiuno sono compresi tra 70 mg/dL (3,9 mmol/L) e 100 mg/dL (5,6 mmol/L).

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: