EASD 2021 2022

#EASD2022 Tessuto muscolare geneticamente modificato in fase di sviluppo per il trattamento del diabete di tipo 2

Adv

Il nuovo tessuto assorbe più zucchero dal sangue

La speranza è che una singola iniezione di tessuto possa fornire un controllo del glucosio a lungo termine, migliorando significativamente la qualità della vita e l’aspettativa di vita

Le iniezioni di tessuto muscolare geneticamente modificato sono molto promettenti nel trattamento del diabete di tipo 2 (T2D), l’incontro annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete a Stoccolma, in Svezia (19-23 settembre), ascolterà.

Il T2D è la forma più comune di diabete ed è responsabile di oltre 1 milione di decessi all’anno, a livello globale. 

L’insulino-resistenza – dove le cellule del corpo non rispondono adeguatamente all’insulina e non possono facilmente assorbire il glucosio dal sangue, causando un aumento dei livelli di zucchero nel sangue – è una caratteristica fondamentale del T2D.

Nel tempo, livelli elevati di zucchero nel sangue possono danneggiare il cuore, gli occhi, i piedi e i reni e ridurre l’aspettativa di vita di circa dieci anni.

Il T2D viene solitamente trattato inizialmente con farmaci per via orale e cambiamenti nello stile di vita, ma alla fine la maggior parte delle persone avrà bisogno di iniezioni di insulina.

Per trovare un trattamento migliore, i ricercatori del Levenberg Lab, Technion – Israel Institute of Technology hanno modificato geneticamente il tessuto muscolare per assorbire maggiori quantità di zucchero dal sangue.

In ricerche precedenti, il trapianto di cellule muscolari geneticamente modificate in topi diabetici ha migliorato i loro livelli di zucchero nel sangue. 1

“Un singolo trapianto di tessuto ingegnerizzato ha mantenuto i livelli di zucchero nel sangue più bassi per quattro mesi”, afferma la ricercatrice Hagit Shoyhet.

Nella loro ultima ricerca, il team ha utilizzato la stessa tecnica per modificare geneticamente le cellule muscolari umane. Le cellule sono state progettate per produrre più trasportatore di zucchero attivato dall’insulina (GLUT4), una proteina nota per aiutare le cellule ad assorbire lo zucchero.

Le cellule sono state quindi coltivate in tessuto 3D in laboratorio su scaffold, matrici realizzate con un biopolimero.

I test hanno dimostrato che il nuovo tessuto è in grado di assorbire il 50% in più di zucchero rispetto al normale tessuto muscolare.

Pezzi di tessuto di 6 mm di diametro sono stati quindi trapiantati in topi diabetici attraverso una piccola incisione nell’addome e sono stati monitorati i loro livelli di glucosio nel sangue.

Il trapianto ha comportato una riduzione dei livelli di glucosio nel sangue di circa il 20%.

Il team ha anche sviluppato un’impalcatura più flessibile, simile a una spugna, che potrebbe essere iniettata utilizzando una siringa, eliminando la necessità di un intervento chirurgico.

Il tessuto cresciuto sul nuovo scaffold si è sviluppato normalmente. I test hanno dimostrato che l’iniezione non ha causato danni significativi al tessuto cresciuto sul nuovo scaffold e che il tessuto potrebbe ancora assorbire lo zucchero dal sangue.

La signora Shoyhet afferma: “Sono urgentemente necessari nuovi trattamenti per il diabete di tipo 2. La nostra tecnica consentirebbe di modificare le cellule di un paziente per assorbire più glucosio.

“I risultati preliminari indicano che l’approccio ha un grande potenziale e, in futuro, una singola iniezione di tessuto ingegnerizzato potrebbe fornire un controllo del glucosio a lungo termine, migliorando significativamente la qualità della vita e l’aspettativa di vita”.

I ricercatori hanno pianificato più lavoro preclinico e sperano di iniziare presto le sperimentazioni cliniche.


Riferimenti:

1. https://www.science.org/doi/full/10.1126/sciadv.abg3947

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: