Benessere

Occorre agire sulle sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino con interventi chiave su tiroide e bisfenolo

Adv
La Società Europea di Endocrinologia (ESE) rafforza la richiesta di agire sulle sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino con interventi chiave su tiroide e bisfenolo

Le sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino (EDC) sono una delle sfide sanitarie più urgenti del 21° secolo. La Commissione europea organizza forum annuali che riuniscono le parti interessate per affrontare questo problema. Esperti collegati alla Società Europea di Endocrinologia sono intervenuti sull’importanza della via tiroidea per gli EDC e sull’impatto dei bisfenoli come gruppo sui bambini. 

Il Forum EDC è un incontro annuale di esperti del settore pubblico e aziendale, convocato dalla direzione generale dell’Ambiente (DG ENV) della Commissione europea. I partecipanti condividono conoscenze e migliori pratiche, individuano i problemi e creano sinergie.

L’impatto sulle vie ormonali dovrebbe essere considerato in modo olistico
L’Agenzia europea per le sostanze chimiche e gli Stati membri hanno finora considerato le proprietà di ciascun EDC individualmente nelle valutazioni sulla loro potenziale restrizione. Gli endocrinologi esaminano le vie endocrine, come la tiroide o la ghiandola surrenale, per le quali è importante considerare non solo l’effetto non solo di una sostanza, ma anche il mix di sostanze che possono interferire con questa via. La malattia della tiroide è una delle malattie endocrine più comuni, che colpisce milioni di persone in tutta Europa.2 Andreas Kortenkamp, ??esperto dell’ESE e professore di tossicologia molecolare umana alla Brunel University di Londra, ha descritto la ricerca vitale condotta da Eurion, un gruppo di ricerca incentrato su migliorare la rilevazione degli interferenti endocrini in Europa. Il professor Kortenkamp ha spiegato l’importanza degli ormoni tiroidei per uno sviluppo sano del cervello. Ha evidenziato che metodi di test e approcci normativi inadeguati non riescono a proteggerci dai pericoli dell’esposizione chimica allo sviluppo del cervello. Ha spiegato che i medici considerano i cambiamenti dell’ormone tiroideo avversi, mentre gli attuali criteri EDC dell’UE non riescono a riconoscere le avversità di tali cambiamenti. Ha detto: “I criteri dell’EDC dovrebbero essere modificati per classificare i cambiamenti dell’ormone tiroideo come avversi. Ciò porterebbe la regolamentazione in linea con la pratica clinica e raggiungerebbe una migliore protezione”. “I criteri dell’EDC dovrebbero essere modificati per classificare i cambiamenti dell’ormone tiroideo come avversi. Ciò porterebbe la regolamentazione in linea con la pratica clinica e raggiungerebbe una migliore protezione”. “I criteri dell’EDC dovrebbero essere modificati per classificare i cambiamenti dell’ormone tiroideo come avversi. Ciò porterebbe la regolamentazione in linea con la pratica clinica e raggiungerebbe una migliore protezione”.

Evitare sostituzioni spiacevoli

Dal 2017 il bisfenolo A è stato riconosciuto come sostanza estremamente preoccupante (SVHC) per le sue proprietà di interferente endocrino. Pertanto, molti prodotti commercializzati per i bambini sono etichettati come “privi di bisfenolo A”. Tuttavia, ciò ha portato a una deplorevole sostituzione con altri gruppi bisfenolici che non erano ancora stati riconosciuti come EDC ma potrebbero condividere alcune delle stesse proprietà. Anne-Simone Parent, esperta dell’ESE e professoressa di endocrinologia pediatrica all’Università di Liegi in Belgio, ha evidenziato nel suo discorso principale i pericoli del bisfenolo per i più piccoli. “Sono lieto che la Commissione abbia annunciato che i bisfenoli saranno ora valutati come gruppo anziché individualmente. Ciò consente il processo di determinazione di quali sostanze richiedono un’azione normativa o dati aggiuntivi e quali sostanze chimiche non richiedono ulteriori azioni. CLP e il regolamento sui prodotti cosmetici. Con la loro partecipazione attiva al Forum EDC, ESE ha evidenziato l’urgente necessità di eliminare gradualmente le sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino che minacciano la salute umana. CLP e il regolamento sui prodotti cosmetici. Con la loro partecipazione attiva al Forum EDC, ESE ha evidenziato l’urgente necessità di eliminare gradualmente le sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino che minacciano la salute umana.

Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: