EASD 2021 2022

#EASD2022 Gruppo comune di virus fortemente legati al diabete di tipo 1

Adv

Gli individui con T1D hanno una probabilità otto volte maggiore di avere un’infezione da enterovirus rispetto ad altri

I risultati forniscono supporto per la ricerca in corso sui vaccini per aiutare a prevenire lo sviluppo del T1D

Un gruppo comune di virus è fortemente associato al diabete di tipo 1 (T1D), una nuova ricerca presentata alla riunione annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete a Stoccolma, in Svezia (19-23 settembre).

L’analisi australiana ha rilevato che gli individui con T1D avevano otto volte più probabilità di avere un’infezione da enterovirus rispetto a quelli senza T1D.

Il T1D è la forma più comune di diabete nei bambini e l’incidenza è aumentata in tutto il mondo negli ultimi decenni. In quelli con la condizione, il sistema immunitario attacca e distrugge le cellule beta produttrici di insulina nel pancreas, impedendo al corpo di produrre abbastanza ormone per regolare correttamente i livelli di zucchero nel sangue.

Nel tempo, livelli elevati di zucchero nel sangue possono danneggiare il cuore, gli occhi, i piedi e i reni e possono ridurre l’aspettativa di vita. Inoltre, la chetoacidosi diabetica, una condizione che spesso si presenta alla diagnosi di T1D e comporta l’accumulo di sostanze nocive chiamate chetoni nel sangue, può essere pericolosa per la vita se non trattata precocemente.

Cosa scateni esattamente l’attacco del sistema immunitario rimane controverso, ma si pensa che implichi una combinazione di una predisposizione genetica e uno o più fattori scatenanti ambientali come un’infezione da virus.

Alcune delle prove più evidenti del coinvolgimento del virus puntano verso gli enterovirus. Questo gruppo molto comune di virus include quelli che causano la poliomielite e l’afta epizootica (HFMD), così come altri tipi che causano sintomi più lievi, simili al raffreddore.

I vaccini che cercano di ridurre l’incidenza del T1D prevenendo l’infezione da enterovirus sono già in sperimentazione clinica 1 e la conferma del ruolo degli enterovirus sosterrebbe questo e altri lavori verso la prevenzione primaria del T1D.

Per esplorare l’associazione in modo più approfondito, Sonia Isaacs, del Dipartimento di Pediatria e Salute dell’infanzia, School of Clinical Medicine, University of New South Wales, Australia, e colleghi hanno effettuato una revisione sistematica e una meta-analisi della ricerca esistente sull’argomento.

La meta-analisi – la più ampia in questo campo – includeva dati su 12.077 partecipanti (età 0-87 anni) provenienti da 60 studi osservazionali controllati trovati sui database PubMed ed Embase.

5.981 dei partecipanti avevano T1D o autoimmunità delle isole (che in genere progredisce in T1D). I restanti 6.096 partecipanti non avevano nessuna delle due condizioni.

L’RNA o la proteina dell’enterovirus, segno di un’infezione in corso o recente, sono stati rilevati in campioni di sangue, feci o tessuti utilizzando una gamma di tecniche molecolari avanzate e altamente sensibili.

Quelli con autoimmunità insulare avevano il doppio delle probabilità di risultare positivi agli enterovirus rispetto a quelli senza autoimmunità insulare.

Le probabilità di infezione da enterovirus erano otto volte maggiori in quelli con T1D rispetto a quelli senza T1D.

Soprattutto, gli individui con T1D avevano una probabilità 16 volte maggiore di avere un’infezione da enterovirus rilevata nel mese successivo alla diagnosi di T1D, rispetto a quelli senza T1D.

I ricercatori concludono che esiste una chiara associazione tra l’infezione da enterovirus e sia l’autoimmunità delle isole che il T1D.

La signora Isaacs aggiunge: “Questi risultati forniscono ulteriore supporto al lavoro in corso per sviluppare vaccini per prevenire lo sviluppo dell’autoimmunità delle isole e quindi ridurre l’incidenza del T1D”.

Esistono diverse teorie su come gli enterovirus aumentino il rischio di sviluppare T1D. Si pensa, ad esempio, che la loro interazione con geni particolari possa essere importante.

La signora Isaacs spiega: “Il nostro studio ha scoperto che le persone con T1D che avevano sia un rischio genetico che un parente di primo grado con T1D avevano 29 volte più probabilità di avere un’infezione da enterovirus.

“Anche il numero, i tempi, la durata e persino il sito delle infezioni da enterovirus possono essere importanti. L’ipotesi dell'”intestino permeabile” suggerisce che i virus originari dell’intestino potrebbero viaggiare insieme alle cellule immunitarie attivate fino al pancreas, dove un’infezione persistente di basso livello e l’infiammazione risultante possono portare a una risposta autoimmune.

“Si propone inoltre che le infezioni da virus funzionino in combinazione con altri fattori come la dieta, gli squilibri nel microbioma intestinale e persino le esposizioni chimiche che possono verificarsi in utero (durante la gravidanza) o nella prima infanzia. C’è ancora molto da imparare”.

Riferimenti:

  1. https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT04690426
Adv

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: