Batticuore

Un numero maggiore di anziani dovrebbe controllare la pressione sanguigna a casa

Solo circa la metà di coloro che soffrono di ipertensione o condizioni legate alla pressione sanguigna monitorano regolarmente, ma le raccomandazioni degli operatori sanitari aumentano il monitoraggio degli anziani a casa

Solo il 48% delle persone di età compresa tra 50 e 80 anni che assumono farmaci per la pressione sanguigna o hanno una condizione di salute affetta da ipertensione controlla regolarmente la pressione sanguigna a casa o in altri luoghi , rileva un nuovo studio. 

Un numero leggermente più alto, ma ancora solo il 62%, afferma che un operatore sanitario li ha incoraggiati a eseguire tali controlli. Gli intervistati i cui fornitori avevano raccomandato di controllare la pressione sanguigna a casa avevano tre volte e mezzo più probabilità di farlo rispetto a quelli che non ricordavano di aver ricevuto tale raccomandazione.

I risultati sottolineano l’importanza di esplorare i motivi per cui i pazienti a rischio non controllano la pressione sanguigna e perché i fornitori non raccomandano di controllare, oltre a trovare modi per indurre più persone con queste condizioni di salute a controllare il sangue pressione regolarmente. Questo potrebbe svolgere un ruolo importante nell’aiutare i pazienti a vivere più a lungo e mantenere la salute del cuore e del cervello, affermano gli autori dello studio.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che il monitoraggio domiciliare regolare può aiutare con il controllo della pressione sanguigna e che un controllo migliore può significare un rischio ridotto di morte; di eventi cardiovascolari inclusi ictus e attacchi cardiaci; e di deterioramento cognitivo e demenza.

I risultati sono stati pubblicati su JAMA Network Open da un team di Michigan Medicine, il centro medico accademico dell’Università del Michigan. I dati provengono dal  sondaggio nazionale sull’invecchiamento in buona salute e si basano su un rapporto pubblicato lo scorso anno.

Il sondaggio, basato presso l’ UM Institute for Healthcare Policy and Innovation e supportato da Michigan Medicine e AARP, ha chiesto agli adulti di età compresa tra 50 e 80 anni informazioni sulle loro condizioni di salute croniche, sul monitoraggio della pressione sanguigna al di fuori delle strutture cliniche e sulle interazioni con gli operatori sanitari sulla pressione sanguigna. Gli autori dello studio Mellanie V. Springer, MD, MS, del Dipartimento di Neurologia di Medicina del Michigan, e Deborah Levine, MD, MPH, del Dipartimento di Medicina Interna, hanno lavorato con il team NPHA per sviluppare le domande del sondaggio e analizzare i risultati.

I dati nel nuovo documento provengono dai 1.247 intervistati che hanno affermato di assumere un farmaco per controllare la pressione sanguigna o di avere una condizione di salute cronica che richiede il controllo della pressione sanguigna, in particolare, una storia di ictus, malattia coronarica, insufficienza cardiaca congestizia , diabete, malattie renali croniche o ipertensione. 

Di loro, il 55% ha dichiarato di possedere un misuratore di pressione sanguigna, anche se alcuni hanno affermato di non usarlo mai. Tra coloro che lo usano, c’era un’ampia variazione nella frequenza con cui controllavano la pressione e solo circa la metà ha affermato di condividere le letture con un medico. Ma coloro che possiedono un monitor avevano una probabilità più di 10 volte maggiore di controllare la pressione sanguigna al di fuori delle strutture sanitarie rispetto a coloro che non ne possiedono uno.

Gli autori osservano che il monitoraggio della pressione sanguigna è associato a una pressione sanguigna più bassa ed è conveniente. Dicono che i risultati suggeriscono che dovrebbero essere sviluppati protocolli per educare i pazienti sull’importanza dell’automonitoraggio della pressione sanguigna e della condivisione delle letture con i medici.


Prevalenza e frequenza del monitoraggio della pressione sanguigna automisurata negli adulti statunitensi di età compresa tra 50 e 80 anni JAMA Network Open. doi:10.1001/jamanetworkopen.2022.31772,  https://jamanetwork.com/journals/jamanetworkopen/fullarticle/2796184?resultClick=1

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: