Equilibrio

Come la privazione del sonno può causare infiammazione

Adv

L’infiammazione è la risposta naturale del corpo a malattie e lesioni. Quando soffri di un’infezione respiratoria o ti tagli, il tuo sistema immunitario attiva i globuli bianchi, che a loro volta rilasciano citochine e altre molecole infiammatorie che attaccano gli invasori e proteggono i tessuti del corpo. Quando questa risposta è temporanea, funge da efficace meccanismo di difesa. Ma quando l’infiammazione non si ferma, può contribuire allo sviluppo di malattie cardiache, diabete, ictus, cancro e morbo di Alzheimer.

La privazione del sonno è associata a marcatori di infiammazione, come l’aumento delle molecole infiammatorie, comprese le citochine, l’interleuchina-6, la proteina C-reattiva (un marcatore di infiammazione che è elevato nelle persone a rischio di malattie cardiache e diabete) e altri, tra le persone che non dormivano bene. Sebbene questi segni di infiammazione possano essere attribuiti ad altri fattori, ad esempio stress, fumo o obesità, suggeriscono che la privazione del sonno gioca un ruolo nel processo infiammatorio. E potrebbero aiutare a spiegare perché le persone che dormono male sono a rischio di malattie cardiovascolari, ipertensione e diabete, tra le altre condizioni croniche.

Adv

In che modo la mancanza di sonno contribuisce all’infiammazione? Una teoria si concentra sui vasi sanguigni. Durante il sonno, la pressione sanguigna scende e i vasi sanguigni si rilassano. Quando il sonno è limitato, la pressione sanguigna non diminuisce come dovrebbe, il che potrebbe innescare cellule nelle pareti dei vasi sanguigni che attivano l’infiammazione. La mancanza di sonno potrebbe anche alterare il sistema di risposta allo stress del corpo.

Inoltre, una mancanza di sonno interferisce con la normale funzione del sistema di pulizia della casa del cervello, chiamato sistema glinfatico (da non confondere con il sistema linfatico nel resto del corpo). Nelle fasi del sonno più profondo, il liquido cerebrospinale scorre attraverso il cervello, spazzando via la proteina amiloide-beta legata al danno delle cellule cerebrali. Senza una buona notte di sonno, questo processo di pulizia della casa è meno completo, consentendo alle proteine ??di accumularsi e di sviluppare l’infiammazione. Quindi, si instaura un circolo vizioso. L’accumulo di amiloide beta nel lobo frontale del cervello inizia a compromettere il sonno a onde lente più profondo, non REM. Questo danno rende più difficile sia dormire che conservare e consolidare i ricordi.

Solo una notte di sonno perso può mantenere i livelli di amiloide-beta più alti del solito. Il problema non è tanto il sonno scarso di una sola notte, che puoi compensare, ma un modello cumulativo di perdita di sonno, che porta a una diminuzione dell’integrità strutturale, delle dimensioni e della funzione di regioni del cervello come il talamo e l’ippocampo, che sono particolarmente vulnerabile ai danni durante le prime fasi della malattia di Alzheimer.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: