Batticuore Benessere Mangiare e bere

Bere caffè è associato a una maggiore longevità

Adv

Sophia-Antipolis, 27 settembre 2022 : secondo una ricerca pubblicata oggi su l’European Journal of Preventive Cardiology , una rivista dell’ESC. 1 I risultati sono stati applicati a varietà macinate, istantanee e decaffeinate.

“In questo ampio studio osservazionale, il caffè macinato, istantaneo e decaffeinato sono stati associati a riduzioni equivalenti nell’incidenza di malattie cardiovascolari e morte per malattie cardiovascolari o per qualsiasi causa”, ha affermato l’autore dello studio, il professor Peter Kistler del Baker Heart and Diabetes Research Institute, Melbourne, Australia. “I risultati suggeriscono che l’assunzione da lieve a moderata di caffè macinato, istantaneo e decaffeinato dovrebbe essere considerata parte di uno stile di vita sano”.

Adv

Ci sono poche informazioni sull’impatto delle diverse preparazioni di caffè sulla salute del cuore e sulla sopravvivenza. Questo studio ha esaminato le associazioni tra tipi di caffè e aritmie incidenti, malattie cardiovascolari e morte utilizzando i dati della biobanca britannica, che ha reclutato adulti di età compresa tra 40 e 69 anni. Le malattie cardiovascolari comprendevano malattie coronariche, insufficienza cardiaca congestizia e ictus ischemico. 

Lo studio ha incluso 449.563 partecipanti liberi da aritmie o altre malattie cardiovascolari al basale. L’età media era di 58 anni e il 55,3% erano donne. I partecipanti hanno compilato un questionario chiedendo quante tazze di caffè bevevano ogni giorno e se di solito bevevano caffè solubile, macinato (come cappuccino o caffè filtrato) o decaffeinato. Sono stati quindi raggruppati in sei categorie di assunzione giornaliera, costituite da nessuna, meno di una, una, da due a tre, da quattro a cinque e più di cinque tazze al giorno. Il solito tipo di caffè era istantaneo in 198.062 (44,1%) partecipanti, macinato in 82.575 (18,4%) e decaffeinato in 68.416 (15,2%). C’erano 100.510 (22,4%) bevitori di caffè che hanno servito come gruppo di confronto. 

I bevitori di caffè sono stati confrontati con i non bevitori per l’incidenza di aritmie, malattie cardiovascolari e morte, dopo aver aggiustato per età, sesso, etnia, obesità, ipertensione, diabete, apnea ostruttiva del sonno, fumo e consumo di tè e alcol. Le informazioni sull’esito sono state ottenute da cartelle cliniche e cartelle di morte. Il follow-up mediano è stato di 12,5 anni. 

Un totale di 27.809 (6,2%) partecipanti sono morti durante il follow-up. Tutti i tipi di caffè sono stati associati a una riduzione dei decessi per qualsiasi causa. La maggiore riduzione del rischio osservata con due o tre tazze al giorno, che rispetto al non bere caffè è stata associata a una probabilità di morte inferiore del 14%, 27% e 11% rispettivamente per i preparati decaffeinati, macinati e istantanei.

La malattia cardiovascolare è stata diagnosticata in 43.173 (9,6%) partecipanti durante il follow-up. Tutti i sottotipi di caffè erano associati a una riduzione delle malattie cardiovascolari incidenti. Anche in questo caso, il rischio più basso è stato osservato con due o tre tazze al giorno, che rispetto all’astinenza dal caffè era associato a una probabilità ridotta del 6%, 20% e 9% di malattie cardiovascolari rispettivamente per il caffè decaffeinato, macinato e istantaneo.

Durante il follow-up è stata diagnosticata un’aritmia in 30.100 (6,7%) partecipanti. Il caffè macinato e istantaneo, ma non decaffeinato, è stato associato a una riduzione delle aritmie inclusa la fibrillazione atriale. Rispetto ai non bevitori, i rischi più bassi sono stati osservati con da quattro a cinque tazze al giorno per il caffè macinato e da due a tre tazze al giorno per il caffè istantaneo, con rischi ridotti rispettivamente del 17% e del 12%.

Il professor Kistler ha dichiarato: “La caffeina è il costituente più noto del caffè, ma la bevanda contiene più di 100 componenti biologicamente attivi. È probabile che i composti non contenenti caffeina fossero responsabili delle relazioni positive osservate tra consumo di caffè, malattie cardiovascolari e sopravvivenza. I nostri risultati indicano che bere modeste quantità di caffè di tutti i tipi non deve essere scoraggiato, ma può essere apprezzato come un comportamento salutare per il cuore”.

Note

Riferimenti
1Chieng D, Canovas R, Segan L, et al . L’impatto dei sottotipi di caffè su malattie cardiovascolari, aritmie e mortalità incidenti: risultati a lungo termine dalla biobanca britannica. Eur J Prev Cardiol . 2022. doi:10.1093/eurjpc/zwac189.
Il link sarà pubblicato al momento della pubblicazione:
https://academic.oup.com/eurjpc/article-lookup/doi/10 1093/eurjpc/zwac189

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: