Batticuore

La valutazione notturna della pressione sanguigna è importante nella diagnosi dell’ipertensione

Adv

Circa il 15% delle persone di età compresa tra 40 e 75 anni può avere una forma di ipertensione (ipertensione) non diagnosticata che si verifica solo di notte. Poiché non lo sanno e quindi non vengono curati per questo, sono a maggior rischio di malattie cardiovascolari come ictus, insufficienza cardiaca e persino morte, suggerisce una nuova ricerca dell’Università di Oxford pubblicata sul British Journal of General Practice.

Quando la pressione sanguigna viene monitorata nell’arco di 24 ore, gli individui possono essere divisi in tre gruppi in base al loro schema di pressione sanguigna:

Adv

Dippers, per i quali la pressione sanguigna notturna è inferiore a quella diurna (come nel caso dei giovani sani).
Non mestolo per i quali i valori pressori notturni e diurni non sono molto diversi.
Merlo acquaiolo inverso, per i quali, contrariamente alle aspettative, la pressione sanguigna notturna è superiore a quella diurna, quando sono attivi e attivi.
Quando non diagnosticata e non trattata, l’ipertensione (nota anche come pressione alta ) provoca malattie cardiovascolari , che è una delle principali cause di morte e disabilità nel Regno Unito. Una persona su otto in Inghilterra ha un’ipertensione non diagnosticata, che le mette a rischio di malattie cardiovascolari.

Il monitoraggio della pressione sanguigna 24 ore su 24 (di solito chiamato monitoraggio della pressione sanguigna ambulatoriale, ABPM) è diventato meno frequente nelle cure primarie dall’inizio della pandemia di COVID-19. Il monitoraggio domiciliare della pressione sanguigna, utilizzando un monitor spesso acquistato dagli individui stessi, è l’alternativa comune. Tuttavia, i misuratori della pressione sanguigna domestici non possono essere utilizzati quando l’individuo dorme e quindi non possono misurare la pressione sanguigna notturna. Pertanto, quelle persone la cui pressione sanguigna è normale durante il giorno ma la cui pressione sanguigna notturna, a loro insaputa, aumenta di notte, hanno un’ipertensione non diagnosticata, con tutti i rischi associati.

Questo nuovo studio dell’Università di Oxford ha esaminato i modelli di pressione sanguigna nelle 24 ore nei pazienti ricoverati in ospedale e ha scoperto che quasi la metà di questi pazienti ha un aumento della pressione sanguigna durante la notte (“modello a bilanciere inverso”). I ricercatori dello studio hanno quindi esaminato i modelli di pressione sanguigna di pazienti in cure primarie della stessa fascia di età (40-75), che erano stati monitorati per 24 ore durante le normali attività quotidiane utilizzando ABPM.

La percentuale della popolazione in questo gruppo che era “reverse-dipper” era di circa il 15%. Ci sono diverse possibili ragioni per la differenza nella proporzione di persone che si trovano ad avere un modello di pressione sanguigna “diminuzione inversa” nei due gruppi di pazienti. Una possibile ragione è che il gruppo della comunità includeva una percentuale molto più alta di persone a cui era già stata diagnosticata l’ipertensione, e queste persone hanno maggiori probabilità di essere “merlo acquaiolo” piuttosto che “merlo acquaiolo”. Questo perché le persone la cui pressione sanguigna è più alta di giorno e scende di notte hanno maggiori probabilità di essere rilevate come affette da ipertensione negli ambulatori e nelle cliniche del medico di famiglia.

  • Circa il 15% delle persone nella comunità di età compresa tra 40 e 75 anni ha un aumento della pressione sanguigna durante la notte.
  • Questo andamento della pressione sanguigna di 24 ore è chiamato immersione inversa, perché la pressione aumenta (“abbassamento inverso”) durante la notte invece di diminuire (immersione), quest’ultima è l’andamento normale per i giovani sani.
  • La pressione sanguigna per i bilancieri inversi è più bassa durante il giorno, quando avrebbero la pressione sanguigna controllata dal medico di famiglia e quindi queste persone sono a rischio di avere una diagnosi mancata di ipertensione.
  • Al contrario, la pressione sanguigna dei mestoli diminuisce durante la notte e la loro pressione sanguigna è più alta durante il giorno, quindi è più probabile che venga diagnosticata l’ipertensione.
  • C’è un corpo di ricerca consolidato che mostra che i bilancieri inversi sono a maggior rischio di malattie cardiovascolari come ictus, insufficienza cardiaca e persino morte. Il nuovo studio ha rilevato che in tutti i sessi e nei gruppi di pazienti sia in ospedale che in comunità, almeno 1 su 3 mestolo inverso aveva almeno una malattia cardiovascolare.

Il coautore, il professor Lionel Tarassenko, professore di ingegneria elettrica e direttore fondatore dell’Institute of Biomedical Engineering, Department of Engineering Science, University of Oxford, afferma: “La pressione sanguigna segue un andamento ciclico nell’arco di 24 ore. Normalmente, diminuisce ( o cali) durante la notte durante il sonno e poi aumenta dopo il risveglio. Per i “merlorizzatori inversi” (per lo più persone anziane, a volte con diabete o malattie renali), lo schema è invertito: la pressione sanguigna sale (o cali inversi) di notte e poi diminuisce dopo il risveglio.Ciò significa che i bilancieri inversi hanno la loro pressione sanguigna più bassa durante il giorno, e quindi saranno falsamente rassicurati dal monitoraggio diurno a casa o nella clinica del medico di famiglia.Le misurazioni della pressione sanguigna diurna non sono sufficienti:È di vitale importanza identificare chi è un mestolo inverso attraverso il monitoraggio ambulatoriale della pressione sanguigna 24 ore su 24″.

Ciò evidenzia la necessità per i medici di base di offrire ai propri pazienti una valutazione della pressione sanguigna 24 ore su 24. Ciò è particolarmente importante per le persone di età superiore ai 60 anni, poiché la pressione sanguigna notturna più alta aumenta con l’età e i controlli della pressione sanguigna in ambulatorio e l’automonitoraggio del paziente a casa non è in grado di rilevare la pressione sanguigna alta notturna. ”

Gli autori notano diversi limiti al loro studio:

  • Scelta della fascia di età: i ricercatori non hanno riscontrato differenze significative tra la pressione arteriosa sistolica media di uomini e donne durante il giorno o la notte, ma ciò potrebbe essere dovuto alla scelta della fascia di età (40-75). In un lavoro precedente, i ricercatori avevano dimostrato che le donne al di sotto dei 60 anni avevano una pressione sistolica più bassa rispetto agli uomini, ma era vero il contrario al di sopra dei 60 anni. Tuttavia, ci aspetteremmo che questi due fenomeni si sarebbero attestati in media in un totale di 40– fascia di età 75 anni.
  • Questo studio ha utilizzato la pressione sanguigna sistolica solo per calcolare i modelli di pressione sanguigna nelle 24 ore dei partecipanti inclusi, in conformità alla pratica comune in questo campo. Gli autori identificano che il lavoro futuro potrebbe includere un’analisi del fatto che i profili della pressione diastolica nelle 24 ore (la forza del sangue contro le pareti delle arterie tra i battiti cardiaci) forniscano informazioni indipendenti.

Laura Armitage conclude: “La mancata misurazione della pressione sanguigna notturna mette tutti i gruppi diversi dai mestolo a rischio di mancata identificazione dell’ipertensione. Raccomandiamo che, oltre a misurare la pressione sanguigna in ambulatorio, i medici di famiglia dovrebbero offrire la pressione sanguigna ambulatoriale 24 ore su 24 monitoraggio (ABPM) a domicilio per tutti i pazienti di età pari o superiore a 60 anni come minimo, durante la valutazione dell’ipertensione.

“Sebbene accogliamo con favore lo screening aggiuntivo per l’ipertensione recentemente implementato nelle farmacie, non affronta la questione chiave evidenziata nel nostro articolo: esiste un sostanziale sottoinsieme di individui di età superiore ai 60 anni che hanno la pressione sanguigna bassa durante il giorno (per esempio, se sottoposti a screening in farmacia) ma che hanno una pressione sanguigna notturna elevata e quindi un alto rischio di gravi malattie cardiovascolari. A quei soggetti non verrà offerto l’ABPM a causa della loro bassa pressione sanguigna diurna e saranno falsamente rassicurati. ”


Ulteriori informazioni: Laura Catherine Armitage et al, Diagnosing ipertensione nelle cure primarie: l’importanza della valutazione della pressione sanguigna notturna, British Journal of General Practice (2022). DOI: 10.3399/BJGP.2022.0160

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: