Equilibrio

Lo iorkana aiuta l’equilibrio

Adv

Mente-corpo una buona pratica per aiutare ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue nelle persone con diabete di tipo 2

Una nuova ricerca della Keck School of Medicine della USC rivela che le pratiche mente-corpo sono altamente efficaci nel ridurre i livelli di zucchero nel sangue nelle persone con diabete di tipo 2

Le pratiche mente-corpo come lo yoga e la meditazione sono strumenti sempre più diffusi per promuovere la salute e combattere le malattie, incluso il diabete di tipo 2. Circa il 66% degli americani con diabete di tipo 2 usa pratiche mente-corpo e molti lo fanno perché credono che aiuti a controllare la glicemia. Finora, tuttavia, non è mai stato quantificato in modo rigoroso se le pratiche mentali possono ridurre i livelli di glucosio nel sangue. 

Secondo una nuova ricerca condotta da un team della Keck School of Medicine della USC, pubblicata di recente sul  Journal of Integrative and Complementary Medicine ,  alcune pratiche mente-corpo possono essere efficaci quasi quanto i farmaci comunemente prescritti nel ridurre i livelli di glucosio nel sangue nelle persone con diabete di tipo 2. 

Adv

“La scoperta più sorprendente è stata l’entità del beneficio fornito da queste pratiche”, ha affermato Fatimata Sanogo, studentessa di dottorato presso il Dipartimento di Scienze della popolazione e della salute pubblica e autrice principale dello studio. “Ci aspettavamo che ci fosse un vantaggio, ma non ci aspettavamo che sarebbe stato così grande”.

nirvana

Tutte le pratiche ottengono riduzioni significative dei livelli di zucchero nel sangue 

Il team ha analizzato i dati di studi randomizzati controllati condotti in tutto il mondo tra il 1993 e il 2022. Hanno trovato 28 studi in cui persone con diabete di tipo 2 hanno iniziato una pratica mente-corpo oltre a ricevere farmaci e hanno confrontato i loro risultati con persone che hanno ricevuto solo farmaci per ridurre i loro livelli di zucchero nel sangue.

Questo studio, il primo ad analizzare una serie di pratiche mente-corpo tra cui meditazione, qigong, yoga e riduzione dello stress basata sulla consapevolezza e il loro effetto sui livelli di glucosio nel sangue, ha rivelato che tutte le pratiche mente-corpo hanno portato a riduzioni significative dei livelli di zucchero nel sangue. 

Nel complesso, le pratiche mente-corpo hanno registrato una riduzione media dello 0,84% dell’emoglobina A1c, una misura del livello medio di glucosio nel sangue negli ultimi 3 mesi. Lo yoga, la modalità più studiata, ha fornito il beneficio maggiore, circa una riduzione dell’1% dell’emoglobina A1c. Gli autori hanno notato che una riduzione dell’1% è particolarmente notevole perché la metformina, il farmaco per il diabete più prescritto, riduce l’emoglobina A1c nelle persone con diabete di tipo 2 in media dell’1,1%. 

“Ciò che è importante di questo studio è che l’effetto è molto forte e che è al di sopra dello standard di cura”, ha affermato Richard M. Watanabe, PhD, professore di scienze della popolazione e della salute pubblica, fisiologia e neuroscienze presso la Keck School of Medicine, osservando che la ricerca ha rivelato che le pratiche mente-corpo hanno aiutato i partecipanti a ottenere riduzioni dei livelli di glucosio nel sangue oltre alle riduzioni che stavano ottenendo dai farmaci. 

Un potenziale nuovo strumento per i medici

La ricerca suggerisce che le pratiche mente-corpo potrebbero essere utilizzate sia come trattamento complementare non farmacologico per le persone con diabete di tipo 2 che forse anche come misura preventiva. 

Sono necessari nuovi metodi efficaci per tenere sotto controllo il diabete di tipo 2, poiché solo circa la metà delle persone con diabete di tipo 2 riesce a ridurre i livelli di zucchero nel sangue al livello target del 7% di emoglobina A1c. Allo stesso tempo, il numero di americani pre-diabetici è cresciuto fino a circa un terzo negli ultimi decenni. 

Gli studi provenivano da diversi paesi, suggerendo ulteriormente che le pratiche mente-corpo potrebbero giovare alle persone con diabete di tipo 2 in tutto il mondo. 

“Questo potrebbe essere uno strumento importante per molte persone perché il diabete di tipo 2 è un grave problema di salute cronico e non stiamo facendo un lavoro abbastanza buono per controllarlo”, ha affermato Sanogo. “Sebbene questo studio non lo affronti come misura preventiva, suggerisce che potrebbe aiutare le persone che sono pre-diabetiche a ridurre il rischio di futuro diabete di tipo 2”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: