Complicanze varie/eventuali

I lipidi nel sangue predicono il rischio di danni ai nervi chi ha diabete di tipo 2

Adv

Businessman drawing bar graph with prediction of crisis

I risultati aprono il potenziale per testare i biomarcatori e facilitano una gestione più mirata dei pazienti con la condizione

Fino al 50% dei diabetici tipo 2 può finire con danni ai nervi o neuropatia diabetica, che possono essere dolorosi e invalidanti.

Adv

Mentre alcuni farmaci possono ridurre il dolore, gli scienziati continuano a cercare i fattori che inducono i pazienti a sviluppare la neuropatia diabetica, per identificare i modi per ridurre il rischio di sintomi dannosi.

Uno studio della Michigan Medicine rileva che più biomarcatori lipidici sono collegati allo sviluppo della neuropatia nei pazienti con diabete di tipo 2.

I ricercatori hanno esaminato campioni di siero di quasi 70 membri della comunità indiana del fiume Gila con diabete di tipo 2 che sono stati testati per la neuropatia 10 anni dopo. Hanno analizzato 435 diverse specie di lipidi, che sono composti organici composti da grassi e oli.

I risultati pubblicati negli  Annals of Clinical and Translational Neurology  rivelano che i  partecipanti con punteggi elevati per la neuropatia diabetica avevano cambiamenti nei lipidi che riflettevano un metabolismo energetico alterato.

“Abbiamo il potenziale per testare questi biomarcatori lipidici nei pazienti con diabete di tipo 2 per identificare quelli con il più alto rischio di sviluppare neuropatia periferica e facilitare una gestione più mirata di quei pazienti”, ha affermato l’autrice senior  Eva L. Feldman, MD, Ph. D. , James W. Albers Distinguished Professor presso UM e Russell N. DeJong Professor of Neurology e direttore del NeuroNetwork for Emerging Therapies presso Michigan Medicine.

Sebbene ci fossero differenze tra i profili lipidici di base dei partecipanti con e senza neuropatia, i ricercatori hanno trovato un modello nei profili lipidici del sangue 10 anni prima che una persona sviluppasse neuropatia che mostrava una disfunzione di segnalazione in un percorso critico chiamato b-ossidazione. Questo percorso converte i lipidi in fonti di energia nervosa e, se danneggiati, i nervi affamati di energia subiscono danni, portando alla neuropatia.

“Man mano che impariamo di più sulla relazione tra le specie lipidiche sieriche e la neuropatia, si aprirà la possibilità di un trattamento terapeutico mirato, sia con farmaci che con interventi sullo stile di vita”, ha affermato Feldman. “I nostri risultati supportano il concetto che i grassi sani insaturi sono una migliore fonte di energia per i nervi rispetto ai grassi altamente saturi. Raccomandiamo vivamente una dieta di tipo mediterraneo per mantenere un sistema nervoso sano”.

Feldman sostiene anche l’esercizio, che aumenta l’efficienza del percorso di b-ossidazione. “Impegnarsi in una dieta sana e in un programma di esercizio fisico è la chiave per prevenire la neuropatia”, ha affermato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: