Batticuore

Vitamina D per la salute del cuore: dove iniziano e finiscono i benefici

È un nutriente cavallo di battaglia che rafforza le ossa, supporta la funzione immunitaria, aiuta il cuore e alimenta il corpo in molti altri modi. Ma le recenti scoperte sulla vitamina D sono chiare: dosi elevate non migliorano la salute del cuore e della circolazione per la maggior parte degli adulti più di quanto non facciano dosi modeste.

“Sono necessarie solo quantità da piccole a moderate di vitamina D per avere una funzione cardiovascolare ottimale”, ha affermato JoAnn E. Manson MD, Dr.PH, autore dello studio e capo della divisione di medicina preventiva presso il Brigham and Women’s Hospital e l’Harvard Medical Scuola. “Più non è meglio”, ha spiegato.

Attraverso la ricerca in corso, Manson ha scoperto che gli adulti che assumono integratori giornalieri di vitamina D moderati o alti di almeno 1.000 UI non hanno avuto un rischio ridotto di avere un infarto, ictus o morte per cause cardiovascolari rispetto agli adulti che assumono un placebo senza vitamina D.

Questa ricerca, che è stata supportata dal Vitamin D and Omega-3 Trial (VITAL), è in linea con le raccomandazioni pubblicate a giugno dalla US Preventive Services Task Force, che ha citato prove insufficienti per raccomandare agli adulti di assumere vitamina D o qualsiasi altro integratore per prevenire malattie cardiovascolari .

Questi risultati si aggiungono anche alla crescente evidenza che gli integratori di vitamina D non sono la panacea che molti pensavano fossero per una serie di problemi di salute. VITAL e altri studi randomizzati hanno scoperto, ad esempio, che assunzioni più elevate non hanno prevenuto il cancro , le fratture ossee o le cadute, né hanno alleviato il dolore al ginocchio, il declino cognitivo o la fibrillazione atriale, tra le altre condizioni.

È per questo che i ricercatori hanno iniziato a spostare la loro attenzione su altre domande più sfumate sulla vitamina. Ad esempio, perché alcune persone ne traggono vantaggio più di altri? Gli integratori potrebbero giovare a popolazioni specifiche, come quelle con maggiori rischi di malattie cardiache? E dato che VITAL ha mostrato che integratori di vitamina D ad alto dosaggio hanno ridotto i rischi di malattie autoimmuni, potrebbero anche aiutare a ridurre la gravità del COVID-19?

Vitamina D: prendine abbastanza, ma non troppo

Sebbene i ricercatori risolvano queste domande, le linee guida in vigore da anni si applicano ancora.

La National Academy of Medicine raccomanda un’assunzione giornaliera di 600 UI di vitamina D (principalmente dagli alimenti) per le persone di età compresa tra 1 e 70 anni e 800 UI per gli adulti di età pari o superiore a 71 anni. Tuttavia, Manson osserva che è ragionevole per gli adulti preoccupati di non assumere abbastanza vitamina D per assumere un supplemento giornaliero di 1.000-2.000 UI durante la pandemia. Mette in guardia dal prenderne di più. Consumare più di 4.000 UI al giorno, il limite giornaliero superiore, è considerato un mega dosaggio e potrebbe portare a effetti avversi, inclusi livelli elevati di calcio nel sangue o calcoli renali.

Allora qual è il modo migliore per assumere la vitamina D?

L’esposizione al sole accidentale, ad esempio facendo attività fisica all’aperto e mangiando cibi ricchi di vitamina D, inclusi pesce grasso, latticini fortificati e cereali e alcuni funghi, come quelli esposti alla luce ultravioletta, sono buoni punti di partenza, Manson spiegato. Leggere le etichette nutrizionali può anche aiutare le persone a valutare quanta vitamina D consumano attraverso il cibo.

Dopodiché, gli integratori possono fornire una spinta per le persone preoccupate di ottenere troppo poco. O esporre direttamente la pelle alla luce solare per 15 minuti un paio di volte alla settimana ci porterà anche tu, ha detto Manson.

Ma quando si tratta di vitamina D e prevenzione delle malattie cardiache, Manson ha affermato che “tutto ciò di cui hai bisogno è entrare in quella fascia media in cui non sei carente”.

Comprendere la vitamina D e la salute del cuore

L’idea che una maggiore assunzione di vitamina D potesse migliorare la salute del cuore è emersa anni fa, quando studi osservazionali hanno scoperto che le persone con livelli ematici di vitamina D più elevati avevano tassi più bassi di malattie cardiovascolari.

Per vedere se la vitamina D guidasse questo effetto o fosse solo un indicatore di rischio, i ricercatori hanno condotto studi randomizzati e controllati , incluso VITAL. Nel 2011-2013, più di 25.000 adulti si sono iscritti a VITAL, che hanno scoperto che gli integratori di vitamina D ad alto dosaggio non prevenivano gli eventi cardiovascolari. E anche Manson, direttore dello studio per VITAL, ha condotto una meta-analisi su questo argomento. Dopo aver esaminato 21 studi randomizzati relativi alla vitamina D e alle malattie cardiovascolari, ha scoperto che “nessuno ha mostrato chiari benefici degli integratori di vitamina D nella prevenzione delle malattie cardiache o dell’ictus”.

“Nella ricerca osservazionale, la correlazione non dimostra il nesso di causalità”, ha spiegato, sottolineando la necessità di studi randomizzati e controllati.

Diversi fattori potrebbero spiegare perché gli adulti con livelli di vitamina D più elevati hanno meno probabilità di avere malattie cardiovascolari negli studi osservazionali, ha detto Manson. L’esercizio è uno. Le persone che trascorrono più tempo all’aperto impegnate in attività fisica, che supporta la salute del cuore e dei vasi sanguigni, possono avere livelli di vitamina D più elevati a causa dell’esposizione al sole accidentale. La dieta è un’altra. Il pesce e altri pasti ricchi di nutrienti supportano la salute del cuore e tendono ad essere più ricchi di vitamina D.

L’infiammazione è un terzo, ha detto. I livelli di infiammazione possono servire come segnali di malattia. E poiché la vitamina D può legarsi a una proteina che ha maggiori probabilità di essere esaurita dall’infiammazione, livelli più bassi possono essere un marker, al contrario di un fattore causale, per condizioni croniche come le malattie cardiache.

Tuttavia, una volta che gli adulti hanno livelli sufficienti di vitamina D, i benefici si stabilizzano, ha spiegato Manson. “Non si hanno ulteriori riduzioni del rischio di malattie cardiovascolari con una maggiore assunzione o livelli ematici di vitamina D”.

Il futuro della ricerca sulla vitamina D

I ricercatori, compresi quelli che guidano VITAL, stanno ora rivolgendo la loro attenzione a come gli integratori di vitamina D possono aiutare le persone in altri modi.

Alcuni stanno esaminando come integratori di vitamina D ad alto dosaggio possano supportare la funzione immunitaria nelle persone con condizioni autoimmuni, tra cui l’artrite reumatoide, il lupus e la psoriasi. In questo caso, i risultati sembrano promettenti. Gli adulti che assumevano un integratore di vitamina D ad alte dosi per cinque anni avevano un rischio ridotto del 22% di avere una condizione autoimmune. Altri ricercatori, tra cui Manson, stanno studiando se la vitamina D può ridurre la gravità delle infezioni da COVID-19, abbreviare il recupero e ridurre il rischio di COVID-19 lungo.

Guardare come la vitamina D può aiutare le persone che convivono con il diabete di tipo 2 e il cancro sono le ancore di altri studi. Sebbene l’integrazione di vitamina D non abbia prevenuto il cancro, Manson e altri ricercatori di VITAL stanno studiando se un’assunzione maggiore possa rallentarne la progressione e ridurre i decessi correlati al cancro.

Anche Alvin A. Chandra, MD, ricercatore VITAL e assistente professore nella divisione di cardiologia presso il Southwestern Medical Center dell’Università del Texas, è curioso se esiste una relazione parallela con la vitamina D e le malattie cardiache .

“Potrebbero esserci sottogruppi di pazienti a più alto rischio di esiti cardiovascolari avversi che potrebbero trarre beneficio dall’integrazione di vitamina D”, ha affermato. Ciò potrebbe includere persone che hanno avuto un infarto, ictus o insufficienza cardiaca. E se ci sono benefici, sia per gli integratori di vitamina D che/o di omega-3, Chandra ha detto di voler sapere quali livelli fornirebbero un effetto protettivo.

I ricercatori di VITAL stanno inoltre studiando i meccanismi che possono influenzare o indicare la facilità con cui la vitamina D può essere assorbita e utilizzata dall’organismo. Queste variabili possono aiutare a spiegare perché circa un americano su quattro o cinque è a rischio di avere livelli inadeguati di vitamina D.

Il colore della pelle più scuro può influenzare la sintesi cutanea della vitamina D dall’esposizione al sole, per esempio. Secondo il National Health and Nutrition Examination Survey 2011-2014 , circa un bambino o adulto nero su sei era a rischio di avere una carenza di vitamina D rispetto a uno su 13 asiatici americani, uno su 17 ispanici e uno su 40 bianchi. Anche l’invecchiamento, le allergie e le condizioni sottostanti, tra cui il morbo di Crohn e la celiachia, possono compromettere l’assorbimento e avere altri effetti, così come l’esposizione al sole limitata, le restrizioni dietetiche e l’allattamento prolungato al seno.

Il modo in cui la vitamina D interagisce con altri nutrienti, come magnesio e vitamina K, e influisce sul suo assorbimento e sulle azioni biologiche sono argomenti di altri studi, ha aggiunto Manson. I ricercatori stanno anche studiando i collegamenti genetici che potrebbero spiegare le differenze nel modo in cui la vitamina viene metabolizzata e si lega ai recettori.

Il risultato, ha spiegato, potrebbe portare a requisiti personalizzati di vitamina D. Potrebbero anche essere identificati e aiutati i gruppi particolari che beneficiano maggiormente dell’integrazione.

“Questo fa tutto parte della prevenzione di precisione”, ha spiegato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: