Assistenza sociosanitaria

Come migliorare la qualità della vita dei pazienti con demenza?

Lo studio condotto dall’UCSF suggerisce che il modello potrebbe portare a un minor numero di interventi medici non necessari

Un modello di previsione della mortalità per gli anziani affetti da demenza può aiutare i medici a inquadrare le discussioni con i pazienti e le loro famiglie relative all’assistenza di fine vita, come il supporto domiciliare e le case di cura. Inoltre, il modello può aiutare i medici a determinare se i pazienti devono continuare con lo screening oncologico di routine o interrompere i farmaci, come l’insulina per quelli con diabete di tipo 2, interventi che possono danneggiare più che aiutare.

Nel loro studio, pubblicato su  JAMA Internal Medicine  il 26 settembre 2022, i ricercatori guidati dall’UC San Francisco hanno seguito 4.267 partecipanti con probabile demenza, che non erano residenti in case di cura, in cui l’81% di loro era morto entro la fine del periodo di follow-up. 

È stato sviluppato un modello di previsione basato sull’età, il sesso, l’indice di massa corporea, le condizioni croniche, lo stato di fumatore, la capacità di camminare per diversi isolati e di impegnarsi in attività vigorose di un individuo. Includevano anche la capacità di svolgere attività della vita quotidiana, come occuparsi della cura personale, mangiare e alzarsi e alzarsi dal letto, nonché attività strumentali della vita quotidiana, come la preparazione dei pasti, la spesa, la gestione di farmaci e denaro. Il modello si è rivelato accurato nel determinare chi è vissuto e chi è morto in un periodo fino a 10 anni in circa il 75% dei casi.

I partecipanti, la cui età media era di 82 anni e di cui il 12% erano neri e il 69% erano donne, erano stati arruolati nell’Health and Retirement Study, un’indagine rappresentativa a livello nazionale di adulti over 50. La loro diagnosi di probabile demenza era determinata da un alto algoritmo di precisione. I risultati sono stati convalidati in un gruppo separato di individui arruolati nel National Health and Aging Trends Study.  

Il modello può richiedere conversazioni su risorse finanziarie e preferenze di trattamento

Il modello di previsione può aiutare a guidare le discussioni su quali risorse finanziarie sono necessarie per sostenere l’individuo con demenza, ha affermato il primo autore  W. James Deardorff , MD, geriatra presso l’UCSF e il San Francisco VA Health Care System.

“Una stima della prognosi di un individuo può essere un fattore importante nella pianificazione finanziaria per le famiglie, in particolare perché molte persone affette da demenza hanno bisogno di un maggiore sostegno a casa e alla fine sono ricoverate in case di cura”, ha affermato, osservando che studi precedenti hanno mostrato la sopravvivenza media tempo dal momento della diagnosi compreso tra tre e 12 anni. 

“Inoltre, le persone con un’aspettativa di vita limitata potrebbero voler concentrarsi sulla qualità della vita e sul sentirsi a proprio agio, piuttosto che cercare di vivere il più a lungo possibile. Ciò può indurli a rinunciare a determinati interventi, come la rianimazione cardiopolmonare in caso di arresto cardiaco. Le informazioni sulla prognosi di un individuo possono aiutare a informare le conversazioni su determinate preferenze di trattamento medico”, ha affermato. 

Tra i fattori legati alla mortalità vi sono l’età avanzata, il sesso maschile, l’indice di massa corporea inferiore a 18,5, lo stato di fumatore precedente o attuale, le malattie croniche, le difficoltà a camminare per diversi isolati e lo svolgimento delle attività della vita quotidiana e delle attività strumentali della vita quotidiana.

Colonscopie, l’insulina potrebbe non avere più senso 

Da notare, gli autori suggeriscono che il modello può aiutare a guidare le discussioni tra medici e pazienti e le loro famiglie sullo screening del cancro, che può segnalare tumori maligni a crescita più lenta che potrebbero non essere pericolosi per la vita per 10-15 anni. 

“Per le persone con un’aspettativa di vita limitata, lo screening del cancro, come la colonscopia, può causare più danni – come dolore, sanguinamento – senza vivere abbastanza a lungo da sperimentare un beneficio in termini di mortalità”, ha affermato Deardorff. 

Ai pazienti che hanno anche il diabete di tipo 2 può essere consigliato di ridurre o interrompere l’insulina, ha affermato l’autore senior  Sei Lee , MD, professore presso la  Divisione di Geriatria  presso l’UCSF e studioso senior per la borsa di studio San Francisco VA Quality Scholars. “Nei pazienti più giovani, uno stretto controllo glicemico riduce il rischio di perdita della vista e insufficienza renale a 10 anni di distanza. Ma nei pazienti più anziani questi benefici potrebbero non essere realizzati e i rischi di bassi livelli di zucchero derivanti da troppa insulina possono essere molto seri”.

Insieme al modello di previsione della mortalità, i ricercatori hanno progettato un calcolatore del rischio di mortalità individualizzato per i pazienti con demenza, disponibile online su ePrognosis. Sono disponibili altri  calcolatori di mortalità  e  calcolatori di screening del cancro rischio-beneficio  , insieme a  video  per assistere i medici nelle loro conversazioni con i pazienti sull’aspettativa di vita e sugli obiettivi di cura. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: