Terapie

Carissimo diabete

Adv

Gli inibitori SGLT2 e gli antagonisti del recettore GLP1 migliorano gli esiti del diabete di tipo 2: ma non sono convenienti

Uno studio sul rapporto costo-efficacia degli inibitori del cotrasportatore sodio-glucosio-2 (SGLT2) e degli agonisti del recettore del peptide-1 (GLP1) simile al glucagone ha scoperto che l’uso di questi farmaci come trattamento di prima linea per il diabete di tipo 2 migliorerebbe i risultati, ma i loro costi dovrebbero diminuire di almeno il 70 percento per essere convenienti. Lo studio è pubblicato su Annals of Internal Medicine.

Il diabete di tipo 2 colpisce più di 30 milioni di americani e costa $ 327 miliardi all’anno, rispetto ai $ 174 miliardi nel 2007. L’aumento dei costi è in parte attribuito al maggiore uso di SGLT2 e GLP1, che hanno dimostrato di ridurre la malattia cardiovascolare aterosclerotica (ASCVD) , malattie microvascolari e mortalità oltre al miglioramento dell’emoglobina glicata (HbA1c) e dei fattori di rischio cardiovascolare. Questi farmaci sono stati raccomandati per la terapia di seconda linea nelle linee guida americane ed europee, ma possono essere un’opzione di trattamento proibitivamente costosa per alcuni pagatori.

Adv

I ricercatori del Dipartimento di Medicina dell’Università di Chicago hanno creato un modello individuale a livello di paziente per simulare l’incidenza, la prevalenza, la mortalità e i costi associati al diabete di tipo 2 nel corso della vita . Hanno creato diversi risultati del trattamento, tra cui l’uso di prima linea di metformina e l’uso di seconda linea di SGLT2 o GLP1, l’uso di prima linea di SGLT2 e l’uso di prima linea di GLP1. Dopo aver condotto le analisi, gli autori hanno scoperto che gli inibitori SGLT2 di prima linea e gli agonisti del recettore GLP1 avevano tassi di vita più bassi di insufficienza cardiaca congestizia, cardiopatia ischemica , infarto del miocardioe ictus rispetto alla metformina. Tuttavia, hanno anche scoperto che i costi per gli inibitori SGLT2 dovrebbero essere ridotti del 70% e del 90% affinché gli agonisti del recettore GLP1 orali siano convenienti rispetto alla metformina. Secondo gli autori, i risultati del loro studio indicano la necessità di ridurre sostanzialmente i costi dei farmaci dell’inibitore SGLT2 e dell’agonista del recettore GLP1 per i pazienti con pazienti di tipo 2 per migliorare i risultati di salute e prevenire l’aggravamento delle disparità di salute del diabete.


Ulteriori informazioni: Jin G. Choi* et al, Terapia di prima linea per il diabete di tipo 2 con inibitori del cotrasportatore di sodio-glucosio-2 e agonisti del recettore del peptide-1 simile al glucagone, Annals of Internal Medicine (2022). DOI: 10.7326/M21-2941

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: