Terapie

HbA1c inferiore al 7% raccomandato nel diabete di tipo 1 per evitare retinopatie, nefropatie

Adv

I risultati dello studio pubblicati su Diabetes Care evidenziano l’importanza di mantenere l’HbA1c inferiore al 7% per evitare la retinopatia diabetica proliferativa e la macroalbuminuria per le persone con diabete di tipo 1.

“Il nostro studio determina con precisione i livelli di zucchero a lungo termine che possono evitare complicazioni” , ha affermato Hans J. Arnqvist, MD, PhD, professore nel dipartimento di endocrinologia e nel dipartimento di scienze biomediche e cliniche dell’Università di Linköping, in Svezia, in un relativo comunicato stampa. “Questa conoscenza può aumentare la motivazione di una persona a tenere sotto controllo il livello di zucchero nel sangue”.

Adv

Lo studio sulle complicazioni del diabete vascolare nel sud-est della Svezia, uno studio osservazionale basato sulla popolazione, ha incluso 447 persone con diabete di tipo 1 di età inferiore ai 35 anni a cui è stato diagnosticato dal 1983 al 1987 nel sud-est della Svezia. I partecipanti sono stati seguiti dalla diagnosi del diabete di tipo 1 fino a gennaio 2019. I ricercatori hanno stimato l’HbA1c media ponderata a lungo termine e classificato le complicanze correlate all’HbA1c.

A 32 anni di follow-up, il 64% dei partecipanti aveva retinopatia diabetica non proliferativa, il 27% aveva retinopatia diabetica proliferativa, il 9% non aveva retinopatia, l’83% aveva microalbuminuria, il 9% aveva microalbuminuria e l’8% aveva macroalbuminuria. Quelli con HbA1c quasi normale non avevano retinopatia o macroalbuminuria.

Il livello più basso di HbA1c associato alla retinopatia diabetica proliferativa era del 7,3%. L’HbA1c più bassa associata alla macroalbuminuria era dell’8,1%. La prevalenza della retinopatia diabetica proliferativa e della macroalbuminuria aumentava con l’aumento dell’HbA1c e il 74% di quelli con retinopatia diabetica proliferativa e il 44% con macroalbuminuria avevano un HbA1c ponderato superiore al 9,5%.

La prevalenza di entrambe le complicanze è aumentata a 32 anni di follow-up e si è verificata a livelli di HbA1c ponderati inferiori rispetto all’analisi dei dati dello studio a 20-24 anni di follow-up. La prevalenza della retinopatia è aumentata dal 14% nell’analisi precedente al 27% e la prevalenza della nefropatia è aumentata dal 4% all’8%.

“I risultati del nostro studio mostrano che le persone con diabete di tipo 1 da almeno 32 anni dovrebbero mantenere il loro livello medio di zucchero a lungo termine al di sotto di 53 mmol/mol (7%), se vogliono evitare danni gravi. Il rischio di complicanze oculari e renali aumenta con l’aumentare del livello”, ha affermato Arnqvist nel comunicato. “Le nostre conclusioni riguardano l’ evitare complicazioni derivanti da danni ai vasi sanguigni . Ma se un paziente ha problemi di ipoglicemia, ipoglicemia, non è possibile controllare il livello di zucchero nel sangue in modo così rigoroso”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: