Donne e diabete

La scoperta di una potenziale causa biologica per la depressione postpartum apre le porte a nuovi trattamenti

Cambiamenti biologici scoperti di recente nelle madri che soffrono di  depressione postpartum  possono aiutare a spiegare la condizione, fornire trattamenti a lungo ricercati e consentire ai medici di identificare le persone a rischio anche prima della nascita dei loro bambini.

La depressione postpartum colpisce fino al 20% delle neomamme e può avere conseguenze terribili sia per la madre che per il bambino. Circa il 20% delle morti materne dopo il parto sono dovute al suicidio. La depressione postpartum può far sentire le neo mamme ansiose e irritabili, soffrano di insicurezza e hanno difficoltà a legare con il loro bambino, oltre a interferire con la loro capacità di pensare, dormire e mangiare. Per il bambino, la depressione materna postpartum può tradursi in problemi di sviluppo cognitivo, emotivo e sociale.

Si ritiene che i fattori di rischio per la depressione postpartum includano l’età della madre al parto, il diabete e una precedente storia di problemi di salute mentale. Ma la nuova scoperta, da parte di una  ricercatrice UVA Health  e dei suoi collaboratori presso la  John Hopkins Medicine  e  la Weill Cornell Medicine , suggerisce un contributo biologico precedentemente sconosciuto: una compromissione della capacità del corpo di ripulire il vecchio materiale genetico e altri detriti cellulari.

“La scoperta che le cellule non stanno ripulendo le vecchie proteine ????e detriti cellulari, chiamata autofagia, si verifica prima che le donne sviluppino sintomi di depressione, indicando che potrebbe essere parte del processo della malattia”, ha affermato  Jennifer L. Payne, MD , direttore del Reproductive Programma di ricerca in psichiatria presso la  University of Virginia School of Medicine . “Esistono diversi farmaci che promuovono l’autofagia nelle cellule, quindi questa scoperta potrebbe aprire la porta a nuovi trattamenti e all’identificazione delle donne a rischio di depressione postpartum prima che si ammalino”. 

Capire la depressione postpartum

Payne e i suoi colleghi volevano determinare se una forma di comunicazione tra le cellule recentemente scoperta, chiamata “comunicazione dell’RNA extracellulare”, potesse contribuire alla depressione postpartum. Questa forma di comunicazione cellulare è intensificata durante la gravidanza ed è fondamentale nell’impianto dell’embrione fecondato e nella successiva risposta infiammatoria del corpo, tra gli altri ruoli.

I ricercatori hanno analizzato campioni di plasma sanguigno raccolti da 14 partecipanti alla ricerca durante e dopo le loro gravidanze. Ciò includeva sia le donne che soffrivano di depressione postpartum sia quelle che non lo facevano. I ricercatori hanno scoperto che la comunicazione extracellulare dell’RNA nelle cellule immunitarie era ampiamente alterata nelle donne che soffrivano di depressione postpartum. Inoltre, hanno determinato che questo cambiamento “ampio e coerente” limitava significativamente la capacità del corpo delle donne di eseguire un’importante pulizia cellulare, suggerendo una potenziale causa biologica per la loro depressione.

“Si pensa che i deficit di autofagia causino tossicità che può portare a cambiamenti nel cervello e nel corpo associati alla depressione”, ha detto Payne. “Non abbiamo mai compreso appieno le basi biologiche della depressione postpartum e questa scoperta ci avvicina a una comprensione”.

Ora che questo problema biologico è stato identificato, i ricercatori potrebbero essere in grado di indirizzarlo per sviluppare trattamenti per la depressione postpartum. Potrebbero anche essere in grado di utilizzare la scoperta per sviluppare un esame del sangue in grado di identificare le persone a rischio, anche prima della nascita dei loro bambini. Ciò potrebbe aiutare i medici a intervenire prima e rendere la vita più facile e migliore per le neomamme.

“Spero vivamente che questa scoperta porti a trattamenti migliori per la depressione postpartum”, ha detto Payne. “Il nostro obiettivo è prevenire un giorno la PPD nelle donne a rischio”.

Risultati pubblicati

I ricercatori hanno  pubblicato le loro scoperte sulla rivista scientifica Nature Molecular Psychiatry . La squadra era composta da Lauren M. Osborne, Payne, Morgan L. Sherer e Sarven Sabunciyan. Payne è stato consulente per SAGE Therapeutics, Brii Biosciences e Pure Tech Health; ha ricevuto un onorario per parlare da Karuna Therapeutics; e detiene un brevetto intitolato “Biomarcatori epigenetici della depressione postpartum”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: