Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Diabete tipo 1: con il CGM scansionato compenso glicemico assicurato

CGM scansionato a intermittenza collegato a HbA1c <7 rispetto ai polpastrelli nel diabete di tipo 1

Secondo i risultati dello studio, l’ uso del monitoraggio continuo del glucosio a scansione intermittente è associato a maggiori miglioramenti dell’HbA1c nel diabete di tipo 1 a 24 settimane rispetto al test del polpastrello.

“In questo studio randomizzato multicentrico finanziato da Diabetes UK, abbiamo scoperto che un CGM scansionato a intermittenza con allarmi negli adulti con diabete di tipo 1 e livelli elevati di HbA1c può ridurre in modo sicuro l’HbA1c e migliorare il tempo trascorso nei livelli target di glucosio riducendo il carico di ipoglicemia, Lalantha Leelarathna, FRCP, PhD , consulente diabetologo presso il centro di diabete, endocrinologia e metabolismo presso la Manchester Royal Infirmary nel Regno Unito, ha detto.

Leelarathna e colleghi hanno condotto uno studio randomizzato controllato in cui 156 persone di età pari o superiore a 16 anni con diabete di tipo 1 per almeno 1 anno e una HbA1c compresa tra il 7,5% e l’11% sono stati assegnati in modo casuale a utilizzare il CGM a scansione intermittente di FreeStyle Libre 2 (Abbott) o a condurre l’automonitoraggio della glicemia con il test del polpastrello per 24 settimane (età media, 44 anni; 97% bianchi; 44% donne). I partecipanti sono stati reclutati da sette cliniche per il diabete e una clinica di cure primarie nel Regno Unito. Tutti i partecipanti hanno utilizzato la CGM per 10-14 giorni prima della randomizzazione per acquisire i dati di base. L’HbA1c è stata misurata allo screening, a 12 e 24 settimane. Il cambiamento di HbA1c a 24 settimane era l’outcome primario. I ricercatori hanno anche raccolto il tempo nell’intervallo, la durata dell’ipoglicemia e dell’iperglicemia, il glucosio medio e la variabilità del glucosio per i partecipanti, con un CGM in cieco utilizzato dai giorni 22 al 24 nel gruppo del polpastrello. Tutti i partecipanti hanno completato il questionario della scala di distress del diabete di tipo 1; il Questionario sulla paura dell’iniezione e l’autotest del diabete, componente sulla paura dell’autoiniezione; il Diabetes Eating Problem Survey-Revised; il questionario sulla soddisfazione del trattamento del diabete (DTSQ); la versione a 9 elementi del Patient Health Questionnaire; e l’indagine sulla soddisfazione del monitoraggio del glucosio (GMSS).

I risultati sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine oggi .

CGM legato a maggiori riduzioni di HbA1c

L’analisi primaria includeva 72 partecipanti nel gruppo CGM e 69 nel gruppo finger-stick. Il gruppo CGM aveva una HbA1c media più alta al basale rispetto al gruppo che utilizzava i polpastrelli (8,7% contro 8,5%). A 24 settimane, l’HbA1c è diminuita al 7,9% nel gruppo CGM rispetto a una diminuzione minore all’8,3% nel gruppo polpastrello ( P <.001). Il gruppo CGM aveva anche un’HbA1c di circa 0,3 punti percentuali inferiore rispetto al gruppo che utilizzava i polpastrelli a 12 settimane.

I partecipanti che utilizzavano CGM avevano maggiori probabilità di avere un HbA1c inferiore al 7,5% a 24 settimane (OR aggiustato = 2,47; IC 95%, 1,08-5,68) e avere un miglioramento di HbA1c di almeno 0,5 punti percentuali (aOR = 4,74; 95% CI, 2,1-10,71) o 1 punto percentuale (aOR = 4,3; IC 95%, 1,67-11,09) rispetto a quelli che utilizzano i polpastrelli.

Maggiore soddisfazione per l’uso del CGM

Il gruppo CGM ha trascorso il 9% in più di tempo nell’intervallo, il 3% in meno in ipoglicemia e il 6% in meno in iperglicemia rispetto al gruppo con il polpastrello. I partecipanti che utilizzavano CGM avevano anche un punteggio più alto nel DTSQ e nel GMSS rispetto al gruppo del finger-stick. Non sono state osservate altre differenze per gli altri questionari.

Ci sono stati pochi eventi avversi nello studio, con due partecipanti nel gruppo del polpastrello che hanno avuto gravi episodi di ipoglicemia e una persona nel gruppo CGM che ha avuto un episodio di chetoacidosi diabetica. Due partecipanti al gruppo del polpastrello hanno sperimentato una chetosi che non ha comportato il ricovero in ospedale.

“I risultati del nostro studio hanno implicazioni globali per il monitoraggio del glucosio nel diabete di tipo 1″, ha affermato Leelarathna. “I nostri risultati mostrano che il CGM scansionato in modo intermittente con allarmi ha aiutato le persone con diabete di tipo 1 ad abbassare i livelli di glucosio nel sangue complessivi, a trascorrere più tempo nell’intervallo target di glucosio, con livelli di glucosio meno alti e bassi. Le persone che utilizzano il CGM a scansione intermittente hanno anche riportato una migliore soddisfazione nel trattamento del diabete. È probabile che questi miglioramenti riducano il rischio di sviluppare complicanze del diabete a lungo termine e risparmino denaro a lungo termine. Stiamo conducendo un’analisi sanitaria-economica dedicata che aiuterà ulteriormente i responsabili politici e le organizzazioni professionali internazionali a raccomandare questa forma di terapia”.

Leelarathna ha affermato che la ricerca futura dovrebbe concentrarsi sulla riduzione del carico di allarme del glucosio, sull’impatto della deprivazione socioeconomica sui risultati glicemici, sulla riduzione della variazione nell’accesso alla tecnologia, sull’efficacia dei costi e sugli studi qualitativi sull’impatto del monitoraggio del glucosio.

Divulgazioni: Leelarathna riferisce di aver ricevuto compensi personali da Abbott Diabetes Care, Dexcom, Insulet, Medtronic, Novo Nordisk e Sanofi Diabetes Care. Si prega di consultare lo studio per le informazioni finanziarie rilevanti di tutti gli altri autori.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: