Benessere

Cosa significa morire di ‘vecchiaia?’

Adv

Il certificato di morte appena rilasciato della regina Elisabetta contiene solo due parole curiose sotto la sua causa di morte: vecchiaia.

Potremmo parlare di persone che muoiono di vecchiaia nel linguaggio quotidiano. Ma chi muore effettivamente di vecchiaia, dal punto di vista medico, nel 21° secolo?

Adv

Una causa di morte così vaga non solo solleva domande su come è morto qualcuno, ma può anche essere difficile per la famiglia e i propri cari lasciati indietro.

I molti modi in cui le persone muoiono

Le principali cause di morte in Inghilterra e Galles sono la demenza e il morbo di Alzheimer; cardiopatia; malattie cerebrovascolari (come l’ictus); cancro; e COVID. Altre cause importanti includono malattie croniche delle vie respiratorie inferiori (come l’asma); influenza; e polmonite.

Infatti, la “vecchiaia” come causa di morte – accanto alla vaga descrizione di “fragilità” – è spesso classificata in “sintomi, segni e condizioni mal definite”.

Quest’ultima categoria è tra le prime dieci cause di morte. Ma questo attualmente è ben al di sotto del COVID e, in media, in un periodo di cinque anni, al di sotto dell’influenza e della polmonite.

Una storia interessante

La vecchiaia, come categoria che causa la morte, ha una lunga storia . Fu una delle principali cause di morte nel XIX secolo, insieme alla vaga descrizione di “trovato morto”.

A metà del 19° secolo, la registrazione della morte di qualcuno è passata da clericale a laica, con il Births and Deaths Registration Act 1836 (UK).

Certificato di morte della regina Elisabetta
Il certificato di morte della regina elenca la “vecchiaia” come causa di morte. Registri nazionali della Scozia/AP/AAP

C’era poi la pubblicazione di riferimento, la Classificazione delle cause di morte Bertillon , scritta dallo statistico e demografo francese Jacques Bertillon.

Il filosofo canadese Ian Hacking ha scritto che morire per qualcosa di diverso da ciò che era nell’elenco ufficiale era “illegale, ad esempio, morire di vecchiaia”.

Possiamo dire che questo è un po’ iperbolico. Sicuramente, alla fine del 19° secolo, non era illegale morire di vecchiaia?

Ciò che ciò suggerisce è che fornire una precisa causa di morte è importante perché è uno strumento prezioso per monitorare le tendenze di mortalità a diversi livelli della popolazione.

Alla fine, “vecchiaia” divenne un’espressione di ultima istanza per descrivere una causa sconosciuta di morte. Oppure è diventato utile quando una persona può essere morta per una serie di complicazioni, ma dove non era pratico o etico ordinare un’autopsia per trovare la causa precisa alla base della morte.

Non c’è chiusura

L’altro motivo per cui la “vecchiaia” è stata usata raramente come causa di morte nel XX e XXI secolo è che non prevede alcuna chiusura alle famiglie dei defunti.

La ricerca mostra che le famiglie vogliono informazioni su come è morta la persona amata, non solo perché possono essere utili per gestire i propri problemi di salute, ma anche perché forniscono una soluzione alla morte della persona amata.

Una causa sconosciuta di morte può esacerbare il dolore e il trauma, in particolare se la morte è stata improvvisa o inaspettata. I ricercatori hanno a lungo sostenuto che le famiglie formano relazioni continue con la persona amata dopo la morte. Accertare come sono morti è una parte del modo in cui i membri della famiglia lasciati alle spalle gestiscono il loro dolore e commemorano il defunto.

Una buona morte

Potremmo decidere che chiedere maggiori informazioni su come è morta la regina all’età di 96 anni è solo una macabra eccitazione. Potremmo decidere che la famiglia reale meriti privacy sui dettagli intimi della morte della regina.

Tuttavia, una specifica causa di morte di qualcuno che ha vissuto una vita privilegiata e che è morto in età avanzata, ad esempio, può dirci molto su come condurre una vita sana e pianificare una buona morte.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .La conversazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: