Batticuore

I cereali che mangi possono influire sul rischio di contrarre malattie cardiache prima

Uno studio sulla popolazione iraniana ha scoperto che il consumo di cereali raffinati era associato a un aumento del rischio di malattie cardiache premature e il consumo di cereali integrali con un rischio ridotto

In uno dei primi studi per esaminare la relazione tra i diversi tipi di assunzione di cereali e la malattia coronarica prematura in Medio Oriente, i ricercatori hanno scoperto che una maggiore assunzione di grano raffinato era associata a un aumentato rischio di malattia coronarica prematura in una popolazione iraniana, mentre mangiare cereali integrali era associato a un rischio ridotto. Lo studio sarà presentato all’American College of Cardiology (ACC) Middle East 2022 insieme al 13 ° Congresso della Emirates Cardiac Society, che si terrà a Dubai, Emirati Arabi Uniti, dal 7 al 9 ottobre 2022.

Secondo i ricercatori, precedenti studi epidemiologici hanno riportato un’associazione tra diversi tipi di assunzione di cereali con il rischio di malattia coronarica. Il presente studio ha valutato l’associazione tra il consumo di cereali raffinati e integrali e il rischio di PCAD in una popolazione iraniana.

La malattia coronarica prematura (PCAD) si riferisce al restringimento aterosclerotico delle arterie coronarie nei maschi sotto i 55 anni o nelle femmine sotto i 65 anni. Spesso è asintomatica all’inizio del decorso della malattia, ma può portare a dolore toracico (angina) e/o infarto con progressivo sviluppo di restringimento (stenosi) o rottura della placca della parete arteriosa. I fattori di rischio per il PCAD includono il fumo, il colesterolo alto, la pressione alta e il diabete.

“Ci sono molti fattori coinvolti nel motivo per cui le persone possono consumare cereali più raffinati rispetto a cereali integrali e questi casi differiscono tra le persone, ma alcuni dei fattori più importanti da considerare includono l’economia e il reddito, il lavoro, l’istruzione, la cultura, l’età e altri fattori simili”, ha affermato Mohammad Amin Khajavi Gaskarei, MD, del Centro di ricerca cardiovascolare di Isfahan e dell’Istituto di ricerca cardiovascolare dell’Università di scienze mediche di Isfahan a Isfahan, in Iran, e autore principale dello studio. “Una dieta che includa il consumo di un’elevata quantità di cereali malsani e raffinati può essere considerata simile al consumo di una dieta contenente molti zuccheri e oli malsani”.

I cereali integrali sono definiti come contenenti l’intero chicco, mentre i cereali raffinati sono stati macinati, macinati in farina o farina, per migliorare la durata di conservazione, ma nel processo perdono importanti nutrienti. Le linee guida 2019 dell’ACC/American Heart Association sulla prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari raccomandano una dieta che enfatizzi l’assunzione di verdure, frutta, legumi, cereali integrali e pesce per ridurre i fattori di rischio di malattie cardiache.

Lo studio ha reclutato 2099 persone con PCAD da ospedali con laboratori di cateterizzazione in diverse città ed etnie in tutto l’Iran che sono state sottoposte ad angiografia coronarica (donne di età ? 70 e uomini ? 60). In totale, 1.168 pazienti con arterie coronarie normali sono stati inclusi nel gruppo di controllo, mentre 1.369 pazienti con CAD con ostruzione uguale o superiore al 75% in almeno una singola arteria coronarica o ? 50% nell’arteria coronaria principale sinistra costituivano il gruppo di casi .

Ai partecipanti è stato somministrato un questionario sulla frequenza degli alimenti per le valutazioni dietetiche per valutare i comportamenti dietetici e valutare l’associazione tra l’assunzione di cereali integrali e cereali raffinati e il rischio di PCAD in individui senza una precedente diagnosi di malattie cardiache. Dopo l’aggiustamento per i fattori confondenti, una maggiore assunzione di cereali raffinati era associata a un aumento del rischio di PCAD, mentre l’assunzione di cereali integrali era inversamente correlata alla riduzione del rischio di PCAD.

“Poiché più studi dimostrano un aumento del consumo di cereali raffinati a livello globale, nonché l’impatto sulla salute generale, è importante trovare modi per incoraggiare ed educare le persone sui benefici del consumo di cereali integrali”, ha affermato Khajavi Gaskarei. “Le tattiche da considerare includono l’insegnamento di scelte alimentari migliorate nelle scuole e in altri luoghi pubblici con un linguaggio semplice che la popolazione generale può comprendere, così come nei programmi televisivi e continuando a fare ricerche di alto livello che vengono presentate a conferenze mediche e pubblicate su riviste mediche. I medici devono anche avere queste conversazioni tra loro e con i loro pazienti”.

Scopri di più su ACC Middle East 2022 Insieme al 13 ° Congresso della Emirates Cardiac Society su ACC.org/MiddleEast2022 .

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: