Batticuore

Parità degenerativa: le malattie cardiovascolari rischiano lo stesso in entrambi i sessi

Per uomini e donne, i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari sono in gran parte gli stessi, mostra un ampio studio globale che coinvolge ricercatori dell’Università di Göteborg .

Lo studio, ora pubblicato su The Lancet, include partecipanti sia nei paesi ad alto reddito che in quelli a medio e basso reddito. La malattia cardiovascolare è più diffusa in quest’ultimo. I dati sono stati presi dallo studio prospettico epidemiologico urbano rurale (PURE).

Lo studio comprendeva 155.724 individui in 21 paesi, in cinque continenti. Di età compresa tra 35 e 70 anni, i partecipanti non avevano una storia di malattie cardiovascolari quando si sono uniti allo studio. Tutti i casi di malattie cardiovascolari fatali, infarto, ictus e insufficienza cardiaca durante il periodo di follow-up, che è stato in media di dieci anni, sono stati registrati.

I fattori di rischio studiati erano metabolici (come ipertensione, obesità e diabete), comportamentali (fumo di tabacco e dieta) e psicosociali (stato economico e depressione).

Nessun chiaro divario di genere o di reddito

I fattori di rischio metabolico sono risultati simili in entrambi i sessi, ad eccezione degli alti valori di lipoproteine ????a bassa densità (LDL, spesso noto come colesterolo cattivo), dove l’associazione con le malattie cardiovascolari era più forte negli uomini. Secondo i ricercatori, tuttavia, questo risultato necessita di conferma in più studi. 

I sintomi depressivi erano un altro fattore di rischio per malattie cardiovascolari che si sono rivelati più significativi tra gli uomini rispetto alle donne. Nelle donne, invece, il legame tra alimentazione scorretta e malattie cardiovascolari era più stretto; e il fumo, sebbene notevolmente più frequente tra gli uomini, era un fattore di rischio altrettanto dannoso per le donne.

Nel complesso, i ricercatori hanno riscontrato fattori di rischio per le malattie cardiovascolari sostanzialmente simili per i partecipanti maschi e femmine, indipendentemente dal livello di reddito dei loro paesi. Ciò evidenzia l’importanza che anche le strategie di prevenzione delle malattie siano le stesse per entrambi i sessi.

Somiglianze maggiori delle differenze

Il rischio complessivo più basso delle donne di malattie cardiovascolari, in particolare di infarto (infarto del miocardio), può essere spiegato dalla maggiore tolleranza delle donne più giovani ai fattori di rischio. Il loro estrogeno rende le pareti dei vasi più conformi e influisce sulla capacità del fegato di liberarsi delle LDL.

Tra le donne nello studio (90.934 individui), sono stati registrati 5,0 casi di ictus, infarto e/o malattie cardiovascolari ogni 1.000 persone all’anno. Il numero corrispondente nel gruppo di uomini (64.790 individui) era di 8,2 casi. 

Annika Rosengren, professoressa di medicina presso l’Accademia Sahlgrenska, Università di Göteborg, è la seconda autrice dello studio, responsabile della parte svedese dello studio PURE sulla popolazione di 4.000 individui a Göteborg e Skaraborg. 

“Quando si tratta di malattie cardiovascolari negli uomini e nelle donne, le somiglianze in termini di fattori di rischio sono considerevolmente maggiori delle differenze. Ma gli uomini sono più vulnerabili agli alti livelli di LDL, il colesterolo cattivo, e sappiamo da altri studi che sviluppano cambiamenti patologici nelle arterie coronarie a un’età inferiore rispetto alle donne e tendono a iniziare a sviluppare un infarto del miocardio molto prima. Per quanto riguarda l’ictus precoce, tuttavia, le differenze di sesso sono meno pronunciate, come abbiamo visto anche in altri studi”, afferma Rosengren.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: