Benessere Sport e movimento

Andare in pensione aumenta la quantità di sonno e diminuisce l’attività fisica

Lo studio finlandese sulla pensione e l’invecchiamento FIREA dell’Università di Turku ha utilizzato gli accelerometri per studiare come i comportamenti di movimento nelle 24 ore (ad es. sonno, comportamento sedentario, attività fisica leggera e attività fisica da moderata a vigorosa) cambiano l’uno rispetto all’altro quando una persona va in pensione. I risultati mostrano un aumento della quantità di sonno, che ha contribuito a diminuire la quantità di attività fisica.

I comportamenti di attività delle 24 ore possono essere suddivisi in diverse sezioni, come il sonno, il tempo sedentario , l’attività fisica leggera e l’attività fisica da moderata a vigorosa. Aumentare il tempo dedicato a una sezione comporterà inevitabilmente una diminuzione in almeno un’altra sezione, in quanto il numero di ore giornaliere è limitato. Lo studio condotto presso l’Università di Turku, in Finlandia, ha utilizzato accelerometri sensibili e analisi dei dati compositivi come metodo statistico per studiare i cambiamenti simultanei in questi comportamenti quotidiani.

Quando si studiano le persone che si sono ritirate dal lavoro manuale o dal settore dei servizi , la  e il comportamento sedentario sono aumentati in relazione all’attività fisica. Questo cambiamento era più forte nelle donne che negli uomini. Per quanto riguarda le persone che si erano ritirate dal lavoro non manuale, la quota di sonno è aumentata in relazione all’attività fisica e al tempo sedentario. L’attività fisica da moderata a vigorosa è diminuita più dell’attività fisica leggera.

“La diminuzione della quantità di attività fisica è probabilmente spiegata dall’assenza di attività legate alle mansioni lavorative e dal pendolarismo da e verso il lavoro quando una persona va in pensione. Questi sono sostituiti in una certa misura dal sonno e, nel caso dei lavoratori manuali, anche dalla sedentarietà tempo”, afferma l’autore principale dell’articolo di ricerca, la ricercatrice post-dottorato Kristin Suorsa.

Attività da moderata a vigorosa fino ai giorni di pensionamento

Ricerche precedenti mostrano che la sostituzione dell’attività fisica da moderata a vigorosa con qualsiasi altro comportamento di movimento predispone le persone a malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2.

“Sulla base della nostra ricerca, le persone che vanno in pensione dovrebbero mirare ad aumentare la quantità di attività fisica, in particolare l’attività da moderata a vigorosa. Allo stesso tempo, dovrebbero essere evitati lunghi periodi di sedentarietà e dovrebbero essere suddivisi in periodi più brevi con frequenti pause per le passeggiate”, afferma Suorsa.

Lo studio FIREA ha raccolto in un video suggerimenti per i giorni di pensionamento più attivi:

Lo studio finlandese sulla pensione e l’invecchiamento (FIREA) è stato avviato presso l’Università di Turku nel 2013 e il suo obiettivo principale è studiare i cambiamenti nelle abitudini di vita, nella salute e nella capacità funzionale, nonché i fattori che li influenzano nell’età del pensionamento. Lo studio è guidato dal Professore di Sanità Pubblica ed Epidemiologia Sari Stenholm.

I risultati si basano su una popolazione di 551 persone che lavorano nel settore comunale che hanno utilizzato un accelerometro da polso 24 ore su 24 per una settimana alla stessa ora dell’anno prima e dopo il pensionamento. L’accelerometro misura l’accelerazione e consente ai ricercatori di misurare il sonno quotidiano, il tempo sedentario e l’attività fisica .

I risultati sono stati pubblicati sull’International Journal of Behavioral Nutrition and Physical Activity .


Maggiori informazioni: Kristin Suorsa et al, Changes in the 24-h movement behaviors during the transition to pension: compositional data analysis, International Journal of Behavioral Nutrition and Physical Activity (2022). DOI: 10.1186/s12966-022-01364-3

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: