Sport e movimento

L’OMS evidenzia l’alto costo dell’inattività fisica nel suo primo rapporto mondiale

Adv

Quasi 500 milioni di persone svilupperanno malattie cardiache, obesità, diabete o altre malattie non trasmissibili (NCD) attribuibili all’inattività fisica, tra il 2020 e il 2030, per un costo di 27 miliardi di dollari all’anno, se i governi non intraprenderanno misure urgenti per incoraggiare una maggiore attività fisica tra le loro popolazioni.

Il rapporto sullo stato globale dell’attività fisica 2022 , pubblicato oggi dall’Organizzazione mondiale della sanità, misura la misura in cui i governi stanno attuando raccomandazioni per aumentare l’ attività fisica a tutte le età e abilità.

Adv

I dati provenienti da 194 paesi mostrano che, nel complesso, i progressi sono lenti e che i paesi devono accelerare lo sviluppo e l’attuazione di politiche per aumentare i livelli di attività fisica e quindi prevenire le malattie e ridurre il carico sui sistemi sanitari già sopraffatti.

  • Meno del 50% dei paesi ha una politica nazionale sull’attività fisica, di cui meno del 40% è operativa
  • Solo il 30% dei paesi ha linee guida nazionali sull’attività fisica per tutte le fasce d’età
  • Mentre quasi tutti i paesi segnalano un sistema per il monitoraggio dell’attività fisica negli adulti, il 75% dei paesi monitora l’attività fisica tra gli adolescenti e meno del 30% monitora l’attività fisica nei bambini di età inferiore a 5 anni
  • Nelle aree politiche che potrebbero incoraggiare un trasporto attivo e sostenibile, solo poco più del 40% dei paesi dispone di standard di progettazione stradale che rendono più sicuri gli spostamenti a piedi e in bicicletta.

“Abbiamo bisogno di più paesi per aumentare l’attuazione delle politiche per aiutare le persone a essere più attive attraverso passeggiate, ciclismo, sport e altre attività fisiche. I benefici sono enormi, non solo per la salute fisica e mentale degli individui, ma anche per le società , ambienti ed economie…”, ha affermato il Dr. Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell’OMS, “Ci auguriamo che paesi e partner utilizzino questo rapporto per costruire società più attive, più sane e più giuste per tutti”.

L’onere economico dell’inattività fisica è significativo e il costo del trattamento di nuovi casi di malattie non trasmissibili (NCD) prevenibili raggiungerà quasi 300 miliardi di dollari entro il 2030, circa 27 miliardi di dollari all’anno.

Sebbene le politiche nazionali per affrontare le malattie non trasmissibili e l’inattività fisica siano aumentate negli ultimi anni, attualmente il 28% delle politiche risulta non essere finanziato o attuato. Considerato un “best buy” per motivare le popolazioni a combattere le malattie non trasmissibili, il rapporto ha mostrato che solo poco più del 50% dei paesi ha condotto una campagna di comunicazione nazionale o organizzato eventi di attività fisica a partecipazione di massa negli ultimi due anni. La pandemia di COVID-19 non solo ha bloccato queste iniziative, ma ha anche influito sull’attuazione di altre politiche che hanno ampliato le disuguaglianze nell’accesso e nelle opportunità di impegnarsi nell’attività fisica per molte comunità.

Per aiutare i paesi ad aumentare l’attività fisica, il piano d’azione globale dell’OMS sull’attività fisica 2018-2030 (GAPPA) definisce 20 raccomandazioni politiche, comprese le politiche per creare strade più sicure per incoraggiare trasporti più attivi , fornire più programmi e opportunità per l’attività fisica in contesti chiave, come l’infanzia, le scuole, l’assistenza sanitaria di base e il lavoro.

Il rapporto sullo stato globale di oggi valuta i progressi del paese rispetto a tali raccomandazioni e mostra che è necessario fare molto di più. Una scoperta critica nel rapporto sullo stato globale dell’attività fisica è l’esistenza di significative lacune nei dati globali per tenere traccia dei progressi su importanti azioni politiche, come la fornitura di spazi pubblici aperti, la fornitura di infrastrutture per passeggiate a piedi e in bicicletta, la fornitura di sport ed educazione fisica in scuole. La relazione chiede inoltre che vengano affrontate anche le debolezze di alcuni dati esistenti.

“Ci mancano indicatori approvati a livello globale per misurare l’accesso a parchi, piste ciclabili, percorsi pedonali, anche se sappiamo che i dati esistono in alcuni paesi. Di conseguenza, non possiamo segnalare o tracciare la fornitura globale di infrastrutture che faciliteranno l’aumento dell’attività fisica , “ha affermato Fiona Bull, capo dell’Unità di attività fisica dell’OMS.

“Può essere un circolo vizioso, nessun indicatore e nessun dato porta a nessuna tracciabilità e responsabilità, e poi troppo spesso, a nessuna politica e nessun investimento. Ciò che viene misurato viene fatto e abbiamo una strada da percorrere in modo completo e solido monitorare le azioni nazionali sull’attività fisica”.

Il rapporto invita i paesi a dare la priorità all’attività fisica come chiave per migliorare la salute e affrontare le malattie non trasmissibili, integrare l’attività fisica in tutte le politiche pertinenti e sviluppare strumenti, guida e formazione per migliorarne l’attuazione.

“Fa bene alla salute pubblica ed ha senso dal punto di vista economico promuovere una maggiore attività fisica per tutti”, ha affermato il dott. Ruediger Krech, Direttore del Dipartimento per la promozione della salute dell’OMS.

“Dobbiamo facilitare programmi inclusivi per l’attività fisica per tutti e garantire che le persone vi abbiano accesso più facilmente. Questo rapporto lancia un chiaro appello a tutti i paesi per un’azione più forte e accelerata da parte di tutte le parti interessate che lavorano meglio insieme per raggiungere l’obiettivo globale di 15 % di riduzione della prevalenza dell’inattività fisica entro il 2030.”

I dati per il rapporto sono tratti dall’indagine sulla capacità nazionale delle malattie non trasmissibili dell’OMS (2019 e 2022) e dal rapporto sullo stato globale dell’OMS sulla sicurezza stradale (2018).

Il manoscritto “Il costo dell’inazione sull’inattività fisica per i sistemi sanitari” può essere trovato su Preprints with The Lancet (versione peer-reviewed di prossima pubblicazione su The Lancet Global Health ).

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: