Mangiare e bere

Quanto ti fa male la carne rossa? I rischi per la salute ottengono valutazioni a stelle

Adv

La ricerca su ciò che è sano è così fitta e veloce – la carne rossa può sembrare buona per te una settimana, provocando ictus la successiva – che un pubblico confuso spesso fatica a tenere il passo.

L’Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME), con sede negli Stati Uniti, che è diventato un riferimento globale per le statistiche sanitarie, ha analizzato la ricerca esistente in 180 aree per scoprire quanto un particolare fattore di rischio, come il fumo, sia legato a una salute esito, come il cancro ai polmoni .

Adv

La connessione tra fumo e cancro ai polmoni ha ricevuto la valutazione più alta di cinque stelle, così come il legame tra ipertensione e malattie cardiache, il che significa che le prove sono solide ed è improbabile che cambino in futuro.

Tuttavia, quasi due terzi delle relazioni rischio-risultato hanno ricevuto solo una o due stelle, suggerendo che la prova di molti consigli sanitari ampiamente ritenuti è più debole di quanto si potesse pensare.

Ad esempio, la prova di una connessione tra mangiare molta carne rossa non lavorata e avere un ictus è stata data solo una stella, il che significa che “non c’era alcuna prova di un’associazione”, ha affermato lo studio.

I legami tra carne rossa e cancro al colon , cancro al seno, cardiopatia ischemica  diabete sono stati tutti dati due stelle.

Christopher Murray, direttore dell’IHME e autore senior di molti degli studi “Burden of Proof” pubblicati sulla rivista Nature Medicine , si è detto “molto sorpreso di quante delle relazioni rischio-risultato della dieta siano relativamente deboli”.

Murray ha detto in una conferenza stampa che la meta-analisi è stata motivata dalla preoccupazione che “tutti seguano l’ultimo studio pubblicato”, anche se i risultati spesso “oscillano da un capo all’altro”.

I ricercatori hanno esaminato la ricerca esistente sugli argomenti, hanno sgranocchiato i numeri per trovare coerenza, quindi hanno chiesto “qual è l’interpretazione più conservativa delle prove?” ha detto Murray.

E le verdure?

I ricercatori hanno studiato come mangiare più verdure abbia influenzato una serie di risultati sulla salute, esaminando 50 studi che hanno coinvolto 4,6 milioni di partecipanti in 34 paesi.

L’aumento della quantità di verdure che le persone mangiano da zero a quattro al giorno ha portato a un calo del 23% del rischio di ictus ischemico, con la connessione che ha ottenuto tre stelle, ha affermato l’epidemiologo di IHME e coautore dello studio Jeffrey Stanaway.

Il legame tra il consumo di verdure e il diabete di tipo due ha ricevuto solo una stella.

Ma “anche secondo l’interpretazione più conservativa delle prove, il consumo di verdure è significativamente associato a un ridotto rischio di malattie croniche”, ha detto Stanaway.

Gli esperti non coinvolti nella ricerca lo hanno definito interessante, ma hanno messo in guardia contro l’eccessiva semplificazione.

Kevin McConway, uno statistico della Open University del Regno Unito, temeva che “molto affare vada inevitabilmente perso” quando studi complessi sono stati ridotti a una valutazione a stelle.

Duane Mellor, dietista presso l’Università Aston del Regno Unito, ha affermato che la ricerca sulla carne rossa “non è così sorprendente” perché si è concentrata sui prodotti non trasformati.

“In genere è l’assunzione di carne rossa trasformata, come pancetta e salsicce, che sono state associate a un rischio più elevato di malattie, di cui questi giornali non hanno riferito”, ha affermato.

L’IHME ha affermato che prevede di aggiornare i suoi risultati man mano che arrivano nuove ricerche, sperando che il nuovo strumento guiderà le scelte del pubblico e dei responsabili politici.

Presto rilascerà anche risultati su altre relazioni sanitarie, comprese quelle che coinvolgono alcol, inquinamento atmosferico e altri fattori dietetici.


Ulteriori informazioni: Christopher Murray, The Burden of Proof studies: assessment the evidence of risk, Nature Medicine (2022). DOI: 10.1038/s41591-022-01973-2 . www.nature.com/articles/s41591-022-01973-2

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: