Ricette Terapie

Ricerca per nuove cure rivolte al diabete tipo 2: dalla Cina con furore

Nuovi articoli di analisi del Journal of Pharmaceutical evidenziano i progressi nella ricerca di terapie per il trattamento di malattie difficili

Una conoscenza approfondita dello sviluppo della malattia e dei bersagli farmacologici può aprire la strada allo sviluppo di migliori terapie

Sebbene la medicina e la farmacologia abbiano fatto enormi progressi negli ultimi decenni, non ci sono ancora opzioni terapeutiche efficaci per alcune malattie complesse, tra cui cancro, diabete e fibrosi epatica. I ricercatori, tuttavia, continuano a rivelare i meccanismi che contribuiscono allo sviluppo di queste malattie, nonché potenziali bersagli farmacologici, aiutandoci a sviluppare terapie migliori. L’ultimo numero del Journal of Pharmaceutical Analysis presenta tre articoli sulla ricerca all’avanguardia mirata alle malattie difficili.

Il primo studio, reso disponibile online nel giugno 2022 e pubblicato nel volume 12, numero 4 della rivista il 1 agosto 2022 , è stato condotto da ricercatori cinesi e di Singapore. Si sono concentrati sull’acido 18beta-glicirretico (18?-GA), un composto presente naturalmente nella pianta Glycyrrhiza uralensis Fisch, la cui radice è ampiamente utilizzata nella medicina tradizionale asiatica per il trattamento delle malattie epatiche. Attraverso molteplici esperimenti, hanno dimostrato che il 18?-GA può indurre la morte cellulare nelle cellule stellate epatiche, che sono fattori determinanti della fibrosi epatica, prendendo di mira gli antiossidanti perossiredossina 1 e 2 e innescando lo stress ossidativo nelle cellule. Ciò ha importanti implicazioni mediche, come hanno commentato i ricercatori: “I nostri risultati forniscono prove evidenti per l’ulteriore sviluppo di 18? -GA come farmaco terapeutico per il trattamento della fibrosi epatica. La comprensione dei meccanismi alla base dello sviluppo della malattia ha aiutato a sviluppare migliori terapie per le malattie del fegato, che portano a quasi 2 milioni di decessi in tutto il mondo ogni anno.

Nel secondo articolo, una recensione che è stata resa disponibile online nell’aprile 2022 e pubblicata nel volume 12, numero 4 della rivista il 1 agosto 2022 , i ricercatori indiani hanno riassunto le ultime conoscenze sul ruolo del polipeptide amiloide delle isole umane (hIAPP) in la progressione del diabete mellito di tipo 2 (T2DM). Il ripiegamento errato e l’aggregazione di hIAPP nelle fibrille amiloidi nel pancreas è uno dei segni distintivi patologici del T2DM e capire perché si verifica, come colpisce le cellule pancreatiche e come può essere interrotto o ripristinato è essenziale nel contesto del T2DM. “La progettazione di farmaci che prevengono l’aggregazione di hIAPP o che possono eliminare gli aggregati amiloidi già formati aiuterebbe probabilmente nella gestione del T2DM. Inoltre, questi farmaci potrebbero essere riutilizzati in futuro per prendere di mira altri disturbi del ripiegamento errato delle proteine ??a causa del meccanismo comune alla base di queste patologie “, hanno osservato i ricercatori.

Nello studio finale, reso disponibile online nel gennaio 2022 e pubblicato nel volume 12, numero 4 della rivista il 1 agosto 2022 , i ricercatori cinesi hanno selezionato 43 derivati ??del fluorochinolone e li hanno testati come inibitori del microRNA-21 per trovare un promettente composto anticancro . Molti tipi di cellule tumorali sovraesprimono il microRNA-21, rendendolo un potenziale bersaglio farmacologico nella terapia del cancro. Di tutti i composti testati, uno chiamato “A36” si è rivelato il miglior inibitore del microRNA-21. Esperimenti di colture cellulari hanno dimostrato che l’A36 ha prodotto molti dei risultati sperati in un farmaco antitumorale. “A livello cellulare, l’A36 ha mostrato un’attività antiproliferativa moderata contro sei linee cellulari tumorali, ha indotto in modo significativo l’apoptosi, ha arrestato la divisione cellulare e ha inibito la formazione di colonie di cellule tumorali, ma non ha mostrato effetti citotossici nelle linee cellulari sane “, hanno evidenziato i ricercatori.

In sintesi, questi studi aiutano a spiegare la patogenesi di malattie complesse come il diabete, il cancro e la fibrosi epatica mentre esplorano nuovi approcci terapeutici e bersagli farmacologici. Ulteriori ricerche in questo campo alla fine aiuteranno i medici a curare le persone che soffrono di queste malattie complesse.


Autori: Qian Zhang 1,3 , Piao Luo 1,3 , Liuhai Zheng 3 , Jiayun Chen 1 , Junzhe Zhang 1 , Huan Tang 1 , Dandan Liu 1 , Xueling He 1 , Qiaoli Shi 1 , Liwei Gu 1 , Jiahao Li 1 , Qiuyan Guo 1 , Chuanbin Yang 3 , Yin Kwan Wong 2 , Fei Xia 1 , Jigang Wang 1

Affiliazioni:     

1 Centro di ricerca sull’artemisinina e Istituto di Materia Medica cinese, Accademia cinese di scienze mediche cinesi

2 Dipartimento di Scienze Biologiche, Università Nazionale di Singapore

3 Dipartimento di Geriatria, Shenzhen People’s Hospital (The Second Clinical Medical College, Jinan University)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: