Mangiare e bere

La fibra alimentare fa bene, tranne quando non lo è

Adv

Le persone che soffrono di malattie infiammatorie intestinali potrebbero presto avere accesso a linee guida dietetiche personalizzate per farli stare bene, grazie a una nuova ricerca pubblicata su Gastroenterology su come le fibre alimentari influiscono sulla malattia.

Il team di ricerca ha scoperto che alcuni tipi di fibre alimentari causano una risposta infiammatoria in alcuni pazienti, causando un peggioramento dei sintomi.

Adv

Ora stanno lavorando per sviluppare un test delle feci per esaminare i microbi presenti nell’intestino di ciascun paziente al fine di prevedere chi avrà la risposta negativa , in modo da poter personalizzare le raccomandazioni dietetiche e il trattamento per i singoli pazienti.

Circa lo 0,7% della popolazione canadese, ovvero una persona su 150, ha le MICI , tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa , e si prevede che crescerà all’uno per cento entro il 2030.

I sintomi dell’IBD possono includere dolore addominale , diarrea, feci sanguinolente, perdita di peso , pubertà tardiva e rischio a lungo termine di cancro del colon-retto. La causa esatta è sconosciuta, ma alcuni fattori di rischio includono genetica, dieta, fattori ambientali e cambiamenti nei microbi intestinali.

“Sappiamo che il consumo di fibre alimentari comporta benefici per la salute e promuovono una buona salute intestinale in individui sani, ma i pazienti con IBD si lamentano abbastanza spesso di una sensibilità quando consumano fibre alimentari”, afferma Heather Armstrong, che ha iniziato la ricerca come ricercatrice post-dottorato presso la U di A ed è ora assistente professore di medicina interna presso l’Università di Manitoba e Canada Research Chair in Integrative Bioscience. “Volevamo davvero capire i meccanismi alla base di questo”.

“Creando questo test delle feci, speriamo di poterti dire come regolare la tua dieta per prevenire riacutizzazioni o ulteriori peggioramenti”, afferma Eytan Wine, professore presso la Facoltà di Medicina e Odontoiatria della U of A. “È una situazione dinamica, quindi è possibile che un certo cibo che dovresti evitare ora, tra qualche mese sarai in grado di mangiarlo di nuovo”.

Non tutte le fibre nascono uguali

A differenza della maggior parte del cibo che mangiamo, la fibra non viene digerita nell’intestino tenue. Piccoli batteri e funghi o “microbiota” nell’intestino crasso o nel colon producono enzimi per fermentare la fibra. Chimicamente, la fibra può essere una breve stringa di zuccheri come la pectina, che si trova negli agrumi, o una struttura molto lunga e ramificata che è più difficile da fermentare.

I ricercatori hanno identificato che specifici tipi di fibre presenti in alimenti come carciofi, radici di cicoria, aglio, asparagi e banane sono particolarmente difficili da fermentare se alcuni microbi mancano o non funzionano correttamente, come spesso accade per i pazienti con IBD.

La fibra ha un effetto antinfiammatorio benefico nella maggior parte delle persone sane e aiuta la digestione, ma i ricercatori hanno scoperto che selezionare fibre non fermentate aumenta effettivamente l’infiammazione e peggiora i sintomi in alcuni pazienti con IBD.

“Vogliamo iniziare a scoprire perché dal 20 al 40 percento dei pazienti soffre di sensibilità”, afferma Armstrong, “mentre nell’altra porzione di pazienti queste fibre alimentari possono effettivamente giovare alla salute e proteggere dalla malattia e avere effetti molto positivi”.

Wine e Armstrong avvertono entrambi che le nuove linee guida dietetiche non sostituiranno i trattamenti farmacologici, ma dovrebbero integrarli in modo che i pazienti possano evitare riacutizzazioni e tornare in remissione più rapidamente quando avvertono un’infiammazione.

“Io stesso ho l’IBD, quindi spesso mi vengono in mente domande di ricerca a cui desidero personalmente una risposta”, afferma Armstrong. “Se riusciamo a trovare un modo per ridurre l’infiammazione correlata alla dieta, potremmo essere in grado di alleviare parte del carico di malattia e persino salvare alcune persone dal progredire verso malattie più gravi”.


Ulteriori informazioni: Heather K. Armstrong et al, Le fibre beta-fruttaniche non fermentate alimentano l’infiammazione in pazienti selezionati con malattie infiammatorie intestinali, Gastroenterology (2022). DOI: 10.1053/j.gastro.2022.09.034

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: