Comunicazione Educazione

Capirsi

La tecnica di comunicazione può migliorare i risultati sulla salute

Una semplice tecnica di comunicazione può migliorare i risultati di salute tra i pazienti diabetici, ma è poco utilizzata dai medici

La gestione del diabete può migliorare quando i medici utilizzano una tecnica di comunicazione interattiva con i pazienti. Sfortunatamente, i medici sottoutilizzano questa semplice strategia, secondo un nuovo studio, apparso su The Archives of Internal Medicine.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che i pazienti non riescono a ricordare o comprendere fino alla metà di ciò che viene loro detto dai loro medici, secondo i ricercatori dell’UCSF. “In questo studio, abbiamo cercato di identificare semplici tecniche di comunicazione che rendano i medici insegnanti più efficaci”, ha affermato Dean Schillinger, MD, assistente professore di medicina dell’UCSF presso il San Francisco General Hospital Medical Center (SFGHMC) e autore principale dello studio.

I ricercatori hanno utilizzato nastri audio di visite effettive presso le cliniche di un ospedale pubblico per misurare la misura in cui i medici di base hanno interagito con i loro pazienti per valutare il ricordo del paziente e la comprensione di nuovi concetti. Hanno registrato visite tra 38 medici e 74 pazienti di lingua inglese con diabete e scarsa alfabetizzazione sanitaria. I risultati dello studio hanno mostrato che i medici hanno utilizzato questa tecnica interattiva solo nel 20% delle visite e solo per il 12% dei nuovi concetti, ha spiegato Schillinger.

I pazienti con scarsa alfabetizzazione sanitaria possono riscontrare problemi che vanno dalla lettura delle etichette su un flacone di pillole, all’interpretazione dei valori di zucchero nel sangue o ai programmi di dosaggio e alla comprensione dei tagliandi degli appuntamenti e degli opuscoli educativi. È più probabile che abbiano anche problemi con la comunicazione orale”, ha affermato Schillinger, spiegando che una scarsa alfabetizzazione sanitaria è comune negli ospedali pubblici e tra gli anziani.

“Alcuni medici hanno chiesto ai pazienti di rispondere alle informazioni appena fornite, mentre altri medici hanno chiesto ai pazienti di riformulare le istruzioni o ‘recuperare’ le informazioni. I pazienti i cui medici valutano esplicitamente il ricordo o la comprensione in questi modi avevano maggiori probabilità di avere un buon controllo del diabete, ha affermato Schillinger. “Abbiamo scoperto che l’utilizzo di questa strategia non richiedeva visite più lunghe. Controllando il ricordo e la comprensione dei pazienti o i concetti critici, più medici potrebbero essere in grado di collaborare efficacemente con i loro pazienti diabetici per ottenere risultati migliori”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: