Batticuore Benessere

Il quartiere fa la differenza

La pedonabilità del quartiere, una misura di quanto sia facile e sicuro camminare per raggiungere le risorse per la vita quotidiana, come un negozio di alimentari, una farmacia, una scuola, un lavoro e una chiesa, è associata a un minor carico di malattie cardiovascolari e rischio, secondo due studi preliminari che saranno presentati alle Scientific Sessions 2022 dell’American Heart Association. L’incontro, tenuto di persona a Chicago e virtualmente, dal 5 al 7 novembre 2022, è un importante scambio globale degli ultimi progressi scientifici , aggiornamenti sulla ricerca e sulla pratica clinica basati sull’evidenza nelle scienze cardiovascolari.

Le malattie cardiovascolari  sono la prima causa di morte negli Stati Uniti e nel mondo, secondo l’  aggiornamento 2022 dell’American Heart Association’s Heart Disease and Stroke Statistics . Una componente chiave per raggiungere una salute cardiovascolare ottimale e ridurre il rischio cardiovascolare è l’  attività fisica e meno di 1 adulto su 4 negli Stati Uniti ha riferito di aver raggiunto la quantità raccomandata di attività fisica, secondo le  linee guida sull’attività fisica del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti del 2018 per americani. Raccomanda agli adulti di impegnarsi in almeno 150 minuti a settimana di attività a intensità moderata o 75 minuti a settimana di attività fisica aerobica a intensità vigorosa per sostanziali benefici per la salute. L’attività fisica è una delle otto componenti essenziali della salute ideale del cuore e del cervello, secondo l’American Heart Association’s 2022 Presidential Advisory,  Life’s Essential 8 .

“Quando l’ambiente di una persona è favorevole alla deambulazione, c’è una maggiore probabilità di impegnarsi in attività fisiche come camminare”, ha spiegato Elizabeth A. Jackson, MD, MPH, FAHA, ex presidente del Committee on Social Determinants of Health dell’American Heart Association . “Ampi dati supportano i benefici cardiovascolari di un’attività fisica regolare, inclusa la camminata, quindi, la progettazione di quartieri percorribili a piedi può aiutare i residenti a migliorare la loro salute cardiovascolare”.

Due nuovi studi, condotti da gruppi di ricerca separati, hanno esplorato come quartieri più pedonabili possono ridurre la prevalenza di malattie cardiovascolari e il rischio di malattie cardiovascolari.

Percorribilità di quartiere e rischio cardiovascolare negli Stati Uniti (Abstract MP91)

In uno studio a livello nazionale, sono stati analizzati più di 70.000 tratti di censimento degli Stati Uniti per esplorare la potenziale associazione tra la percorribilità a livello di quartiere e i fattori di rischio di malattie cardiovascolari e malattie cardiovascolari.

“Il modo in cui le comunità sono progettate è sempre più riconosciuto per avere un ruolo importante nelle malattie cardiovascolari e nei suoi fattori di rischio”, ha affermato l’autore principale dello studio Issam Motairek, MD, ricercatore associato presso l’University Hospital Cleveland Medical Center di Cleveland. “La camminabilità è una metrica di quartiere che riflette quanto sia facile camminare in quel quartiere. Che si tratti di negozi, posti di lavoro o parchi locali, un quartiere percorribile incoraggia le persone a essere più attive fisicamente e le aiuta a mantenersi in salute”.

Motairek e colleghi hanno esaminato il set di dati PLACES dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), che tiene traccia della prevalenza negli Stati Uniti della malattia coronarica e dei fattori di rischio cardiovascolare, come  ipertensionecolesterolo altoobesità e diabete di  tipo 2   dal tratto di censimento . I ricercatori hanno confrontato le informazioni sanitarie del database PLACES con i dati di un indice di percorribilità del tratto censuario del database di posizione intelligente dell’Agenzia per la protezione ambientale per classificare i tratti del censimento in quattro livelli di percorribilità, dal meno percorribile al più percorribile.

L’analisi ha rilevato:

  • La prevalenza di malattie cardiovascolari era notevolmente inferiore, al 5,4%, nei quartieri più percorribili rispetto al 7% nei quartieri meno percorribili.
  • Circa il 36% degli adulti che vivono nei quartieri meno percorribili aveva la pressione alta, il colesterolo alto o l’obesità, rispetto a circa il 30% nei quartieri più percorribili.
  • La prevalenza del diabete di tipo 2 era dell’11,6% nei quartieri meno percorribili rispetto al 10,6% nei quartieri più percorribili.

“Valutando la pedonabilità per ogni quartiere da meno percorribile a più percorribile, abbiamo scoperto che anche dopo aver considerato altri fattori, come sesso, età, razza e vulnerabilità sociale del quartiere, la sola pedonabilità era associata a una diminuzione di circa lo 0,1% malattie cardiovascolari per ogni aumento di un punto del punteggio di camminabilità”, ha detto Motairek. “È importante che i funzionari della sanità pubblica considerino le implicazioni per la salute dei progetti urbani che incoraggiano la percorribilità”.

Una limitazione di questo studio è che si basava sulle informazioni sulla prevalenza della malattia auto-riportate dai dati PLACES.

I coautori con Motairek sono Mohamed HE Makhlouf, MD; Khurram Nasir, MD, MS; Salil V. Deo, MD; Sanjay Rajagopalan, MD; e Sadeer Al-Kindi, MD Le rivelazioni degli autori sono elencate nell’abstract.

Lo studio è stato finanziato dal National Institute on Minority Health and Health Disparities, una divisione del National Institutes of Health.

Una buona pedonabilità nel quartiere è associata a un minor carico di fattori di rischio CV tra i pazienti all’interno di un sistema sanitario integrato: Houston Methodist CVD Learning Health System Registry (Abstract SU3120)

In uno studio condotto solo a Houston, i ricercatori hanno esaminato la città dal punto di vista della pedonabilità, per esaminare se un ambiente più percorribile è associato a fattori di rischio di malattie cardiovascolari, indipendentemente dal carico di malattie cardiovascolari in una popolazione ampia e diversificata all’interno di un sistema sanitario.

Hanno valutato i dati sanitari di oltre 900.000 adulti (età media 52 anni; 59% donne; 15% adulti neri non ispanici; e 16% adulti ispanici) nel registro metodista del sistema sanitario per l’apprendimento delle malattie cardiovascolari di Houston dal 2016 al 2021. Un numero il valore è stato ottenuto per ogni quartiere dal Walk Score, un indice che misura la percorribilità degli indirizzi. Gli intervalli del punteggio di camminata erano compresi tra 0 e 100, con punteggi più alti che rappresentavano indirizzi con una migliore percorribilità. I punteggi delle passeggiate sono stati quindi classificati in quattro categorie: dipendenti dall’auto per tutte le commissioni (0-24); dipendente dall’auto per la maggior parte delle commissioni (25-49); alquanto percorribile (50-69); e molto percorribile (70-100). A seconda del codice postale del partecipante, ciascuno è stato assegnato a una delle quattro categorie di pedonabilità.

È stata analizzata la relazione tra la percorribilità del quartiere e l’onere del rischio cardiovascolare. La bassa salute cardiovascolare è stata definita come avente tre o più fattori di rischio di malattie cardiovascolari; salute media come avente da uno a due fattori di rischio di malattie cardiovascolari; e salute ottimale come adulti che non hanno fattori di rischio di malattie cardiovascolari. I fattori di rischio di malattie cardiovascolari considerati in questo studio includevano ipertensione, fumo, colesterolo alto, obesità e diabete di tipo 2.

L’analisi ha rilevato che per le persone senza malattie cardiovascolari, vivere in un quartiere percorribile a piedi era associato a una probabilità doppia di avere fattori di rischio cardiovascolare ottimali, rispetto alle persone che vivono in un quartiere dipendente dall’auto che ha ottenuto un punteggio di bassa percorribilità. Inoltre, le persone con malattie cardiovascolari che vivono in aree ad alta percorribilità avevano il 58% di probabilità in più di avere un profilo di rischio cardiovascolare ottimale, rispetto alle persone che vivevano in aree a bassa percorribilità.

“Abbiamo scoperto che vivere in un’area molto percorribile può proteggere dai fattori di rischio cardiovascolare tra le persone che hanno malattie cardiovascolari e quelle che non lo fanno”, ha affermato l’autore principale dello studio Omar M. Makram, MD, un borsista post-dottorato presso lo Houston Methodist Hospital di Houston. “Durante l’analisi di questi dati, siamo rimasti sorpresi di osservare che quasi la metà della popolazione nel nostro registro vive in aree classificate come i quartieri meno percorribili, completamente dipendenti dall’auto”, ha affermato.

I ricercatori chiedono inoltre ai responsabili politici di dare la priorità alle risorse per la costruzione di città più pedonabili che offrano un accesso ravvicinato e percorribile a strutture educative, commerciali, alimentari, ricreative e di intrattenimento, per incoraggiare a camminare come un modo normale per spostarsi, secondo Makram.

Un limite di questo studio è che si tratta di una popolazione campione di pazienti per lo più ambulatoriali che hanno ricevuto cure in un sistema di assistenza ospedaliera a Houston, il che potrebbe limitarne la generalizzabilità alla popolazione degli Stati Uniti.

I coautori con Makram sono Nwabunie Nwana, Ph.D., MPH; Charlie Nicolas, BS; Alan P. Pan, MS; Rakesh Gullapelli, MS; Budhaditya Bose, SM; Kobina Hagan, MD, MPH; Tarang Parekh, MD; il domatore Yahya, MD; Zulqarnain Javed, MD, Ph.D.; Kershaw Patel, MD; Sadeer Al-Kindi, MD; Garima Sharma, MD; Stephen L. Jones, MD; Miguel Cainzos-Achirica, MD, Ph.D., MPH; Jay E. Maddock, Ph.D.; e Khurram Nasir, MD, MPH, MS Le rivelazioni degli autori sono elencate negli abstract.

Makram e colleghi non hanno segnalato fonti di finanziamento per lo studio.

La coppia di studi rafforza l’importanza dell’attività fisica e l’impatto della deambulazione sulle malattie cardiovascolari.

“Entrambi gli abstract utilizzano set di dati su larga scala per esaminare l’associazione tra le caratteristiche del vicinato, in questo caso la camminabilità e la salute cardiovascolare ed entrambi gli studi hanno osservato associazioni tra fattori di rischio cardiovascolare e/o malattia coronarica con la camminabilità”, ha affermato Jackson, che è anche il Bourge Professore dotato di medicina, capo divisione ad interim di cardiologia e direttore del programma di ricerca sugli esiti cardiovascolari e sull’efficacia presso l’Università dell’Alabama a Birmingham. “Questi dati supportano la necessità di esaminare la modifica dei quartieri per migliorare la percorribilità e la salute cardiovascolare. Gli operatori sanitari dovrebbero discutere le opportunità di attività fisica con i loro pazienti, comprese le passeggiate nel loro quartiere”.

Le dichiarazioni e le conclusioni degli studi presentati alle riunioni scientifiche dell’American Heart Association sono esclusivamente quelle degli autori dello studio e non riflettono necessariamente la politica o la posizione dell’Associazione. L’Associazione non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza o affidabilità. Gli abstract presentati agli incontri scientifici dell’Associazione non sono sottoposti a revisione paritaria, anzi, sono curati da comitati di revisione indipendenti e sono considerati sulla base del potenziale da aggiungere alla diversità delle questioni scientifiche e dei punti di vista discussi durante l’incontro. I risultati sono considerati preliminari fino alla pubblicazione come manoscritto completo in una rivista scientifica sottoposta a revisione paritaria. 

L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati; anche fondazioni e società (comprese farmaceutiche, produttori di dispositivi e altre società) effettuano donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione ha politiche rigorose per impedire che queste relazioni influenzino il contenuto scientifico. I ricavi delle aziende farmaceutiche e biotecnologiche, dei produttori di dispositivi e dei fornitori di assicurazioni sanitarie e le informazioni finanziarie generali dell’Associazione sono disponibili  qui .

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: