Batticuore Donne e diabete

Questione di censo

Le vulnerabilità sociali, come vivere in povertà, vivere in una famiglia con un solo genitore, non avere un’auto o essere descritto come una minoranza, erano collegate a un aumento del  rischio cardiometabolico durante la gravidanza , secondo una ricerca preliminare di essere presentato alle sessioni scientifiche 2022 dell’American Heart Association. L’incontro, tenuto di persona a Chicago e virtualmente, dal 5 al 7 novembre 2022, è un importante scambio globale degli ultimi progressi scientifici, della ricerca e degli aggiornamenti della pratica clinica basati sull’evidenza nel campo cardiovascolare scienza.

Il numero di decessi correlati alla gravidanza negli Stati Uniti è aumentato negli ultimi anni e circa un terzo di questi decessi sono dovuti a  malattie cardiovascolari , secondo i Centers for Disease Control and Prevention.

In questo studio, i ricercatori hanno esplorato il legame tra fattori cardiometabolici e vulnerabilità sociali.

“Abbiamo esaminato i fattori di rischio cardiometabolico rispetto ai fattori di rischio cardiovascolare perché stiamo esaminando le implicazioni più ampie di tutte le cose che contribuiscono agli esiti cardiaci, inclusi i fattori di rischio sociale”, ha spiegato la ricercatrice principale dello studio Kristen A. Harris, MD, una medicina interna residente presso l’University Hospitals Cleveland Medical Center di Cleveland, Ohio. “L’obesità, l’ipertensione e il diabete di tipo 2, che possono essere influenzati da realtà sfumate come il mancato accesso ai mezzi di trasporto, lo stato socioeconomico che potenzialmente implica il modo in cui si mangia e altri determinanti sociali, possono alimentare una cattiva malattia metabolica, che può aumentare il rischio di malattie cardiache malattia – che sono tutti più compresi nell’ampia definizione di malattia cardiometabolica.

“Identificare e riconoscere gli ostacoli sociali che potrebbero ostacolare l’assistenza sanitaria tra le donne, in particolare le donne in gravidanza, è importante per aumentare gli sforzi di intervento per la salute pubblica”, ha affermato Harris. “Riconoscere queste barriere correlate all’aumento del rischio di malattie cardiovascolari legate alla gravidanza può richiedere un intervento precoce, durante la pianificazione pre-gravidanza o durante le prime visite prenatali”.

I ricercatori hanno confrontato quattro principali fattori di rischio cardiometabolico con una misura combinata della vulnerabilità sociale, chiamata indice di vulnerabilità sociale, che deriva dall’US Census Bureau. Hanno analizzato i dati sanitari per quasi 19 milioni di gravidanze in 577 contee degli Stati Uniti dal 2016 al 2020 e hanno valutato il potenziale collegamento per quattro sottogruppi di vulnerabilità sociale.

I fattori di rischio cardiometabolico identificati per l’analisi di questo studio includevano diabete di tipo 2 pre-gravidanza, ipertensione pre-gravidanza, uso di tabacco e  obesità  , definiti dalle misurazioni dell’indice di massa corporea.

Le vulnerabilità sociali identificate a livello federale includono:

  • status economico e di istruzione, che comprendeva reddito al di sotto del livello di povertà definito a livello federale, disoccupazione, reddito instabile o nessun diploma di scuola superiore;
  • composizione del nucleo familiare e disabilità, caratterizzata da componenti del nucleo familiare portatori di handicap, anziani o figli, o monoparentali;
  • status di minoranza basato su auto-segnalazioni catturate dall’indice di vulnerabilità sociale e scarsa padronanza dell’inglese; e
  • tipo di alloggio e trasporto, che includeva strutture multi-unità, case mobili, affollamento, case di gruppo e/o nessun veicolo.

Tutti e quattro i fattori di rischio cardiometabolico erano associati a una certa vulnerabilità sociale e alcuni avevano associazioni più forti di altri. Ad esempio, l’obesità aveva una probabilità del 95% di essere associata alla vulnerabilità socioeconomica ed era doppia rispetto alla vulnerabilità sociale complessiva. Tuttavia, sebbene il consumo di tabacco fosse direttamente associato allo stato socioeconomico/composizione abitativa e disabilità, con una probabilità del 95%, non era associato alla vulnerabilità sociale complessiva.

“Queste associazioni suggeriscono che coloro che sono stati identificati come socialmente vulnerabili avevano maggiori probabilità di avere queste condizioni cardiometaboliche in generale e durante la gravidanza”, ha detto Harris.

“La vulnerabilità sociale sta giocando un ruolo in una maggiore prevalenza di malattie cardiometaboliche e cardiovascolari nelle donne in gravidanza e nella popolazione generale”, ha affermato. “Questo problema deve essere esaminato ulteriormente in modo da poter iniziare a comprendere e affrontare questi determinanti sociali della salute. I prossimi passi includono l’esame di fattori di rischio sociale più specifici, potenzialmente esaminando causa ed effetto, nonché le associazioni tra vulnerabilità sociale e complicazioni post-gravidanza. La collaborazione con i cardiologi per garantire una gravidanza sicura e un periodo post-gravidanza sano può essere un modo per stabilire una precoce prevenzione e cura delle malattie cardiovascolari e permetterci di identificare più facilmente chi è maggiormente a rischio”.

I risultati non sono sorprendenti per Garima Sharma, MD, FAHA, coautrice di una  dichiarazione politica dell’AHA del 2021 sulla salute materna  e direttrice di cardio ostetricia e vicepresidente associata per le carriere delle donne in medicina accademica presso la Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora.

“Sappiamo che circa il 60% delle persone che entrano in gravidanza negli Stati Uniti ha una salute cardiovascolare non ottimale e abbiamo assistito a un aumento delle malattie cardiometaboliche nella popolazione parto nel paese”, ha detto Sharma. “Poiché questo studio ha esaminato come vivono le persone nei quartieri in cui vivono: come mangiano, quanto hanno accesso alle cure mediche, la composizione della loro famiglia e la loro capacità complessiva di pagare le bollette, ci consente di pensare oltre la semplice prescrizione di farmaci e chiedere ai pazienti di essere più sani e di fare una passeggiata nel loro quartiere che potrebbe non essere un ambiente sicuro. Dobbiamo pensare a come creare comunità migliori e più sicure e migliorare l’accesso alle cure preventive”.

Tra i limiti dello studio c’è che ha trovato solo una relazione tra vulnerabilità sociale e rischi cardiometabolici in gravidanza: non ha dimostrato causa ed effetto. Lo studio non ha incluso specifici determinanti sociali della salute che possono anche svolgere un ruolo, come l’insicurezza alimentare e l’accesso all’assistenza sanitaria. Infine, lo studio ha esaminato solo i rischi cardiovascolari pre-gravidanza e non ha incluso le complicanze post-gravidanza.

I coautori sono Joseph Reed, MD; Tony Dong, MD; e Sadeer Al-Kindi, MD Le rivelazioni degli autori sono elencate nell’abstract.

I ricercatori non hanno segnalato fonti di finanziamento per questo studio.

Le dichiarazioni e le conclusioni degli studi presentati alle riunioni scientifiche dell’American Heart Association sono esclusivamente quelle degli autori dello studio e non riflettono necessariamente la politica o la posizione dell’Associazione. L’Associazione non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza o affidabilità. Gli abstract presentati agli incontri scientifici dell’Associazione non sono sottoposti a revisione paritaria, anzi, sono curati da comitati di revisione indipendenti e sono considerati sulla base del potenziale da aggiungere alla diversità delle questioni scientifiche e dei punti di vista discussi durante l’incontro. I risultati sono considerati preliminari fino alla pubblicazione come manoscritto completo in una rivista scientifica sottoposta a revisione paritaria. L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati; fondazioni e società (comprese farmaceutiche, produttori di dispositivi e altre società) effettuano anche donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione ha politiche rigorose per impedire che queste relazioni influenzino il contenuto scientifico. Sono disponibili i ricavi di aziende farmaceutiche e biotecnologiche, produttori di dispositivi e fornitori di assicurazioni sanitarie e le informazioni finanziarie complessive dell’Associazione qui .

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: