Assistenza sociosanitaria

Sperequazioni sanitarie: aumentano le diseguaglianze

Adv

I paesi a basso e medio reddito faticano a fornire assistenza sanitaria ad alcuni, mentre altri ricevono troppe medicine

L’accesso a un’assistenza sanitaria di qualità è un diritto umano fondamentale. Eppure più della metà della popolazione mondiale non può ottenere nemmeno l’ assistenza sanitaria più essenziale . I costi diretti spingono centinaia di milioni di persone nella povertà estrema

La soluzione promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e da molte nazioni è quella di fornire una copertura sanitaria universale, come il sistema Medicare australiano. Raggiungerlo è uno degli obiettivi chiave degli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite .

Adv

Sorprendentemente, una delle sfide legate all’aumento dell’accesso all’assistenza sanitaria è il pericolo di ottenerne troppa. Troppi test, trattamenti e diagnosi non necessari causano danni alle persone e sprecano risorse preziose.

La sovradiagnosi e l’uso eccessivo dell’assistenza sanitaria sprecano circa il 20% della spesa sanitaria nei paesi ad alto reddito.

Con un team globale di oltre 30 ricercatori, abbiamo valutato la situazione nei paesi a basso e medio reddito . Ciò includeva l’analisi di oltre 500 articoli scientifici che riportavano studi che coinvolgono quasi 8 milioni di partecipanti o servizi sanitari, provenienti da oltre 80 paesi a basso e medio reddito.

Le nostre prime recensioni di scoping al mondo – pubblicate oggi su BMJ Global Health e sul Bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità – suggeriscono che i problemi di troppa medicina sono già diffusi nei paesi a basso e medio reddito. Ecco un’istantanea di ciò che abbiamo trovato.

Sovradiagnosticare il cancro alla tiroide

Negli ultimi anni è cresciuta la consapevolezza che molti piccoli tumori della tiroide vengono erroneamente diagnosticati e trattati come cancro, anche in Australia . Sulla base delle prove che abbiamo scoperto, questo sta colpendo i sistemi sanitari ovunque.

La sovradiagnosi del cancro della tiroide si verifica quando a una persona viene diagnosticato un cancro “innocuo” che non cresce mai o cresce molto lentamente e non avrebbe causato alcun problema anche se non trattato.

La sovradiagnosi dei tumori della tiroide può causare danni psicologici, finanziari e fisici, inclusa la rimozione non necessaria della tiroide e complicazioni correlate.

Un’analisi ha incluso più di 5 milioni di pazienti con tumori della tiroide provenienti da più di 50 paesi. Ha riscontrato tassi molto elevati di cancro alla tiroide in alcuni paesi a basso e medio reddito. Tuttavia, i tassi di mortalità per cancro alla tiroide erano rimasti invariati in questi paesi, suggerendo fortemente una diagnosi molto non necessaria.

Uno studio recente su oltre 27.000 persone in Cina ha stimato che tre pazienti su quattro con diagnosi di cancro alla tiroide potrebbero essere sovradiagnosticati. Quello studio ha anche riscontrato enormi variazioni nella stima della sovradiagnosi tra le regioni della Cina.

Letto d'ospedale vuoto

Sovradiagnosticare la malaria

La sovradiagnosi della malaria si verifica quando le persone che non sono portatrici di parassiti della malaria vengono diagnosticate erroneamente e ricevono un trattamento antimalarico.

Uno studio su oltre 3.000 pazienti provenienti da 95 centri sanitari in Sudan ha riscontrato un crescente riconoscimento della sovradiagnosi della malaria e ha calcolato che questo ha sprecato più di 80 milioni di dollari nell’anno 2000.

La malaria è endemica in molti paesi asiatici e africani. Tuttavia, quando la malaria viene diagnosticata in modo errato, potrebbero non essere rilevate gravi infezioni non malariche e sprecare farmaci.

Test di imaging dispendiosi

Nel 2014 in Iran, uno studio ha rilevato che metà delle richieste di risonanza magnetica (MRI) per la lombalgia erano inadeguate o non necessarie.

Un altro studio del 2021 in Iran, ha stimato che il costo dell’uso inappropriato dell’imaging cerebrale in soli tre ospedali universitari sia superiore a 100.000 dollari.

Test di imaging non necessari deviano risorse scarse e possono portare a trattamenti non necessari.

Prescrizioni eccessive di medicinali

In Libano, uno studio del 2020 ha rilevato un massiccio uso eccessivo di farmaci per lo stomaco chiamati inibitori della pompa protonica, con più di due persone su tre che li assumono inutilmente. Ogni anno venivano sprecati circa 25 milioni di dollari.

Un ampio studio globale nel 2020 ha esaminato l’uso di antibiotici tra oltre 65.000 bambini sotto i cinque anni in otto paesi a basso e medio reddito: Haiti, Kenya, Malawi, Namibia, Nepal, Senegal, Tanzania e Uganda. I ricercatori hanno scoperto che gli antibiotici sono stati prescritti a oltre l’80% dei bambini con diagnosi di malattie respiratorie e la maggior parte di queste prescrizioni sono state ritenute non necessarie.

L’uso non necessario di antibiotici ha potenziali danni, inclusa la resistenza agli antibiotici, quando i batteri si adattano e gli antibiotici diventano meno efficaci. La resistenza antibatterica è una delle principali cause di morte nel mondo, con gli oneri più elevati nei paesi e nei servizi con risorse limitate.

Disparità basate sulla ricchezza

Le nostre revisioni hanno trovato esempi di troppa medicina insieme a sottoutilizzo nei paesi a basso e medio reddito.

Un ampio studio su oltre 70 paesi a basso e medio reddito ha rilevato un’enorme disuguaglianza nei tassi di tagli cesarei. Mentre le persone più povere avevano un accesso inadeguato ai tagli cesarei d’urgenza, i più ricchi potevano ottenerli quando non erano necessari.

Le donne indiane fanno la fila in una clinica per la gravidanza

È ora di affrontare sprechi e danni

L’ Organizzazione Mondiale della Sanità osserva che mentre il mondo si muove verso la copertura sanitaria universale, è un buon momento per affrontare gli sprechi e i danni causati dalla diagnosi eccessiva e dall’uso eccessivo.

È anche un problema che possiamo risolvere insieme. Come ha osservato l’OMS , “i 194 ministeri della salute con cui l’OMS lavora tutti affrontano questo problema”.

Le soluzioni sono già in fase di sperimentazione, anche se non abbastanza spesso. Un esempio è un ampio studio in Ghana, che ha scoperto che l’introduzione di nuovi test diagnostici rapidi potrebbe dimezzare i tassi di cure non necessarie per la malaria.

Tuttavia, senza ulteriori azioni, troppe persone nei paesi a basso e medio reddito si ritroveranno a non avere accesso a servizi sanitari efficaci, insieme a un uso eccessivo in alcune aree.

Basandosi sui risultati delle nostre revisioni, miriamo a costruire un’alleanza globale per ridurre la diagnosi eccessiva e l’uso eccessivo dei servizi sanitari nei paesi a basso e medio reddito. Questo sforzo collaborativo cercherà di sviluppare e valutare potenziali soluzioni.


Articolo ripubblicato da The Conversation, sotto una licenza Creative Commons, per leggere il contributo originale clicca qui.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: