Ricerca

Partendo dalle basi

Un nuovo modo per curare le ferite del diabete attivando il meccanismo “nascosto” nel corpo

I ricercatori della Scuola di Medicina dell’Università dell’Indiana stanno cercando modi per curare le ferite utilizzando una proteina curativa che è attiva nei feti, ma in gran parte inattiva negli adulti e assente negli adulti diabetici.

“Sappiamo già da studi precedenti presso altre istituzioni che se un feto è ferito, può rigenerare il tessuto o ripararlo per farlo tornare come nuovo”, ha affermato  Chandan K. Sen, PhD , vicepresidente associato della ricerca militare e applicata, il J. Stanley Battersby presidente e illustre professore di chirurgia e direttore  dell’Indiana Center for Regenerative Medicine and Engineering  presso la Indiana University School of Medicine. “Ma dopo la nascita, tale capacità rigenerativa di guarigione delle ferite viene persa. La guarigione negli adulti è relativamente inefficiente, spesso associata a formazione di cicatrici indesiderate”.

Nello studio,  pubblicato di recente su Molecular Therapy , il team si è concentrato su una proteina chiamata fosfolipide idroperossido glutatione perossidasi non contenente selenocisteina, o NPGPx. NPGPx è attivo nel tessuto fetale ma diventa per lo più inattivo nella pelle dopo la nascita.

“La natura nasconde essenzialmente questo percorso di riparazione rigenerativa fetale nel corpo adulto”, ha detto Sen. “Abbiamo individuato la sua assenza e poi l’abbiamo attivata per migliorare la guarigione delle ferite diabetiche”.

I ricercatori hanno utilizzato  la tecnologia di nanotrasfezione tissutale sviluppata dalla facoltà dell’ICRME  per fornire il gene NPGPx al sito della ferita. Le ferite diabetiche, che sono lesioni cutanee complicate nelle persone con diabete, sono particolarmente difficili da trattare e spesso portano ad amputazioni o altre complicazioni a causa della facilità con cui possono essere infettate.

“Questo è un nuovo entusiasmante approccio per sfruttare i meccanismi di riparazione fetale per chiudere le ferite diabetiche negli adulti”, ha affermato Sen. “I risultati dello studio mostrano che mentre NPGPx è noto per essere abbondante nella pelle fetale, ma non dopo la nascita, può essere riattivato nella pelle dopo un infortunio. Non vediamo l’ora di continuare lo studio con l’obiettivo di ottenere una riparazione rigenerativa più completa migliorando la nostra comprensione di come funziona NPGPx”.

Oltre a Sen, gli autori dello studio di IU includono  Subhadip Ghatak, PhD ,  Savita Khanna, PhD ,  Sashwati Roy, PhD ,  Mohamed El Masry, MD, PhD ,  Anu Sharma, PhD ,  Ravichand Palakurti, PhD ,  Yi Xuan, PhD e  Mervin Yoder, MD . Questo studio è stato sostenuto dalle borse di studio della Lilly Indiana Collaborative Initiative for Talent Enrichment (INCITE) a CKS e SR. Questo studio è stato anche sostenuto da sovvenzioni del National Institutes of Health e del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Leggi la  pubblicazione completa in Terapia Molecolare .

Ulteriori informazioni sulla ricerca presso  l’Indiana Center for Regenerative Medicine .

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: