Benessere

L’obesità infantile accorcerà davvero la vita?

Adv

L’aumento dell’aspettativa di vita è una delle grandi storie di successo. Se sei nato nel 1870, ti aspetteresti di vivere fino a 30 anni. Ma se sei nato oggi, ti aspetteresti di vivere fino a 72 anni, e l’ONU prevede che continuerà a crescere fino a 82 anni entro il 2100. L‘aspettativa di vita è attualmente di 84 ad esempio per gli australiani.

C’è l’occasionale inconveniente – guerre mondiali, carestie, pandemie (anche il COVID sembra aver ridotto di circa un anno l’aspettativa di vita a livello globale ) – ma nel tempo continua a marciare.

Adv

Ecco perché sono stato sorpreso di leggere un rapporto di Health and Wellbeing Queensland , un’agenzia governativa, che suggerisce come l’aspettativa di vita è destinata a diminuire di 0,6-4,1 anni per i bambini nati nel Queensland. Secondo il rapporto, il problema è l’obesità.

 

Sebbene essere in sovrappeso e obesi aumenti il ??rischio di malattie gravi, non significa che i bambini nati nel Queensland o nel resto dell’Australia avranno un’aspettativa di vita più breve.

L’obesità infantile non sta aumentando molto, ma diventiamo più pesanti con l’età

La proporzione di bambini obesi e in sovrappeso in Australia è aumentata molto rapidamente dal 1970 circa, ma si è stabilizzata a circa il 25% a metà degli anni ’90, e da allora è rimasta tale.

Ma la probabilità di diventare sovrappeso o obesi aumenta nel corso della vita, o almeno fino alla profonda vecchiaia. Quindi, man mano che l’attuale raccolto di bambini invecchia, diventano più pesanti. Quando avevo 40 anni, il 55% della mia coorte era in sovrappeso o obeso. Quando avevo 60 anni, era del 75%.

Sia l’aspettativa di vita che l’obesità sono aumentate

L’obesità aumenta il rischio delle principali malattie killer: patologie cardiache, ictus, diabete e cancro e molte altre condizioni.

Quindi, sostiene il rapporto Health and Wellbeing Queensland, possiamo aspettarci uno tsunami di decessi legati all’obesità in futuro, anche senza un aumento degli attuali livelli di obesità infantile.

A prima vista, questo suona plausibile.

Ma l’aspettativa di vita è in aumento nei paesi in cui l’obesità è in crescita da decenni. La riduzione dell’aspettativa di vita legata all’obesità precedentemente prevista non si è verificata.

 

L’obesità è associata a un rischio più elevato di morte, ma non se sono moderatamente sovrappeso

Una serie di studi che hanno coinvolto milioni di persone rileva, in modo piuttosto controintuitivo, che sebbene le persone leggermente sovrappeso abbiano maggiori probabilità di ammalarsi di malattie cardiache e diabete, o di soffrire di ictus, vivono più a lungo.

Questi studi rilevano che l’aspettativa di vita è massima con un indice di massa corporea (BMI) di circa 27: praticamente nel mezzo della fascia di sovrappeso.

Tuttavia, l’obesità (BMI di 30 o più) è costantemente associata a un rischio più elevato di morte prematura.

Donna sulle scale
Il nostro peso tende ad aumentare con l’età. Shutterstock

Allora qual è il problema con il rapporto?

In primo luogo, il rapporto presuppone “attività come al solito”, ovvero i livelli di obesità infantile rimarranno elevati e il rischio di malattie e morte associati a un determinato livello di grasso non cambierà.

Ma gli affari non sono mai come al solito. Le cure mediche migliorano, la dieta e l’attività cambiano.

In effetti, diversi studi hanno scoperto che il livello di grasso associato al minor rischio di morte è aumentato nel tempo.

Uno studio danese ha rilevato che in una coorte del 1977, il rischio di morte più basso si verificava con un BMI di 24. Nel 1992 era 25 e nel 2008 era 27. Ciò probabilmente riflette un migliore trattamento medico delle persone in sovrappeso o obese .

Quindi, quando questi bambini raggiungeranno l’età adulta, anche se rimangono obesi, le loro possibilità di morire prematuramente saranno inferiori rispetto a oggi.

 

Alcuni dati alla base della modellazione sono discutibili

C’è un secondo problema con questo rapporto. Per stimare quanto il sovrappeso o l’obesità aumenti il ??rischio di morte, il rapporto si basa su uno studio del 2009 condotto da un gruppo con sede all’Università di Oxford chiamato The Prospective Studies Collaboration.

In contrasto con gli studi sopra menzionati, questo studio ha rilevato che il rischio di morte era più basso con un BMI di circa 23-24.

Tuttavia, lo studio si basava in parte sull’altezza e sul peso auto-riferiti e le persone tendono a sottovalutare il proprio indice di massa corporea (tutti pensiamo di essere un po’ più alti e un po’ più magri di quanto siamo in realtà).

Questo pregiudizio significa che in questi studi basati sull’autovalutazione, il rischio di morte più basso si verifica effettivamente a un BMI più elevato, piuttosto che al 23-24 riportato.

Questo difetto metodologico (e altri) è stato evidenziato in relazione a uno studio diverso che utilizza una metodologia simile.

Un altro problema è che con l’avanzare dell’età, l’IMC associato al minor rischio di morte aumenta. Uno studio britannico ha rilevato che sotto i 50 anni, il BMI “meno letale” è di circa 23. All’età di 80 anni, è più vicino a 28.

In modo che quando le persone invecchiano, livelli più elevati di grasso comportano meno rischi. Ciò può essere dovuto al fatto che il grasso fornisce una riserva nutrizionale, o attutisce le cadute, o perché le persone anziane ottengono cure mediche migliori.

La donna cammina sul sentiero con i pali
Gli studi sull’aspettativa di vita non sono quelli che ti aspetteresti. Shutterstock

Separare la scienza dall’attivismo

Infine, mi preoccupa che il rapporto sia apertamente attivista nelle sue intenzioni.

Il sommario esecutivo afferma che “per costruire una licenza sociale” per cambiamenti come le tasse sullo zucchero e i divieti pubblicitari:

le persone devono accettare la gravità della situazione e credere che mantenere un peso sano per i bambini non sia solo una responsabilità dei genitori.

Questa conclusione non è in alcun modo giustificata da questa relazione. Il rapporto non analizza affatto i fattori che guidano l’obesità. Fa semplicemente una proiezione matematica dell’aspettativa di vita.

Di tanto in tanto emergono previsioni sull’aspettativa di vita e dovremmo sempre essere cauti nel prenderle per valore nominale. Come aveva detto il campione di  baseball statunitense Yogi Berra : “È difficile fare previsioni, soprattutto sul futuro”.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .La conversazione

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: