Benessere

Diabete di tipo 1: la maggiore prevalenza di squilibri metabolici nei bambini durante la pandemia COVID-19 indica un problema irrisolto con la diagnosi precoce del diabete

Se i bambini e i giovani hanno già sviluppato squilibri metabolici (chetoacidosi diabetica) al momento della diagnosi di diabete di tipo 1 (T1D), ciò può comportare complicazioni come degenze prolungate in ospedale, controllo a lungo termine dei livelli di zucchero nel sangue, cervello edema, o anche un tasso di mortalità più elevato. Durante la pandemia di COVID-19, i centri per il diabete di tutto il mondo hanno osservato una maggiore prevalenza di chetoacidosi diabetica nei casi diagnosticati di T1D. I ricercatori della DZD, insieme a colleghi internazionali, hanno studiato se il numero di casi di chetoacidosi diabetica associati alla diagnosi di T1D pediatrico fosse aumentato più del previsto. Per raggiungere questo obiettivo, hanno analizzato il numero di casi di chetoacidosi diabetica prima e durante la pandemia.

Studio multicentrico internazionale
Il team ha valutato i dati di 13 registri nazionali del diabete (Australia, Austria, Danimarca, Germania, Italia, Lussemburgo, Nuova Zelanda, Norvegia, Svezia, Slovenia, Repubblica Ceca, USA [Colorado] e Galles). La coorte di studio era composta da 104.290 bambini e giovani di età compresa tra 6 mesi e 18 anni a cui è stato diagnosticato il T1D tra il 1 gennaio 2006 e il 31 dicembre 2021. La prevalenza osservata di chetoacidosi diabetica nel 2020 e nel 2021 è stata confrontata con le previsioni basate sugli anni prima della pandemia (2006–2019).

L’aumento della prevalenza della chetoacidosi diabetica durante la pandemia è stato maggiore del previsto
Tra il 2006 e il 2019, 23.775 su 87.228 bambini hanno avuto chetoacidosi diabetica quando è stato diagnosticato il T1D (27,3%). L’aumento medio annuo della prevalenza della chetoacidosi diabetica per l’intera coorte tra il 2006 e il 2019 è stato dell’1,6%. Durante la pandemia, i numeri erano significativamente al di sopra delle prevalenze previste. Nel 2020, la prevalenza osservata aggiustata della chetoacidosi diabetica era del 39,4% (prevalenza prevista 32,5%) e del 38,9% nel 2021 (prevalenza prevista 33,0%).

“La crescente prevalenza della chetoacidosi diabetica associata alla diagnosi di diabete di tipo 1 nei bambini è un problema globale. C’era già un aumento della prevalenza prima della pandemia di COVID-19. Durante la pandemia, questo aumento è stato ancora maggiore”, riassume lo scienziato DZD Prof. Reinhard W. Holl dell’Università di Ulm. Gli autori dello studio sottolineano che fornire una spiegazione completa dei classici sintomi del T1D nell’infanzia al pubblico in generale, a coloro che sono attivi negli asili nido o negli asili nido e ai medici di base potrebbe aiutare a sensibilizzare sui sintomi del T1D. Inoltre, potrebbero essere utilizzate misure di salute pubblica, ad esempio attuando un programma generale di screening degli autoanticorpi delle cellule insulari per i bambini per ridurre il numero di pericolosi squilibri metabolici.

Pubblicazione originale:
Niels H Birkebaek…Reinhard W Holl, Ondrej Cinek et al.: Impact of the COVID-19 pandemic on long-term trends in the prevalence of diabetic ketoacidosis at diagnostic of pediatric type 1 diabete: uno studio multicentrico internazionale basato sui dati da 13 registri nazionali del diabete . The Lancet Diabetes & Endocrinology, 2022. DOI: doi.org/10.1016/S2213-8587(22)00246-7 .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: